rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Sport

Buchi per la rete da volley al Palaelio: il Comune finalmente ci pensa

L'incontro amichevole della nazionale ormai è andato. Ma sarebbe davvero un peccato lasciarsi sfuggire anche l'opportunità di portare a Brindisi le finali di Supercoppa maschile e femminile di pallavolo, per due semplici buchi: quelli in cui inserire i sostegni della rete da volley, di cui il parquet del Palapentassuglia è sprovvisto

BRINDISI – L’incontro amichevole della nazionale ormai è andato. Ma sarebbe davvero un peccato lasciarsi sfuggire anche l’opportunità di portare a Brindisi le finali di Supercoppa maschile e femminile di pallavolo, per due semplici buchi: quelli in cui inserire i sostegni della rete da volley, di cui il parquet del Palapentassuglia è sprovvisto.

Già, perché la Fipav (Federazione italiana pallavolo) ha già dato la propria disponibilità al comitato provinciale di portare a Brindisi le due gare, in programma il prossimo autunno. L’unica location disponibile sarebbe ovviamente il Palapentassuglia, che però è attrezzato solo per incontri di basket. Il costo per praticare due fori all’altezza della linea mediana del campo di gioco sarebbe di modestissima entità.  A mancare, almeno fino a questo momento, è stata la volontà di predisporre tale intervento da parte del Comune di Brindisi, proprietario dell’impianto di contrada Masseriola.

Così, nel 2010, all'epoca della precedente cosiliatura, sfumò la possibilità di ospitare la partita Italia-Cuba di World League, torneo internazionale secondo solo alle olimpiadi e ai mondiali. Solo poche settimane fa, invece, è tramontata la possibilità di accogliere le azzurre al Palapentassuglia per un match amichevole. Il Coni, in sinergia con la federazione, si era già attivato per organizzare l’evento, che sarebbe stato inserito nell’ambito di Brindisi città europea dello sport. Ma quel treno, come detto, è passato.

Adesso, per lo meno, pare che il Comune stia prendendo in seria considerazione l’ipotesi di attrezzare il palazzetto anche per la pallavolo. Circa un mese e mezzo fa, infatti, si è svolto un sopralluogo sul parquet di contrada Masseriola al quale hanno preso parte il presidente del comitato provinciale della Fipav, Mario Palmisano, il presidente del comitato olimpico provinciale, Nicola Cainazzo, il dirigente addetto agli arbitri e gli assessori comunali rispettivamente con delega ai Lavori pubblici e allo Sport, Antonio Colucci e Antonio Ingrosso.

Quest’ultimi, nella giornata di lunedì 22 giugno, dovrebbero incontrarsi con il dirigente dell’ufficio Impiantistica sportiva, Gaetano Padula, per decidere il dà farsi. La speranza è che le porte del palazzetto, finalmente, si possano aprire anche agli appassionati di pallavolo, che a Brindisi, come dimostrato dalle promozioni conquistate da Assi Manzoni e Casale volley rispettivamente in B1 e in C, di certo non scarseggiano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buchi per la rete da volley al Palaelio: il Comune finalmente ci pensa

BrindisiReport è in caricamento