Sport

Brindisi, ko imbarazzante col Bisceglie: non resta che difendere il quarto posto

La corsa del Brindisi verso il secondo posto ha subito una pesante battuta d'arresto oggi pomeriggio (2 aprile) al Fanuzzi, espugnato dal Bisceglie (0-1). E' una sconfitta senza attenuanti per i biancazzurri. Una doccia gelata per gli oltre 3mila spettatori che gremivano il comunale di via Benedetto Brin, con l'entusiasmo alle stelle dopo l'impresa di quattro giorni fa in casa del Francavilla sul Sinni

BRINDISI – La corsa del Brindisi verso il secondo posto ha subito una pesante battuta d’arresto oggi pomeriggio (2 aprile) al Fanuzzi, espugnato dal Bisceglie (0-1). E’ una sconfitta senza attenuanti per i biancazzurri. Una doccia gelata per gli oltre 3mila spettatori che gremivano il comunale di via Benedetto Brin, con l’entusiasmo alle stelle dopo l’impresa di quattro giorni fa in casa del Francavilla sul Sinni. I padroni di casa non si sono resi mai pericolosi, ad eccezione di un paio di conclusioni dal limite nel corso del primo tempo e di un calcio piazzato battuto da Molinari nella ripresa. 
Soprattutto nel secondo tempo, la squadra è sembrata stanca e priva di idee.

I nerazzurri di mister De Luca, seguiti da qualche decina di supporters, non hanno avuto difficoltà ad amministrare il gol del vantaggio realizzato nel primo tempo da D’Ancora. Le assenze di Ancora e Danucci hanno sicuramente inciso sulla scialba prova degli uomini di Castellucci. E forse si è anche sentita anche la fatica nelle gambe accumulata a Francavilla. 

Sta di fatto che davvero in pochi hanno superato la sufficienza. Molinari, del tutto inconsistente, è stato fra i più negativi. L’attaccante argentino non è mai entrato nel vivo del gioco. Mai un guizzo degno della sua classe. Pollidori non ha sfoderato la sua solita verve agonistica. Fra i più propositivi, invece, Loiodice e Varsi, che hanno provato a velocizzare la manovra con o loro guizzi sulle fasce. 

Ma non è bastato. Neanche l’ingresso di Lorusso, gettato nella mischia al 5’ della ripresa, ha dato una scossa al Brindisi, che adesso non potrà sbagliare nulla nel rush finale del campionato di Serie D. A cinque giornate dal termine del torneo, i discorsi si sono riaperti anche per il primo posto, a seguito della vittoria del Potenza in casa della capolista Andria e del contestuale successo del Taranto in casa della Sarnese. 

Questo il resoconto della partita del Brindisi. All'11', Cattafesta si fa sfuggire la palla su un cross basso; prova ad approfittarne Patierno, che c'entra l'esterno della rete. Al 6', Esposito svetta sugli avversari sugli sviluppi di un calcio d'angolo, ma Khalil salva sulla linea di porta. Un minuto dopo, Varsi, da buona posizione, spara addosso a Vicino. 

Al 15', Molinari impegna Vicino con un calcio piazzato. Al 19', Loiodice stoppa la palla da posizione defilata, si accentra e calcia di sinistro, ma Vicino para senza problemi. Al 22', Zotti va in tapin su una corta respinta di Cattafesta, ma si trovava in posizione di fuorigioco. Al 36', Zotti si ritrova a tu per tu con Cattafesta; la palla ha un rimbalzo; l'ex biancazzurro non riesce a gestirlo, lasciando partire un pallonetto che finisce alto sulla traversa. 

Al 42', D'Ancora, su calcio d'angolo, viene lasciato soprattutto  sul primo palo; il centrocampista nerazzurro, dal limite dell'area piccola, batte Cattafesta di testa. Il primo tempo non regala altre emozioni.

Al 3' della ripresa, Molinari si libera si un avversario sulla tre-quarti e lascia partire un rasoterra che è facile preda di Vicino. Al 12', Molinari sfiora il palo alla destra di Vicino, con un calcio piazzato indirizzato all'angolo basso. Al 22', un tiro al volo di Lacarra sorvola la parte superiore della porta difesa da Cattafesta. Al 23', Cattafesta devia sul fondo un colpo di testa ravvicinato di Patierno. Al 43', Viscuso anticipa Mannone di testa, ma non inquadra lo specchio della porta. Nei quattro minuti di recupero concessi dal direttore di gara, Perotti di Campobasso, non succede nulla di significativo. 

Il Brindisi rientra comunque negli spogliatoi fra gli applausi del Fanuzzi. Adesso, il secondo posto, occupato dal Potenza, dista sei punti. Rispetto al terzo posto, occupato dal Taranto, c’è un gap di quattro lunghezze. Si tratta di divari importanti, se si considera che mancano appena 5 giornate alla fine del la regular season. Il piazzamento in zona playoff, comunque, non è in discussione, visto che i biancazzurri restano comunque davanti al Bisceglie di un punto e hanno ben sei punti di vantaggio sulla sesta forza del campionato, la Cavese. Domenica prossima, si osserverà il riposo pasquale.  Alla ripresa delle ostilità, gli uomini di Castellucci andranno a San Severo. (Le foto sono di Vito Massagli)

Brindisi - Bisceglie 0-1

Brindisi: Cattafesta, Ivone (Ascione dal 27' st), Raho, Ciano, Mannone, De Vivo, Varsi (Lorito dal 32' st), Pollidori, Pollidori, Esposito (Lorusso dal 4' st), Molinari, Loiodice A disposizione: Fornaro, Lorito, Ascione, Pellegrino, Dinielli, De Nisi, Ascione, Mastrogiacomo, Lo Russo. Allenatore: Castellucci
Bisceglie: Vicino, Lacriola, Esposito, Gambuzza, Khalil, Lanzolla, Lacarra, Zotti, Patierno (Viscuso dal 32' st). A disposizione: Di Castro, Viscuso, Marseglia, Evengelista, Abbinante, Acquaviva, Uva, Capriati, Chiara. Allenatore: De Luca. 
Arbitro: Perrotti di Campobasso 
Marcatori: D’Ancora (Bisc) al 42’ pt
Note: oltre 3mila spettatori allo stadio Fanuzzi, di cui poche decine giunti da Bisceglie. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brindisi, ko imbarazzante col Bisceglie: non resta che difendere il quarto posto

BrindisiReport è in caricamento