Domenica, 21 Luglio 2024
Sport

Arriva l'Olimpia Milano, Sacchetti: "Dobbiamo vincerle tutte". Scott in dubbio

Sabato alle ore 19,30 Enel Brindisi-Armani Jeans Milano al PalaPentassuglia. "Vogliamo i playoff, contro Milano dovremo fare più punti e aumentare il livello difensivo"

BRINDISI – La questione palazzetto è da un paio di giorni il principale argomento di discussione sul fronte cestistico, ma il campo non può passare in secondo piano, perché sabato pomeriggio (palla a due alle ore 19,30) l’Enel Brindisi è attesa da un durissimo impegno contro la capolista Milano. Dopo le sconfitte rimediate contro Sassari e Pesaro, i biancazzurri di coach Sacchetti non possono permettersi un ulteriore passo falso. Altrimenti la corsa verso la zona playoff, già parecchio impervia, verrebbe definitivamente compromessa. A quattro giornate dalla fine del massimo campionato, infatti, l’Enel è a due lunghezze dall’ottavo posto, occupato da Pistoia.

“Mancano quattro finali – dichiara coach Meo Sacchetti nel corso della conferenza stampa di presentazione della partita svoltasi nel pomeriggio al PalaPentassuglia – non c’è più tempo di recuperare. Dobbiamo cercare di vincere tutte e quattro le partite, perché è nell’interesse di tutti i giocatori disputate i playoff.”. Sacchetti preferisce non commentare le dure dichiarazioni rilasciate da Nando Marino sull’atteggiamento della squadra e sull’operato dello stesso tecnico, dopo il ko rimediato domenica scorsa contro Pesaro.

“Non ho voglia di rispondere”, dichiara secco il coach. Tornando sulla sconfitta all’over time rimediata cinque giorni fa, però, Sacchetti un piccolo cruccio ce l’ha. “Avrei potuto dare qualche minuto in più – ammette l’allenatore – a Spanghero, per non gravare di falli Goss alla fine e tenercelo per gli ultimi minuti”. Ma adesso c’è da pensare a un’Olimpia Milano che nelle ultime giornate, con il primo posto in cassaforte, qualche punto lo ha lasciato alle avversarie.

“Il loro rallentamento – dichiara Sacchetti – è dovuto a degli infortuni accusati fra le partite di coppa e quelle di campionato. Adesso che non c’è più la coppa di mezzo, stanno recuperando qualche giocatore. Non penso però che una squadra di questo livello abbia già la testa ai playoff”. Gli unici dubbi di formazione sono legati alla presenza di Scott, che per tutta la settimana non si è allenato, e Cardillo, allenatosi “a spizzichi e bocconi” per un problema al ginocchio.

“Oggi – spiega Sacchetti – proveremo Scott e decideremo se potrà giocare o meno”. Il tecnico pugliese chiede ai suoi di “aumentare il livello difensivo, fare più canestri e non concedere transizioni, in cui Milano è molto brava”. Potrebbero essere queste le chiavi tattiche del match.

La terna arbitrale sarà composta da Tolga Sahin, Alessandro Vicino e Mark Baertoli. Due di questi, Sahin e Vicino, avevano già arbitrato il match fra Enel Brindisi e Milano disputatosi lo scorso 16 febbraio a Rimini, per i quarti di finale delle Final eight di Coppa Italia. Quella partita, come i tifosi brindisni ricorderanno, venne decisa a fil di sirena da un canestro di Macvan. Gli arbitri consultarono l’instant replay per accertare se la palla avesse lasciato la mano (anzi, la punta del dito indice) del cestista dell’Armani prima o dopo il suono della sirena. Alla fine il canestro venne convalidato. Ma numerosi addetti ai lavori neutrali, fra cui il telecronista di Sky Sport, Flavio Tranqulllo, manifestarono forti riserve su questa decisione. 

A far da cornice alla partita ci sarà un PalaPentassuglia sold out (la biglietteria aprirà alle ore 17:30 esclusivamente per la consegna degli accrediti, per il ritiro dei tickets acquistati on-line e per la residuale vendita di ‘numero 7’ singoli tagliandi non contigui, mentre i cancelli apriranno alle ore 18,45). E a proposito di palazzetto, Sacchetti non poteva non fare delle considerazioni sulla decisione del consiglio federale di aumentare a 5mila posti a sedere la capienza minima di un impianto per poter disputare il campionato di Serie A, a partire dalla stagione agonistica 2018-19.

“E’ giusto – afferma Sacchetti – che ci siano degli impianti a norma. Ma non si possono cambiare le regole fa un anno all’altro. I tempi dovrebbero essere dilatati. Come Brindisi, ci sono tante altre squadre i cui impianti non soddisfano il requisito dei 5mila posti a sedere. Alcuni palazzetti possono essere ampliati, ma altri dovrebbero essere fatti ex novo. Le scadenze fissate dal consiglio federale mi sembrano molto ristrette. Mi auguro che questa decisione non sia stata presa per avere grandi città nel massimo campionato. Penso e spero che il valore sportivo debba sempre contare di più”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arriva l'Olimpia Milano, Sacchetti: "Dobbiamo vincerle tutte". Scott in dubbio
BrindisiReport è in caricamento