rotate-mobile
Sport

Avellino sornione, Marra: "A Brindisi non saremo rinunciatari"

BRINDISI – Squadra che vince non si cambia. Carlo Florimbj, allenatore del Brindisi, si atterrà a questa massima. Contro l’Avellino, salvo ripensamenti dell’ultima ora, dovrebbe mandare in campo la stessa formazione che domenica scorsa ha battuto la coriacea Isola Liri. In porta ci sarà Marconato. La linea difensiva avrà a destra Coduti, a sinistra Fruci; centrali Taurino e La Rosa. In mediana Cejas e Pizzolla; a destra Piro, al centro Moscelli, a destra Alessandrì. E punta con licenza di spaziare e farsi trovare al momento opportuno nella posizione giusta il bomber Ceccarelli che ha esordito domenica scorsa con una doppietta.

BRINDISI - Squadra che vince non si cambia. Carlo Florimbj, allenatore del Brindisi, si atterrà a questa massima. Contro l'Avellino, salvo ripensamenti dell'ultima ora, dovrebbe mandare in campo la stessa formazione che domenica scorsa ha battuto la coriacea Isola Liri. In porta ci sarà Marconato. La linea difensiva avrà a destra Coduti, a sinistra Fruci; centrali Taurino e La Rosa. In mediana Cejas e Pizzolla; a destra Piro, al centro Moscelli, a destra Alessandrì. E punta con licenza di spaziare e farsi trovare al momento opportuno nella posizione giusta il bomber Ceccarelli che ha esordito domenica scorsa con una doppietta.

I nuovi acquisti Lispi, Mannoni, Vicentini, potrebbero andare in panchina. Tra i nuovi arrivati c'è anche l'attaccante Di Matteo. Pure lui potrebbe andare in panchina. Dipende, ovviamente, dalla loro condizione. Per Ceccarelli è stato più semplice. Lui aveva svolto la preparazione con il Cosenza e pochi giorni prima di passare al Brindisi aveva giocato nelle file della squadra calabrese. In panchina di sicuro ci sarà anche Maiorino, pronto a scendere in campo quando la stanchezza prenderà il sopravvento sui giocatori che scenderanno in campo sin dal primo momento.

L'avversario di domani è l'Avellino. Una squadra di tutto rispetto che viene accreditata come una delle pretendenti alla vittoria del campionato. Questo, ovviamente, sulla carta. Perché poi bisognerà vedere in campo come la squadra risponderà. Intanto, domenica scorsa nell'esordio casalingo non è andato oltre il pareggio.

"Faremo la nostra gara - dice Salvatore Marra, allenatore dell'Avellino -. Affronteremo una squadra - dice riferendosi al Brindisi - che gioca al calcio e non baderà a difendersi. Sarà una gara aperta a qualsiasi risultato. A Brindisi non saremo rinunciatari, cercheremo di portare la gara dalla nostra parte. Non ho ancora deciso se utilizzerò Scandurra. Dietro la punta collocherò Rega e Panatteri. Non arriviamo a Brindisi per vincere, ma per confrontarci con una squadra che punta a vincere il campionato".

Florimbj ovviamente non si fida di questo Avellino. Ai suoi ha raccomandato massima concentrazione e determinazione. "Ogni avversario va rispettato e affrontato con grande concentrazione e determinazione", ripete continuamente ai suoi giocatori. Questa mattina c'è stata la rifinitura. I giocatori stanno tutti bene. Subito dopo, squadra e tecnici si sono trasferiti nell'Hotel Internazionale per il tradizionale ritiro che precede la gara. La partita avrà inizio alle 15. La gara sarà diretta da Andrea De Faveri di San Donà di Piave; primo assistente sarà Francesco di Salvo di Barletta, secondo assistente Sandro Lobozzo di Foggia.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avellino sornione, Marra: "A Brindisi non saremo rinunciatari"

BrindisiReport è in caricamento