Lunedì, 18 Ottobre 2021
Sport

Esordio al Fanuzzi per il Real Paradiso. Ecco i riconfermati e le new entry

I cancelli dello stadio franco Fanuzzi torneranno ad aprirsi domenica 27 settembre, per ospitare l'esordio del Real Paradiso Brindisi in Coppa Puglia. La formazione allenata da mister Mino Miglietta, inserita nel girone B del campionato di Prima Categoria, affronterà la Leonessa Erchie (calcio di inizio alle ore 15,30) nella gara d'andata del primo turno

BRINDISI – I cancelli dello stadio franco Fanuzzi torneranno ad aprirsi domenica 27 settembre, per ospitare l’esordio del Real Paradiso Brindisi in Coppa Puglia. La formazione allenata da mister Mino Miglietta, inserita nel girone B del campionato di Prima Categoria, affronterà la Leonessa Erchie (calcio di inizio alle ore 15,30) nella gara d’andata del primo turno (il match di ritorno è in programma per giovedì 15 ottobre, a Erchie). Fino alla scorsa stagione, il sodalizio presieduto da Piero Siliberto ha affrontato tutte le gare casalinghe fra le mura dell’impianto comunale di strada della Torrretta. Dopo l’ingloriosa fine della Ssd calcio città di Brindisi, non è poi così peregrina l’idea che il comunale di via Benedetto Brin possa accogliere il Real Paradiso, unica squadra di calcio rimasta in città insieme al Tuturano (Seconda categoria), per tutta la stagione 2015/2016. 

“Per adesso – dichiara Siliberto a BrindisiReport – affrontiamo questa gara di Coppa Puglia. Poi si vedrà”. Il destino del Fanuzzi è ovviamente nelle Massimo Bungaro e Piero Siliberto-4mani dell’amministrazione comunale, proprietaria del bene. L’attuale importo del ticket per l’utilizzo della struttura non è alla portata di un club di Prima Categoria (basti pensare che persino il defunto Brindisi di Antonio Flora aveva accumulato un debito con il Comune pari a circa 30mila euro proprio per il mancato versamento di varie rate del ticket). Ma non è escluso che il Comune possa fare unn consistente sconto a Paradiso, tenendo conto anche del fatto che lo stadio (già malandato) finirebbe inevitabilmente in balia del degrado se dovesse restare inutilizzato per un anno intero (a destra Massimo Bungaro e Piero Siliberto).  

Molto dipenderà dalla volontà del sindaco Mimmo Consales. Fra il primo cittadino e i dirigenti del Real c’è già stato un primo approccio. Nei prossimi giorni, dovrebbe esserci un vero e proprio incontro. Se il sindaco manifesterà pubblicamente la volontà di sostenere la compagine brindisina, conferendole di fatto i galloni di squadra della città, non dovrebbe essere un problema trovare la somma necessaria (circa 30mila euro) per rinforzare il team, attrezzandolo per una campionato da vertice. 

Mino Miglietta-2Con le risorse fin qui investite dalla dirigenza, è stato messo in piedi un organico da zona playoff. Siliberto, insieme al dirigente Massimo Bungaro, ha confermato l’ossatura della passata stagione, al termine della quale i brindisini arrivarono a un passo dalla zona playoff, tenendo in rosa: Antonio De Virgilio (difensore), Gianluca Borromeo (difensore), Mauro Margarito (difensore), Marco Esposto (esterno), Giovanni Contestabile (difensore), Michele Guastella (esterno), Dinota (esterno alto), Gloria (centrocampista), Semeraro (portiere) e Guarini (attaccante). (Nella foto a sinistra, Mino Miglietta)

Fra le new entry figurano: Daniele Taurisano (centrocampista), proveniente dalla Fly Team (compagine brindisina che lo scorso anno ha disputato il torneo di Promozione); Damiano Di Palmo, classe 1994, esterno capace di giocare sia in difesa che a centrocampo, anche lui proveniente dalla Fly Team; Valentino Di Potenza (esterno alto), proveniente dal Porto Cesareo; Karim Diop, classe 1995, esterno passo preso dalla Virtus Francavilla; Mattia Ligorio (difensore centrale), proveniente dalla Fly Team; Leonardo Valente (attaccante) proveniente dal Porto Cesareo. 

E non finisce qui perché se arriveranno gli sponsor sperati, Siliberto e Bungaro potrebbero chiudere le trattative per tesserare due portieri, di cui uno under, un attaccante di spessore e altri due under di categoria superiore. 

Il futuro del Real, dunque, sarà più chiaro dopo il confronto con primo cittadino. Non si capisce per quale ragione, però, l’amministrazione comunale non debba schierarsi al fianco di una società sana, che da anni con il suo settore giovanile dà un’opportunità di svago a  numerosi ragazzi del quartiere, tenendoli lontani dalla strada. Il Real è ormai una realtà consolidata del calcio locale. Fino ad ora ha potuto contare su un modesto seguito di famigliari, parenti e amici dei calciatori, oltre ad alcune decine di appassionati. Ma a partire da questa stagione, con gli investimenti del caso, potrebbe partire il progetto di rilancio del Real e quindi di rilancio del calcio brindisino,sulle macerie lasciate da Antonio Flora. Non a caso, del resto, la dirigenza sta valutando la possibilità di cambiare i colori sociali: dalla maglia gialloblu si potrebbe passare alla casacca biancazzurra. 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esordio al Fanuzzi per il Real Paradiso. Ecco i riconfermati e le new entry

BrindisiReport è in caricamento