rotate-mobile
Basket

Dalla “difesa-bunker” di Happy Casa la prestigiosa vittoria contro Reyer Venezia

Coach Vitucci l'artefice della vittoria scaccia crisi con una serie di mosse che hanno spiazzato l'allenatore di Venezia, De Raffaele. Reed si candida a nuovo idolo della tifoseria. Ora servirà continuità per poter raggiungere l'obiettivo delle Final Eight

BRINDISI - Happy Casa Brindisi ha recuperato la propria anima e questa volta, con il cuore, la testa e la grinta necessaria, è ritornata alla vittoria contro Reyer Venezia (75-63), nella partita più difficile, per molti versi decisiva per la classifica e che potrebbe segnare una svolta al campionato. Così dalla paura di trovarsi coinvolti nella zona retrocessione ora Happy Casa Brindisi, con la riconquistata fiducia e sulla base di una prestazione altamente convincente e positiva di tutti i suoi giocatori, dall’ottava posizione di classifica, può guardare e puntare con fiducia ad uno dei posti che danno diritto di accesso alle Final Eight di Coppa Italia, in programma al PalAlpitour di Torino dal 15 al 19 febbraio del prossimo anno. La prova convincente disputata da tutta la squadra, infatti, fa ora sperare in una ripresa che sia finalmente costante e non altalenante, come lo è stata finora, avvicendando prestazioni di buon livello (Napoli, Brescia e Derthona) a crolli ingiustificati (Pesaro e Bologna).

La “mossa shock” di coach Vitucci 

A dare il via alla superlativa prestazione della squadra è stato coach Vitucci con la prima mossa a sorpresa. Schierando Bruno Mascolo in quintetto base nel ruolo di play e lasciando in panchina l’evanescente Ky Bowman, il coach brindisino ha ottenuto il doppio effetto di motivare Mascolo ed allo stesso tempo di provocare la reazione positiva del play ex Nba. Bruno Mascolo, con Marquise Reed e Jason Burnell, è stato l’autentico trascinatore della squadra restando in campo per 31 minuti, realizzando 14 punti, molti dei quali nei momenti più delicati della partita, e portando grinta ed intensità alla condotta della squadra, con una difesa che ha costretto a piantare Venezia sul 0/8 da 3 punti e 5 palle perse. Ma anche Ky Bowman è parso più reattivo, anche se il suo score finale non è certamente esaltante e ci si aspetta ancora che confermi le sue qualità da ex Nba. (Nella foto in basso, Vitucci e Bowman)

Reed e Vitucci

Divieto di sorpasso con “super Reed”

Dopo una rincorsa affannosa la Reyer Venezia ha recuperato dal 17-6 del primo quarto all’unico sorpasso della partita, quello del 28-29, a meno di 4 minuti dalla fine del primo tempo. Ma è stato un attimo, giusto il tempo perché ancora Bruno Mascolo rimettesse tutto in ordine con la tripla del 31-29, lasciando poi che lo straordinario Marcquise Reed realizzasse 8 punti consecutivi per mettere la freccia del controsorpasso ed allungare definitivamente il vantaggio. Sarà proprio Reed il protagonista assoluto della partita, il migliore in campo con i suoi 28 punti realizzati in 31 minuti di presenza, con 9/17   tiri dal campo,8/8 nel tiri liberi,2 falli fatti e 7 subiti e 30 di valutazione. Reed aveva già ben impressionato nelle prime partite di campionato ma si era poi perso nel grigiore generale delle prestazioni di squadra contro Pesaro, Bologna ed in Europe Cup. Se Reed dovesse riuscire a mantenere questo standard di rendimento Happy Casa Brindisi avrebbe ritrovato un nuovo idolo, il trascinatore che sembrava finora mancasse alla squadra, la guardia che la tradizione vorrebbe essere il simbolo della Happy Casa. (Nella foto in basso, Bruno Mascolo)

Esultanza Happy Casa dopo Venezia

Dalla “difesa bunker” di coach Vitucci il salto di qualità di Happy Casa

Coach Vitucci ha perfettamente preparato il progetto partita e lo ha realizzato in ogni dettaglio, sistemando e mettendo appunto una difesa straordinaria, trasformando quello che era stato il reparto più debole della squadra in un vero e proprio punto di forza. Il coach brindisino ha sorpreso e messo chiaramente in difficoltà il suo collega, coach De Raffaele, schierando la  squadra con la difesa “a zona”, con varianti di “zone press” a tutto campo, alternandola con l’abituale difesa “a uomo”, che ha avuto esito positivo perché ha potuto contare sul sacrificio e sulla collaborazione di tutti i giocatori impegnati, come chiaramente si evince dal basso punteggio numerico finale (solo 63 punti realizzati da una squadra che dispone di un roster eccellente e di tiratori di talento, dalle 20 palle perse e dai 3 rimbalzi offensivi, dai giocatori della Reyer).

Bayehe

Da Jason Burnell (10 punti con 4/8 dal campo e 5 rimbalzi), ma con tanta autorità e sicurezza, vero punto di forza della squadra, a Mezzanotte, a Riismaa, a Perkins ed al sorprendente Bayehe (6 punti,3/3 da 2 punti e 6 rimbalzi!), tutti hanno contribuito a quella che era stata la richiesta pressante di costruire una difesa di gruppo e curare la fase difensiva in ogni dettaglio, contro una delle migliori formazioni del campionato. Coach Vitucci ha eseguito alla perfezione il progetto partita, alternando tutti i suoi giocatori in campo al momento giusto, chiamando con tempestività e nei momenti più opportuni i “time out” utili al conseguimento del risultato, prendendosi un clamorosa soddisfazione contro la sua ex squadra.

Ora serve continuità per realizzare gli obiettivi in programma

Sulla base della prestazione convincente ottenuta contro Venezia, ma ricordando anche le vittorie con Napoli, Brescia e Derthona, ora emerge la necessità di avere continuità di rendimento ed essere consequenziali per raggiungere i risultati che società, sponsor e tifosi si attendono dalla squadra. Happy Casa affronterà squadre che si dice essere della stessa fascia, a cominciare dalla doppia trasferta in programma a Trieste e Treviso, rispettivamente l’11 ed il 18 dicembre, per ritornare a PalaPentassuglia il 26 contro Ginova Scafati, ed iniziare il 2023 con la trasferta di Trento, il 2 gennaio ed il ritorno in casa l’8 gennaio contro Varese. Un ciclo di partite che dirà tutta la verità sulle ambizioni di Happy Casa edizione 2022/23. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla “difesa-bunker” di Happy Casa la prestigiosa vittoria contro Reyer Venezia

BrindisiReport è in caricamento