menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giancarlo Pedote (al centro) Velista dell'Anno 2013, assieme a Croce e Alessandra Sensini

Giancarlo Pedote (al centro) Velista dell'Anno 2013, assieme a Croce e Alessandra Sensini

Alphard vince. Ferrarese Velista U.25

Il J24 Alphard vince l'invernale Città di Taranto. Simone Ferrarese invece riceve il prestigioso premio Velista dell'Anno 2013 Under 25.

Ultime dalla vela pugliese. Dopo dodici prove è Ita 419 Alphard, il J24 della Sezione velica della Marina Militare di Taranto timonato da Mimmo Bottiglione a laurearsi campione d'inverno (13 punti) anticipando sul podio Ita 427 Jebedee armato e timonato da Nino Soriano (CN Il Maestrale, 27 punti) e Ita 406 Doctor J (CN L'Approdo) di Sandro Negro (28 punti). A soli due punti di distacco la barca brindisina Ex JdF di Angelo Lombardo (Lni Brindisi, 30 punti). Quindici barche dell'VIII Zona Fiv hanno partecipato all'invernale "Città di Taranto" in Mar Grande. Eventuali rivincite sono rimandate a settembre, al campionato zonale di classe che questa volta non coincide con le regate tarantine.

Una buona notizia arriva da Roma, dalla serata a Villa Miani per la manifestazione "Il Velista dell'Anno 2013": il premio Velista Under 25 - "Carlo Marincovich" è andato a Simone Ferrarese, vincitore della Congressional Cup - Match Race. Nato a Bari nel 1988, già a 10 anni, Simone Ferrarese entra a far parte della squadra nazionale nella classe Optimist. Nel 2013 conquista una storica vittoria alla Congressional Cup in California (evento di match race secondo per importanza solo all'America's Cup), battendo in finale Ed Baird il vincitore dell'America's Cup 2007 con Alinghi.

Ferrarese inoltre chiude al secondo posto il Campionato Europeo di match race e finisce sul terzo gradino del podio nella tappa svedese del World Match Racing Tour. Attualmente è numero 8 al mondo nella ranking list di match race. Ormai non più solo una promessa, Simone Ferrarese riceve il premio 20 anni dopo il padre Roberto (anche sua madre, Ines Montefusco, leccese, è stata campionessa italiana della specialità del match race).

«Vincere la Congressional Cup-match race è stato un risultato incredibile, anche perché arrivato in una sfida con Ed Baird, trionfatore nell'America's Cup 2007 con Alinghi. In questo percorso mi hanno aiutato moltissimo i miei genitori, entrambi velisti ed esperti di match race, che facendomi da sparring partner hanno dato una spinta alla mia crescita sportiva», ha dichiarato Simone Ferrarese.

Il premio assoluto Velista dell'Anno 2013 è andato invece al velista oceanico Giancarlo Pedote. Pedote è stato eletto dalla giuria per gli ottimi risultati ottenuti nel corso del 2013 sul mini Prysmian 6,50: il titolo di Champion de France 2013, il primo posto nella ranking list mondiale della classe mini categoria proto. La competizione, serratissima, lo ha visto prevalere su un fortissimo parterre di campioni: da Francesco Bruni, tattico di Luna Rossa e vincitore della l'Argo Gold Cup - match race, a Federico Michetti, Campione del Mondo Melges 24; da Michele Paoletti, vicecampione del mondo Melges 32 e vincitore delle Audi Sailing Series su Fantastica a Flavia Tartaglini, campionessa del mondo RS-X.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid in Puglia: calano ancora i ricoveri, ma i numeri restano alti

  • Cronaca

    Auto rubate tornano in circolazione come cloni: due arresti

  • Politica

    Il Tar dà ragione a Maiorano, eletto sindaco per due voti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento