Sport

Brindisi-Corfù con giro di boa a Otranto: ecco le novità della 30esima edizione

Sarà più "frizzante e tecnica" del solito la 30esima edizione della regata internazionale Brindisi-Corfù, le cui novità sono state illustrate quest'oggi dal presidente del Circolo della Vela Brindisi, Teodoro Titi, nel corso di una conferenza stampa svoltasi presso il Marina di Brindisi. Prevista una boa al largo di Otranto. Tutte le novità

BRINDISI – Sarà più “frizzante e tecnica” del solito la 30esima edizione della regata internazionale Brindisi-Corfù, le cui novità sono state illustrate quest’oggi dal presidente del Circolo della Vela Brindisi, Teodoro Titi, nel corso di una conferenza stampa svoltasi presso il Marina di Brindisi, alla quale hanno preso parte anche il sindaco Mimmo Consales, l’avvocato Rosario Arcadio, in qualità di rappresentante dell’Autorità portuale, il presidente dell’Ottava Zona della Federazione italiana vela, Alberto Lategola, e il presidente provinciale del Coni, Nicola Cainazzo. 

La partenza è prevista per la mattinata del 10 giugno, dalla diga di Punta Riso. Anche quest’anno, le barche molleranno gli ormeggi dal lungomare Teodoro Titi-2Regina Magherita. Il percorso sarà più lungo rispetto alle precedenti edizioni. Il nuovo tracciato prevede infatti il passaggio a una boa posizionata di fronte al porto di Otranto (Lecce). La boa al largo delle coste salentine era già stata sperimentata lo scorso anno, ma solo per le imbarcazioni maxi. Stavolta, invece, il giro di boa riguarderà tutti gli equipaggi (nella foto a sinistra, Teodoro Titi). 

Le novità. Poi ci sono altre due novità di rilievo: la regata di ritorno da Brindisi a Corfù, denominata la “800 martiri”, organizzata dalla Lega Navale di Otranto, prevista per domenica 14 giugno; la regata di rientro a Brindisi organizzata dal Cdv Brindisi, con partenza alle ore 7 di sabato 20 giugno da Otranto e arrivo previsto durante il pomeriggio, con eventi di benvenuto sul lungomare. 

Anche quest’anno sarà possibile seguire tutte le imbarcazioni attraverso il servizio satellitare di tracking on-line, con la classifica aggiornata in tempo reale disponibile sul sito della regata (a tal proposito, Titi ha affermato che il servizio di tracking on-line lo scorso anno fece registrare una media di 12mila visite al giorno durante la regata, con durata di 20 minuti a visita). Ogni equipaggio potrà accedere al servizio “SeaConditions”, per la consultazione delle previsioni oceanografiche, di stato del mare e meteo per il Mar Mediterraneo, attraverso un app.  Fra le iniziative collaterali vi sarà la partecipazione del veliero Sangermani, con le insegne della Brindisi-Corfù, all’Expo. Sul fronte della beneficienza, quest’anno sono state sposate le cause di Telethon, Ant, e “Alba Mediteranea, a gonfie vele verso la vita”. Fra i partner della competizione, oltre all’amministrazione comunale e all’Autorità portuale, figura anche Assonautica, che come sempre curerà l’annullo postale. 

La conferenza stampa di presentazione della Brindisi-COrfù-2Il programma. Già a partire dal 6 giugno si comincerà a entrare in clima regata, con l’allestimento del villaggio sul lungomare Regina Margherita, accompagnato da mostre, esposizioni fotografiche, iniziative enogastronomiche, musica live e dj st. Fra il 6 e il 10 giugno sono inoltre previsti dei convegni e workshop presso la Casa del Turista. Il 9 giugno: alle ore 11 vi sarà l’apertura del concorso fotografico Istagram (tenuto a battesimo lo scorso anno); alle ore 18,30, vi sarà la cerimonia di benvenuto presso la Scalinata Virgiliana; alle ore 20,30 inizierà lo spettacolo dei fuochi d’artificio; alle ore 21,30 vi sarà festa di benvenuto agli equipaggi nello stand del Circolo della Vela, con premiazione dell’equipaggio “più elegante”. 

Il 10 giugno: alle ore 11, appuntamento alla diga di Punta Riso per assistere alla partenza della regata con un servizio autobus gratuito dal Marina di Brindisi; alle ore 13, partirà la regata. L’arrivo a Corfù è previsto per l’11 giugno. Il 12 giugno: alle ore 12, chiusura del concorso fotografico Istagram; alle ore 19, cerimonia di premiazione presso il Marina di Gouvia. A Corfù, alle ore 21, si apriranno le danze con la festa per gli equipaggi e accompagnatori, la “Tenute Rubino Crew Party”.Livio Georgevich con il suo libro sulla storia della Brindisi-COrfù-2

“Il 30esimo anniversario della Brindisi-Corfù – dichiara il sindaco Consales – è un bel traguardo, che significa un grande risultato come territorio, per la valenza sportiva. Ancora una volta questa città da dimostrazione di grande capacità organizzativa, come già avvenuto in occasione della Fed Cup  e del mondiale di motonautica”. 

Il presidente dell’Ottava zona delle Federazione italiana Vela, Lategola, ha rimarcato come la 30esima edizione sia anche sinonimo di 30 anni di successi. “Al momento del mio insediamento – dichiara Lategola – sottolineai l’importanza della Brindisi-Corfù per la regione. Brindisi ancora una volta si conferma un faro per la vela. Soprattutto è importante l’idea di riportare le barche a Brindisi, attraverso un tracciato triangolare”. 

Fra le persone che hanno assistito alla conferenza c’era anche l’ex presidente del Cdv Brindisi, Livio Georgevich (nella foto a destra), che due anni ha passato il testimone a Teodoro Titi. E chi meglio di lui, padre della regata, poteva raccontare i primi 30 anni di Brindisi-Corfù in un libro che verrà presentato a breve.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brindisi-Corfù con giro di boa a Otranto: ecco le novità della 30esima edizione

BrindisiReport è in caricamento