Sport

Basket: Grande festa per i 10 anni dell'Aurora Brindisi

Riceviamo e pubblichiamo un ihntervento del presidente dell'Aurora Basket Brindisi, Gianfranco Patera, sui 10 anni di vita del sodalizio cestistico brindisino

Riceviamo e pubblichiamo un ihntervento del presidente dell'Aurora Basket Brindisi, Gianfranco Patera, sui 10 anni di vita del sodalizio cestistico brindisino.

Sembra ieri quando il 6 Settembre 2006, dopo una estate passata a discuterne, abbiamo deciso di fondare la Associazione Polisportiva Dilettantistica Aurora Brindisi. Invece sono passati 10 anni da quel giorno in cui si è dato vita all'Aurora, nata con la precisa volontà di fare pallacanestro giovanile. Quest'idea non si sarebbe mai potuta concretizzare senza la condivisione da parte di un gruppo di amici che hanno messo a disposizione ancor prima che tempo, denaro e sacrifici personali, la passione.

La passione verso un progetto che ancora oggi si alimenta di una passione genuina verso questo sport e verso i ragazzi che si avvicinano all'Aurora. Un gruppo di persone che ha costruito questo progetto, gli ha dato forza e che ha avuto la capacità di coinvolgere tutti coloro, dirigenti e tecnici, che via via si sono avvicinati e hanno reso l'Aurora sempre più importante. Le colonne portanti della società a cominciare da Patrizia, Silvana, Rosaria, Anna, Elena, Francesco,Giovanni, Luigi, Vito e Mimmo, senza dimenticare l'aiuto fisioterapico e non solo di Mariantonietta... man mano si sono avvicianti Mario, Arnaldo, Michele, Ruben, Piero, Fabio,Sergio, Massimiliano tutti coinvolti in questa passione per fare qualcosa per i giovani, per i ragazzi, per i bambini.

A stretto contatto con i soci apporto fondamentale è quello dato dai tutti i dirigenti accompagnatori che hanno seguito le squadre neli palazzetti non solo regionali ma di tutta Italia e allora un grazie a Patrizia, Anna, Alessandra, Mario, Pino, Augusto, Antonio, Gepi. Una nota particolare per il lavoro svolto da Ruben, che ha messo a disposizione la sua esperienza svolgendo le mansioni di direttore sportivo, e nell'ultimo anno di Letizia, che sta rivoluzionando la presentazione grafica di tutta la società e di Alberta che si sta occupando dal 2016 di marketing. Tutta questa organizzazione, che è sorretta dalla professionalità di Patrizia, anima dietro le quinte dell'Aurora, è stata di supporto a chi ha lavorato con professionalita, perseveranza e passione con i ragazzi: i tecnici. Se si parla di tecnici non si può che partire da Patrizia (Bevilacqua) la prima che ha abbracciato il progetto Aurora e che continua a lavorare con i bambini con grande sagacia e con lo spirito giovanile che il tempo non ha minimamente scalfito; insieme a Patrizia l'altro fondamentale "padre" tecnico dell'Aurora è stato Vito Rongone, un ottimo istruttore giovanile, che, purtroppo, non ha continuato il suo impegno rendendo orfana l'Aurora del suo importante contributo.

Non sono stati molti i tecnici che si sono alternati nella guida delle squadre Aurora e credetemi sono stati tutti importanti per la continuità nel lavoro a cominciare da chi è stato per pochi mesi come Luigi Attorre, Amerigo Santacesaria o per una stagione come Antonio Lapalma, Paolo Zongoli e per chi invece ha segnato pagine importanti come Mimmo De Vita, Gianluca Quarta e Roberto Fiusco senza dimenticare il contributo del mitico prof.Rino Campeggio.

E adesso gli attuali istruttori a cominciare da Sandro Arrighi, il più longevo per militanza e fresco vincitore del titolo U15Ecc il suo primo ma speriamo non ultimo; Rosaria Balsamo passione coinvolgente e cuore in mano nel guidare i propri ragazzi al miglioramento giornaliero; Giacomo Leuzzi anche lui vincitore quest'anno del titolo regionale U15 Elite, nonostante tutti i problemi lavorativi; Giuseppe Tasso che si è affiancato al gruppo Aquilotti e che speriamo possa avere maggiore disponibilità per il prossimo anno, Sergio Gervasi, contributo importante per le leve "più grandi" e l'ultima "new entry" Gabriele Castellitto che sicuramente arricchirà il patrimonio cestistico dello Staff tecnico.

Per ultimo non si può dimenticare il lavoro oscuro e preziosissimo svolto da Primo Rossi, lavoro attestato dai miglioramenti dei ragazzi non solo fisico-atletici ma anche mentali. Dulcis in fundo i veri protagonisti gli atleti: i bambini che sono diventati ragazzi, poi giovani e che adesso si affacciano alla vita di adulti. E allora i ricordi sono tanti, innumerevoli: le vittorie sono facili da ricordare ma anche le sconfitte che ci hanno dato maggior vigore a tornare a lavorare in palestra.

I campionati regionali vinti, la partecipazione alle finali interregionali anzichè a quelle nazionali, le Finali Nazionali Join The Game anzichè i tornei che ci hanno portato a girare tutta l'Italia, da Varese a Castellammare, da Bormio a Favignana, da Vienna a Rimini. Il pensiero va a Marcello, e a tutti quei ragazzi che hanno smesso ma che all'Aurora hanno dato e ricevuto tanto. Il grazie va a tutti coloro che continuano a giocare ma soprattutto a coloro eche invece hanno smesso proseguendo gli studi universitari, o la carriera militare anziche introdursi nel mondo lavorativo. Ma un ultimo grazie va a tutti i genitori che ci hanno affidato, ci affidano e ci affideranno i proprio figli. Grazie a Tutti

P.S. In questo elenco non ho citato il ruolo della mia famiglia e soprattutto quello delle mie figlie le mie "fidate" consigliere che mi hanno supportato e sopportato in questo cammino, spronandomi nei momenti bui e attraverso un confronto con le loro idee e accese "discussioni" mi hanno stimolato a condurre l'Aurora dove è ora e chissà insieme a nostri exatleti portare avanti questa società per altri decenni.
I festeggiamenti si sono svolti il 9 settembre allo 0831 Advertising Space con la presenza del presidente provicnciale del CONI Dott. Cainazzo e l'assessore allo sport del Comune di Brindisi Prof.ssa Greco’

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Basket: Grande festa per i 10 anni dell'Aurora Brindisi

BrindisiReport è in caricamento