menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Umiliante poker subito ad Altamura: il Brindisi sprofonda in classifica

Alla prima di mister Ciullo, pesante sconfitta per i biancazzurri, scivolati a ridosso della zona playout. Settima gara di fila senza vittorie

BRINDISI - Il cambio di panchina, almeno per il momento, non inverte la rotta. Alla prima di mister Ciullo, il Brindisi rimedia un umiliante 4-0 sul campo dell'Atamura, bagnato, nel secondo tempo, da una pioggia torrenziale. Si allunga così a sette la striscia di partite senza vittoria (quattro sconfitte e tre pareggi) di una squadra irriconoscibile rispetto a quella vista nelle prime giornate (oggi si è disputata la dodicesima giornata del campionato di Serie D, girone H), sprofondata pericolosamente a ridosso della zona playout, distante appena un punto.

Orfano dell'infortunato Ianniciello, Ciullo ha schierato Capone al fianco di Fruci, sulla linea difensiva. In attacco  fiducia all'under Pizzolla, in un tridente completato dal centravanti Montaldi e dall'esterno Ancora. Il primo tempo è stato sostanzialmente equilibrato. L'occasione più ghiotta è capitata alla squadra barese al 7', qando Escu ha salvato sulla linea di porta una conclusione. 

Nel secondo tempo, non c'è storia. L'Altamura va in vantaggio dopo appena un minuto dalla ripresa delle ostilità, con Tedesco. Il Brindisi spreca tre occasioni per il pareggio nel giro di 10 minuti. A partire dall'11', inizia l'imbarcata, Mirko Guadalupi, dagli undici metri, sigla ; al 20' segna D'Agostini; al 33', Gregorio cala il poker.

A questo punto, con una situazione di classifica parecchio precaria, il Brindisi fra sette giorni dovrà assolutamente fare bottino pieno contro il Francavilla in Sinni, penultimo della classe. Si tratta di uno scontro diretto per la salvezza, 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento