menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Basket: approda a Ostuni il play-guardia americano Arik Smith

La Cestistica Ostuni ha ingaggiato per la stagione 2016/17 il play guardia americano Arik Smith, classe 1993, considerato uno dei migliori giocatori dell’intero girone pugliese della Serie C Silver

OSTUNI - La Cestistica Ostuni ha ingaggiato per la stagione 2016/17 il play guardia americano Arik Smith, classe 1993, considerato uno dei migliori giocatori dell’intero girone pugliese della Serie C Silver. Originario della California e proveniente dalla Cal Lutheran University, Arik è un giocatore di talento, come ha dimostrato nella scorsa stagione a Sora, dove nel suo anno da rookie ha incantato fino a vincere il titolo di miglior playmaker del campionato.

Fisico compatto, e grande atleta, nella Serie C Gold del Lazio ha segnato oltre 23 punti di media in 29 partite: grazie al suo buon ball handling e la sua visione di gioco, è un attaccante completo, in grado di giocare bene sia da play che nella posizione di guardia. “Un amico mi ha parlato benissimo della vostra città”, le sue prime parole da giocatore gialloblù. “Sono molto eccitato all’idea di giocare a Ostuni quest’anno, credo che sarà una bella esperienza, con un bel gruppo di bravi ragazzi. Io sono un giocatore molto fisico e atletico, sono in grado di fare tante cose utili in campo e voglio aiutare la mia squadra e i miei compagni a vincere”.

Con l’arrivo di Arik Smith, che va ad aggiungersi alla conferma di Giuseppe Tanzarella e all’ingaggio di Stefano Mihalich e Tommaso Manchisi, la Cestistica Ostuni potrà dunque contare nella prossima stagione su un reparto esterni di altissimo livello. Una buona notizia per coach Enrico Curiale, che dal prossimo 18 agosto inizierà la preparazione per affrontare il prossimo campionato di Serie C Silver. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento