menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Brindisi batte Veroli 81-72

BRINDISI - E luce fu. L'Enel Basket finalmente sconfigge la bestia nera Veroli, per 81 a 72, e rimane a 2 punti di distanza in classifica dalla Dinamo Sassari, anche se in coabitazione con Reggio Emilia che vince di misura contro Udine. La squadra di coach Perdichizzi comincia la partita contro la Prima riprendendo da dove aveva lasciato sabato scorso.

BRINDISI - E luce fu. L'Enel Basket finalmente sconfigge la bestia nera Veroli, per 81 a 72, e rimane a 2 punti di distanza in classifica dalla Dinamo Sassari, anche se in coabitazione con Reggio Emilia che vince di misura contro Udine. La squadra di coach Perdichizzi comincia la partita contro la Prima riprendendo da dove aveva lasciato sabato scorso. Anche se gli avversari iniziano a viso aperto (5 a 0 per loro nei primissimi minuti), i brindisini riprendono subito le redini del gioco e fanno capire che sono loro i padroni di casa e che - almeno questa volta - non hanno nessuna intenzione di fare regali. Grande intensità difensiva e rotazioni che funzionano come un orologio svizzero, tengono una delle squadre più pericolose offensivamente in Legadue, a soli 12 punti il primo quarto e a 16 il secondo.

La scelta di bloccare le bocche di fuoco Nissim e Drapper, raddoppiati nei giochi a due con il centro, porta grande vantaggio ai brindisini. I due finiranno la partita molto sotto le loro medie: rispettivamente a 7 e a 12 punti. Ma non si poteva pensare che Veroli avrebbe lasciato andare la partita senza tentare il tutto per tutto. Infatti coach Cancellieri mischiando un po' le carte , cambiando difesa e modificando le formazioni, con meno altezza ma più velocità e pressione difensiva, porta la sua squadra a rifarsi sotto nel punteggio arrivando a meno 3 dai brindisini.

Il pubblico del Palapentassuglia, memore del recente passato blocca il fiato per un attimo, ma l'Enel ancora una volta dimostra di essere sulla strada giusta. Rimane concentrata giocando in attacco in modo ragionato e ricompattando la difesa che continua ad essere la sua arma principale. Il risultato finale - 81 a 72 - vede i brindisini vincitori.

A dimostrazione che la forza della squadra è nel gruppo, nel gioco corale, e che tutti gli elementi sono pronti a sacrificarsi per un'unica causa. Non è eccessivo, a questo punto, iniziare a sognare qualcosa di veramente grande per Brindisi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

E' Anna Lucia Matarrelli la nuova comandante della polizia locale

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, ancora alto il numero dei decessi in Puglia: sono 31

  • Cronaca

    Spari contro B&b prima dell'agguato in strada: il giallo si infittisce

  • Cronaca

    Auto rubata nel suo garage: "L'avevo trovata in campagna"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento