rotate-mobile
Altro

Il Wushu Club di San VIto dei Normanni si mette in luce al Titans Ju Jitsu Seminar

Si è svolto in Grecia ad Atene, il 5 e 6 Marzo 2022, uno dei più importanti appuntamenti di formazione e confronto per gli appassionati dell'arte marziale

Si è svolto in Grecia, ad Atene, il 5 e 6 Marzo 2022, uno dei più importanti appuntamenti di formazione e confronto per gli appassionati di Ju Jitsu: il Titans Ju Jitsu Seminar 22, un intenso fine settimana dedicato al Ju Jitsu, organizzato dalla Titans, società greca di spicco a livello internazionale, con la presenza di vari maestri e campioni del mondo in carica. Erano presenti varie nazioni. Per l'Italia era presente l'organizzazione Aijj Am, di cui il maestro Carlucci è presidente, con quattro società: Shinsen, Rayon Alliste, Nisen e la Wushu Club di San Vito dei Normanni, quest'ultima con ben 13 atleti.

Il maestro Carlucci ha fortemente desiderato la partecipazione a tale evento, sia per l'importanza del confronto agonistico internazionale, sia per la partecipazione a un seminario di altissimo livello con docenti pluri medagliati a livello internazionale e soprattutto per stringere nuove amicizie e stringere collaborazioni con paesi esteri. L’evento è stato caratterizzato da due giornate di full immersion di Ju Jitsu nelle specialità di Duo System, Fighting Sistem e Ne Waza.

Parte integrante del seminario è stato il confronto competitivo Open, dove gli atleti della Wushu Club sono stati protagonisti mettendosi in luce avendo la meglio su atleti campioni e vicecampioni del mondo in carica. Questi i nomi degli atleti sanvitesi protagonisti: Ruggiero Desirèe, Cipulli Paolo, Raganato Andrea, Ligorio Marco, Cipulli Davide, Roma Angelo, Ardone Sara, Raganato Arianna, Tinella Melissa, Roma Silvia, Cantanna Martina, Ligorio Andrea e Moliterni Mario.

La Wushu Club di San Vito dei Normanni esprime "grandissima soddisfazione per i nostri atleti, elogiati da diversi maestri internazionali per l'alto livello tecnico e con l'augurio di vederli presto partecipi alle ufficiali competizioni internazionali". Per il maestro Carlucci, la soddisfazione ancor più grande è stata caratterizzata non solo dall'entusiasmante e inaspettato risultato dei ragazzi, ma dallo svolgimento di tutta la trasferta in sé: vedere i ragazzi uniti, confrontarsi, incitarsi, fare nuove amicizie sperimentando la propria conoscenza nell'inglese, il tutto a dispetto della situazione attuale che il mondo vive. Con la dimostrazione che lo sport supera tutte le barriere, lo sport è pace.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Wushu Club di San VIto dei Normanni si mette in luce al Titans Ju Jitsu Seminar

BrindisiReport è in caricamento