menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Brindisi calcio: in settimana dal notaio. Rispunta la Meleam, indiscrezioni sulla cordata

Entro la fine della settimana si concretizzerà la transizione dall'Asd Brindisi al Brindisi Fb. I dirigenti storici del Real Paradiso dovrebbero restare in società. Un tarantino forse il capo cordata. Si sogna il ripescaggio in Eccellenza

BRINDISI – Gli accordi sono stati raggiunti da giorni. Mancano solo le firme sui contratti. Entro la fine della settimana, in uno studio notarile, prenderà il via il nuovo corso del calcio brindisino. Come annunciato ieri dall’associazione PerBrindisi, a guidare la transizione dall’Asd Brindisi al Brindisi Fb (società a responsabilità limitata) sarà una cordata di imprenditori non brindisini che rileverà la società dai dirigenti storici del Real Paradiso Brindisi (diventato Asd Brindisi due anni fa, dopo la radiazione della Ssd Calcio Città di Brindisi, travolta dallo scandalo scommesse).

Il gruppo dirigente del Real, però, non sparirà del tutto. Alcuni rappresentanti del vecchio sodalizio, infatti, entreranno a far parte della nuova società, con una quota minoritaria (si parla del 10 per cento). Potrebbe continuare ad avere un ruolo, perlopiù simbolico, anche la stessa associazione PerBrindisi.

Ma chi sono i proprietari del Brindisi Fb? Sui nomi vige il massimo riserbo. Da quanto appreso, il capo cordata  potrebbe essere un imprenditore tarantino con trascorsi nel mondo del calcio. La ditta Meleam, azienda che opera nel settore della sicurezza presso i luoghi di lavoro che già due estati fa si interessò al calcio brindisino, probabilmente supporterà il progetto, attraverso un contratto di sponsorizzazione. Nei mesi scorsi, a quanto pare, ci sono stati dei contatti fra il gruppo della Soccer Brindisi (società costituita nell’estate del 2016 da una giovane imprenditrice campana di cui nel frattempo si erano perse le tracce) e la dirigenza dell’Asd Brindisi, senza che venisse fuori nulla di concreto.

Non è escluso che in futuro, nel caso in cui il progetto dovesse decollare, lo stesso gruppo della Soccer possa avvicinarsi al Brindisi Fb. Analogo discorso vale per un dirigente brindisino di lungo corso che in queste settimane ha fornito dei suggerimenti sulla gestione della fase di transizione fra l’Asd Brindisi e il Brindisi Fb, mettendo a disposizione dei diretti interessati la sua esperienza nel mondo del calcio. Solo dopo l’incontro dal notaio, ad ogni modo, le persone coinvolte nell’operazione usciranno allo scoperto.

Da quanto “captato”, c’è l’intenzione di costruire una squadra in grado di vincere il campionato di Promozione. Ma il sogno, in realtà, è quello di disputare il campionato di Eccellenza. Va detto che si tratta di una speranza al limite dell’utopia, perché sarà estremamente complicato accedere al ripescaggio, ammesso che si liberino dei posti, per una società che lo scorso anno non ha neanche partecipato ai playoff del campionato di Promozione. Con la Figc, ad ogni modo, dei contatti ci sono stati. Nelle prossime settimane, si vedrà.

Nel frattempo, al Fanuzzi si lavora a ritmi serrati per adeguare l'impianto alle normative previste per la Lega Pro, a spese del presidente della Virtus Francavilla, Antonio Magrì. E' risaputo, infatti, che il comunale di via Benedetto Brin sarà la casa della Virtus, fino a quando non verrà messo a norma lo stadio di Francavilla. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento