rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Basket

Raphael Gaspardo fa’ l’americano e trascina Happy Casa alla prima vittoria

Numeri da record per l'ala della New Basket nella sfida contro il Banco di Sardegna Sassari. Importanti progressi anche da parte di Adrian. Mercoledì impegno europeo contro Holon

BRINDISI - Questa volta Raphael Gaspardo si prende di diritto la copertina della prima pagina per la straordinaria prestazione fornita contro la Dinamo Sassari. Il giocatore di Happy Casa ha fatto registrare numeri da “americano”: 29 punti realizzati in 27 minuti di presenza di gioco, con 11/12 di tiri complessivi realizzati dal campo, di cui un fantastico 7/8 da 3 punti, 4/4 da 2 punti, e 34 di valutazione per una vittoria contro la Dinamo Sassari che porta il suo nome. Tutta la squadra ha beneficiato della eccellente prestazione di Gaspardo, mostrando chiari sintomi di miglioramento rispetto alla prima precedente prestazione di Trieste.

Black out da evitare

Solo nell’ultimo quarto, quando mancavano 3’ e 47” fine dell’incontro, la squadra si è trovata in difficoltà e Sassari ne ha approfittato per riaprire la partita portandosi a -4 punti (76-72). Con Gaspardo in panchina e con in campo un quintetto atipico, senza la guida di un play e con Josh Perkins fuori con 3 falli a carico (Zanelli era assente per un infortunio subito durante la fase di rifinitura degli allenamenti), Happy Casa ha subito il ritorno della Dinamo fin quando coach Vitucci non ha richiamato in campo Gaspardo e Josh Perkins per chiudere la partita con un nuovo break.

Nando Marino e Josh Perkins-2

Consistenti miglioramenti ha fatto registrare Adrian Nathan con una prestazione fatta di 17 punti, con 6/11 dal campo e 6 rimbalzi, ma anche di una buona presenza sotto canestro ed in difesa, così come buona impressione ha destato Josh Perkins con i 16 punti realizzati con 4/6 da 3 punti e 2/2 da 2 punti, e ben 7 assist forniti ai suoi compagni. Il play di Happy Casa va tuttavia meglio disciplinato per evitare le palle perse (7 in partita) ed per utilizzare con più raziocinio le sue capacità ed il suo estro.

Il canestro che non c’è e la rabbia del coach 

Il cronometro scandisce gli ultimi decimi di gara da giocare ma c’è ancora la possibilità di andare a canestro con una facile soluzione. La palla è in mano a Nathan Adrian che però si ferma per aspettare il fischio finale di chiusura della parità, con il risultato acquisito di 89-80 mentre tutta la panchina e coach Vitucci si affannano a fargli capire che un canestro in più spesso può salvarti la classifica.

Adrian (Happy Casa Brindisi)

Ma il bravo Nathan è spalle alla panchina e poi ha ormai deciso di concludere la partita da fermo e con il pallone tra le mani mentre coach Vitucci vorrebbe inseguirlo fin negli spogliatoi. La speranza è che quei punti che avrebbero potuto allungare la differenza canestri non saranno poi decisivi per le posizioni di classifica che decideranno l’accesso alle Final Eight ma anche ai Play Off.  

Carmelo Lo Guzzo, l’arbitro “delegante”

Nella designazione ufficiale Carmelo Lo Guzzo figurava come I° arbitro indicato a dirigere la partita Happy Casa Brindisi-Dinamo Sassari. Si dirà “una garanzia” tenuto conto del profilo professionale dell’arbitro nato a Catanzaro e trasferitosi poi a Pisa. Un arbitro internazionale, premio Reverberi 2020, da oltre 23 stagioni in serie A, spesso designato a dirigere gli incontri più difficili e di cartello, per la sua preparazione tecnica e la personalità con cui conduce le partite. Tutto ti aspetti, insomma, tranne che in una partita per lui di ordinaria amministrazione, deleghi il suo “secondo” Alessandro Vicino da Argelata, a prendere le decisioni più importanti fischiando in anticipo azioni di gioco fallosi e provvedimenti spesso fuori luogo e mal interpretati. Un atteggiamento non da Carmelo Lo Guzzo, insomma, lasciare ad Alessandro Vicino di trasformare una partita tranquilla e di estrema correttezza in una continua corsa all’errore che ha fatto irritare la “panchina” brindisina ed il pubblico del PalaPentassuglia.

Mercoledì esordio europeo

Mercoledì prossimo (6 ottobre), intanto, la Happy Casa tornerà nuovamente in campo al PalaPentassuglia, per l'esordio nella Basketball Champions League contro la squadra israeliana dell'Hapoel Holon, già affrontata nella passata edizione della competizione europea. Palla a due alle ore 20:30. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raphael Gaspardo fa’ l’americano e trascina Happy Casa alla prima vittoria

BrindisiReport è in caricamento