rotate-mobile
Basket

Entusiasmo alle stelle per coach Bucchi: "Sono tornato per una nuova scalata in A1"

Decine di tifosi hanno assistito alla presentazione del nuovo allenatore della New Basket: "Vogliamo essere protagonisti, ci siamo e siamo pronti a ripartire tutti insieme"

BRINDISI – La delusione per la retrocessione è ancora cocente, ma il ritorno di Piero Bucchi ha riacceso l’entusiasmo. Decine di tifosi hanno riempito la sala stampa “Corlianò” del PalaPentassuglia, per accogliere il nuovo coach della New Basket Brindisi, tornato in quella che lui definisce la sua casa, dopo otto anni. I supporters hanno intonato il coro: “Ce l’abbiamo noi, ce l’abbiamo noi, Piero Bucchi ce l’abbiamo noi”. Il tecnico 66enne originario di Bologna li ha ricambiati con: “Che belli che siete”. Al fianco dell’allenatore c’erano il presidente Nando Marino e il vicepresidente Mino Distante. Presente, a sorpresa, anche il sindaco Giuseppe Marchionna.

VIDEO: "SONO TORNATO A CASA, L'ACCOGLIENZA DEI TIFOSI MI FA BATTERE IL CUORE"

Presentazione Bucchi

Nell’estate 2011, Bucchi rilevò una squadra appena retrocessa dopo una parentesi di un anno in A1. Ora la storia si ripete, ma con una differenza sostanziale: Brindisi torna nella seconda serie dopo aver inanellato 12 anni consecutivi in A1. La serie fu inaugurata proprio da Bucchi, che nel 2011-12 riportò subito la squadra nella massima categoria.

Inevitabile un parallelismo con il passato. “La telefonata di Marino – dichiara il coach – mi ha toccato e mi ha fatto pensare”. Tredici anni fa, il tecnico disse subito di sì. Stavolta ha fatto una “riflessione profonda”. “Ho sentito – spiega – un grande senso di responsabilità”. La società gli ha proposto un triennale, ma il coach ha preferito un biennale, con l’obiettivo di riconquistare l’A1 entro un paio di anni. “Vogliamo essere protagonisti – dichiara – ci vogliamo essere assolutamente. Sono qua per cercare, insieme a voi, di provare a fare un’altra scalata. Nando mi ha chiamato subito dopo la retrocessione. Mia moglie (presente in sala stampa, ndr) è stata una spinta importante. Ci siamo e siamo pronti a ripartire”. 

L'entusiasmo dei tifosi

Ora ci sarà da costruire la squadra, in sinergia con il general manager, Tullio Marino, e il direttore sportivo, Leo De Ricke. “Ci vorrà una squadra molto profonda – dichiara Bucchi - capace di resistere alle difficoltà che il campionato ci metterà di fronte”. La costruzione del gruppo degli italiani sarà “la prima priorità”: “Se non trovi giocatori validi sotto i tabelloni, devi mettere un americano e adeguarti al perimetro”.

La pattuglia di italiani già in forza alla New Basket (Laquintana, Riismaa, Bayehe) potrebbe essere un buon punto di partenza. “I ragazzi che sono qua - spiega Bucchi- sono sotto osservazione. Sono giocatori di valore. Stiamo valutando il loro desiderio di restare e il loro ruolo nel gruppo”. Bucchi riferisce di aver avuto il primo incontro con De Ricke e con uno staff tecnico di cui è molto contento, a partire dal brindisino doc Marco Esposito e da Marco Cardillo, suo ex giocatore, che rientra nel ruolo di assistant coach. 

La presentazione (2)-2

Con la società, la sintonia è totale. “Trovo una società solida – spiega – che ha fatto tanta esperienza. Ci aspetta un campionato duro. I nervi saranno messi a dura prova”. Il mandato conferito a Bucchi è inequivocabile. “Piero torna a Brindisi – afferma il presidente Marino – con un progetto per riportarci in Serie A”. 

Rimani aggiornato sulle notizie dalla tua provincia iscrivendoti al nostro canale whatsapp: clicca qui 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Entusiasmo alle stelle per coach Bucchi: "Sono tornato per una nuova scalata in A1"

BrindisiReport è in caricamento