Basket, l'Ostuni a caccia della vittoria perduta

OSTUNI - “Attendiamo con ansia l’altro campionato dei play off”, ripete da giorni Giovanni Putignano, coach dell’Ostuni Basket. Ma questo non vuol dire che domenica a Barcellona Pozzo di Gotto l’Ostuni farà la comparsa. Tutt’altro. La squadra gialloblù giocherà come sempre, con la determinazione che la caratterizza, alla ricerca dei due punti anche perché con questa fase del campionato, definita “ad orologio” , inventata per adeguare il girone B al girone A che è composto da due squadre in più, la classifica potrà subire delle variazioni.

OSTUNI -  “Attendiamo con ansia l’altro campionato dei play off”, ripete da giorni Giovanni Putignano, coach dell’Ostuni Basket. Ma questo non vuol dire che domenica a Barcellona Pozzo di Gotto l’Ostuni farà la comparsa. Tutt’altro. La squadra gialloblù giocherà come sempre, con la determinazione che la caratterizza, alla ricerca dei due punti anche perché con questa fase del campionato, definita “ad orologio” , inventata per adeguare il girone B al girone A che è composto da due squadre in più, la classifica potrà subire delle variazioni. E quindi le posizioni per i play off che iniziano tra venti giorni sono ancora da definire.

In questa fase ad orologio domenica, dopo la pausa pasquale, la prima in classifica gioca con la seconda, la terza con la quarta, e così via. Domenica 18 invece la prima gioca con l’ottava, la seconda con la terza, la quarta con la quinta e la seta con la settima. I due punti che le squadre totalizzeranno saranno sommati a quelli dell’attuale classifica. E sulla base di questa classifica finale si stabilirà la griglia play off.

Facile immaginare, dunque, che Barcellona-Ostuni, sarà una gara combattuta e molto aperta, anche se il favore è tutto dalla parte del Barcellona, che gioca in casa, forte della prima posizione in classifica (40 punti contro i 36 dell’Ostuni). Con i padroni di casa che faranno di tutto per strappare i due punti agli ostunesi e quindi rimarginare la ferita aperta nella gara del 21 febbraio scorso quando i siciliani, dinanzi al loro pubblico, furono travolti dai ragazzi di Giovanni Putignano.

Fu una vittoria stupenda, a coronamento di un campionato inaspettato per questa squadra rivelazione. Ma probabilmente per sforzo psico-fisico al quale la squadra si sottopose in quel match di Barcellona, i gialloblù da allora hanno inanellato tre sconfitte in quattro gare.

Ora Morena e compagni vogliono riprendere la strada maestra e tornare ad essere grandi. Intanto in questa fase, per poi arrivare ai play off nel migliore dei modi.

“I temi tattici della partita sono noti e poco c’è da delegare alla tattica o alle tattiche – fa sapere l’Ufficio stampa della squadra ostunese -. Le squadre si conoscono e prevarrà la voglia di misurasi in una sfida aperta”. Quindi battaglia a tutto campo per conquistare i due punti in palio. Se prevarranno i siciliani il margine di vantaggio si allungherà a sei punti. Se invece saranno gli ostunesi a prevalere si ridurrà a due lunghezze e magari nella domenica successiva, quando l’Ostuni ospiterà il San Severo e il Barcellona andrà a giocare in casa dell’ottava in classifica, potrebbe accadere qualcosa di inaspettato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bomba, App di un brindisino emigrato a Londra dopo la laurea

  • Scontro fra auto e bici: muore infermiera, un arresto per omicidio stradale

  • Bomba, centro commerciale Le Colonne: il 15 dicembre apertura anticipata

  • Bomba: le direttive sull'evacuazione e l'elenco aggiornato delle vie

  • Ospedale Perrino, l'oncologa Palma Fedele premiata per empatia con le pazienti

  • Bombe, Torino: evacuati in 10mila. Il 15 dicembre toccherà ai brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento