rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Sport

Calcio, Consales: "Grazie al nostro impegno, 180mila euro per il Brindisi"

Il Sindaco Consales è tornato a parlare pubblicamente di calcio. Lo ha fatto nel corso di una conferenza stampa svoltasi stamani a Palazzo Nervegna, durante la quale ha annunciato che l'impegno del comune a sostegno del Brindisi calcio si è già concretizzato in 105mila euro, somma che arriverà al sodalizio di via Benedetto Brin attraverso contratti di sponsorizzazione

BRINDISI – Il Sindaco Consales è tornato a parlare pubblicamente di calcio. Lo ha fatto nel corso di una conferenza stampa svoltasi stamani a Palazzo Nervegna, durante la quale ha annunciato che l’impegno del comune a sostegno del Brindisi si è già concretizzato in 105mila euro (somma che arriverà al sodalizio di via Benedetto Brin attraverso contratti di sponsorizzazione sottoscritti con cinque aziende del territorio), e si completerà con l’apporto di almeno altri 75mila euro che dovrebbero arrivare da altre 4 aziende che hanno dato una disponibilità di massima all’amministrazione comunale.

Affianco al primo cittadino erano seduti il vicesindaco Giuseppe Marchionna e l’assessore comunale allo Sport, Antonio Ingrosso. L’incontro con i giornalisti, seguito anche da un gruppo di tifosi, era stato convocato la settimana scorsa, dopo uno scambio di accuse a suon di comunicati stampa fra il comune, la società e il gruppo Curva Sud. L’impressione è che il clima sia ancora teso, ma la speranza dei supporter è che l’appuntamento odierno possa favorire l’inizio di un riavvicinamento fra le parti.

La prima questione affrontata da Consales è stata quella riguardante gli sponsor. Il sindaco ha reso pubblica lista delle aziende con le quali è stata Il sindaco Mimmo Consales-4-3raggiunta un’intesa in vista della stagione agonistica 2014/2015: la Gse, azienda leader nel ramo aerospaziale, verserà 20mila euro; la Processi speciali, ditta attiva sempre nel ramo aerospaziale di proprietà dello stesso assessore Antonio Ingrosso, si è impegnata a versare 15 mila euro; altri 20mila euro dovrebbero arrivare dalla Sanofi Aventis, colosso della farmaceutica, pronta ad avviare una collaborazione pluriennale; 20mila euro dovrebbero arrivare dalla Natuna, azienda che cura la manutenzione degli impianti sportivi comunali; la Mactech, società di Bergamo attiva nella distribuzione di macchine utensili, si è impegnata a investire una somma pari a 15mila euro; stessa somma verrà versata anche da Camassa impianti. Sono in corso dei contatti anche con l’Enel per rinnovare di un anno l’accordo di sponsorizzazione del settore giovanile della Ssd calcio Città di Brindisi in scadenza a fine 2014.

Ma come raggiungere la somma complessiva di 180mila euro messa in preventivo dalla società? L’assessore Ingrosso ha spiegato che almeno 50mila euro potrebbero arrivare da altre quattro aziende (due di Brindisi, una di Bergamo e una di Parma) con cui è in trattativa. Gran parte degli accordi raggiunti lo scorso anno grazie all’intermediazione del comune, invece, non verranno rinnovati. “Questo – dichiara Consales – è un fatto allarmante”. A detta del primo cittadino, il presidente del Brindisi, Antonio Flora, “avrebbe dovuto coltivare quotidianamente i contatti con le aziende di sponsorizzazione”.

Il vicesindaco Giuseppe Marchionna-3E poi fa l’esempio di un imprenditore locale che avrebbe declinato la proposta di sponsorizzare la squadra, dicendosi perplesso per le precedenti esperienze di Flora nel mondo del calcio. “Inserendo il nome Antonio Flora in un motore di ricerca – spiega Consales – escono degli articoli giornalistici riguardanti le sue brevi parentesi da presidente di Fasano, Trani e Barletta. Io mi fido di una buona tenuta del calcio brindisino. Mi devo fidare di Flora, ma ciò non significa chiudere gli occhi e far finta di nulla. Mi auguro che non si ripeta quanto fatto a Trani, Fasano e Barletta”. 

A tal proposito, il vicesindaco Marchionna ha rimarcato la necessità che il comune venga messo al corrente del progetto calcistico seguito da Flora. “Non sono riuscito a cogliere – dichiara Marchionna, tifoso biancazzurro di vecchia data, da 50anni sempre presente in tribuna – il senso complessivo dell’organizzazione della società. Avremmo avuto il piacere di conoscere il piano industriale, senza procedere al buio. Perché se non conosciamo il progetto calcistico, si ha l’impressione che si venga solo a battere cassa”.  Il comune, ad ogni modo, garantisce che i soldi delle sponsorizzazioni arriveranno in tre tranche: la prima, quella di metà luglio, è slittata di qualche settimana; la seconda arriverà a novembre; la terza, a marzo.

Altro fronte caldo è quello riguardante il vergognoso stato di degrado in cui versa lo stadio Fanuzzi. Consales assicura che sono già stati effettuati L'assessore Antonio Ingrosso-4degli interventi per sistemare il manto erboso, le curve e i servizi igienici. “In settimana – afferma il sindaco – farò un ulteriore sopralluogo. Il vecchio sistema di mettere a posto lo stadio un giorno prima della partita non funziona più. Non è possibile trovare sugli spalti bicchieri e bottiglie della passata stagione”. Non si possono escludere, quindi, eventuali azioni legali nei confronti della Natuna. 

Una parte della conferenza stampa è stata dedicata anche alle contestazioni subite dall’assessore Ingrosso e dal sindaco in occasione della presentazione della squadra alla scalinata Virgilio. Un paio di tifosi del gruppo Curva Sud presenti a Palazzo Nervegna hanno rinfacciato all’assessore un atteggiamento poco trasparente nei confronti della stessa tifoseria, ma la questione è stata poi al centro di confronto a porte chiuse fra i diretti interessati.

Alcuni problemi, insomma, restano sul tavolo. Ma le parole del sindaco, quanto meno, hanno fatto chiarezza su una serie di punti che nelle ultime settimane avevano alimentato incomprensioni reciproche. Da domenica, poi, con l’inizio del campionato di Serie D, il calcio giocato dovrebbe prendere il sopravvento sui veleni. (Le foto sono di Gianni Di Campi)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio, Consales: "Grazie al nostro impegno, 180mila euro per il Brindisi"

BrindisiReport è in caricamento