rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Sport

Atroce beffa a fil di sirena: Happy Casa Brindisi battuta da Cantù

Una tripla clamorosa di Thomas condanna la Happy Casa alla sconfitta (86-88). I biancazzurri ultimi al giro di boa

BRINDISI - Una incredibile tripla di Thomas a fil di sirena regala la vittoria a Cantù (86-88) sul parquet del PalaPentassuglia, al termine di una partita vibrante e ricca di emozioni. I biancazzurri, a quattro secondi dalla fine, sembrava ce l'avessero fatta, grazie a due tiri liberi di Moore. Ma il basket non smette mai di regalare soroprese.

Arriva così una sconfitta che relega la New Basket all'ultimo posto in classifica, a pari punti con Pistoia, Pesaro e Varese. Gli uomini di coach Vitucci chiudono il girone d'andata a quota otto punti. La delusione era palpabile fra i 3500 del palasport di contrada Masseriola, mentre lasciavano gli spalti. Ma nulla si puà rimproverare a Moore & co. La partita è stata costantemente sul filo dell'equilibrio. Con delle percentuali di tiro migliori (pessimo il 3/14 d tre dei biancazzurri), Brindisi avrebbe fatto sua la posta in palio. 

Brindisi-Cantù 18-2

Primo quarto

L’avvio di gara è vivace. Cantù, pronti via, va in vantaggio di quattro punti. La reazione dei biancazzurri è immediata. Il risultato di parità torna rapidamente a campeggiare sui tabelloni. Lalanne gioca con determinazione sotto le plance. E’ lui il principale terminale della manovra. Ad avviare l’azione, come di consueto, è Moore. In campo si vedono giocate di alta scuola. Come lo splendido passaggio no look con cui Chappel, al 10’, serve a Burns l’assist del 20-20. Alla fine del quarto, Brindisi è avanti di due (22-20).

Mesicek Brindisi-Cantù 13 18-2

Secondo quarto

Coach Vitucci schiera nello starting five Suggs, Tepic, Smith, Moore e Lalanne. Cardillo, in lutto per la morte del suocere, l’operatore mortuale Massimo Sciscio, non va a referto. Cantù risponde con Smith Jaime, Culpepper, Crosariol, Chappel, Burns.Nel secondo periodo si abbassa il livello tecnico della contesa e si vedono numerosi errori, perlopiù dettati dalla fretta, sia da una parte che dall’altra. A sbagliare di meno è Cantù, che al 14’ è di nuovo avanti di 4 (24-28) e poi allunga ulteriormente (28-35) al 16’. La Stella del Sud fa fatica a trovare la via del canestro. La palla spesso finisce fra le mani di Suggs, che nel pitturato, circondato dagli avversari, si ritrova isolato. Ma nell’ultimo minuto del periodo i padroni di casa cambiano passo, chiudendo il primo tempo con due soli punti di distacco dai piemontesi (39-41).

Happy Casa Brindisi - Red October Cantù: le foto

Terzo quarto

Anche dopo la pausa lunga persiste una situazione di assoluto equilibrio. Fra le file di Cantù è incontenibile Thomas, che sotto canestro sprigiona il suo strapotere fisico. Fa la sua figura anche Smith, fondamentale nel finalizzare le azioni imbastite dall'Happy Casa. I ritmi della contesa sono eelevatissimi. Il PalaPentassuglia mugugna per una serie di decisioni della terna che penalizzano la New Basket, che si mantiene per tutto il quarto a un possesso di distanza dagli avversari, ma chiude con un passivo di cinque punti (56-61).

Ultimo quarto

Brindisi, come al solito, tira con percentuali pessime da tre. Ma è una tripla di Mesicek, al 32', a dare una scossa a una Happy Casa in leggera sofferenza, stoppando il tentativo di Cantù di portare dalla sua l'inerzia della partita. Approfittando di un tecnico per eccesso di esultanza fischiato a Culpepper, anzi, gli uomini di coach Vitucci effettuano il sorpasso (65-63 al 34'). L'ago della bilancia pende nuovamente da parte di Cantù al 35', quando gli ospiti prima vanno a bersaglio con una tripla dell'ex Cournooh poi, sfruttando un errore dei biancazzurri, vanno a bersaglio con un fulmine contropiede, portandosi sul più sei (67-73). Ma gli ospiti non riescono a chiudere la partita, grazie alla caparbietà della New Basket. A 24 secondi dalla fine del match, Brindisi è sotto di 3 (82-85). Poi, sul -1, grazie a una colossale ingenuità degli uomini di coach Sodini, Moore si presenta sulla lunetta, realizzando i punti di un clamoroso sorpasso. Ma a un secondo dalla fine, Thomas, con una tripla mostruosa, regala a Cantù una vittoria che garantisce ai piemontesi la qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia, da sesti classificati. Fra sette giorni, Brindisi cercherà il riscatto in casa di Torino

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atroce beffa a fil di sirena: Happy Casa Brindisi battuta da Cantù

BrindisiReport è in caricamento