Sport Mesagne

Calcio, il sindaco di Mesagne contro Consales: "Meritiamo noi l'Eccellenza"

Il futuro calcistico della Ssd Calcio Città di Brindisi si incrocerà inevitabilmente con quello del Mesagne Calcio. In caso di ammissione dei biancazzurri nel campionato di Eccellenza, infatti, vi è il rischio concreto che il sodalizio gialloblu, dopo aver vinto i playoff del torneo di Promozione, venga relegato anche per la prossima stagione nel campionato regionale di Promozione

MESAGNE – Il futuro calcistico della Ssd Calcio Città di Brindisi si incrocerà inevitabilmente con quello del Mesagne Calcio. In caso di ammissione dei biancazzurri nel campionato di Eccellenza, infatti, vi è il rischio concreto che il sodalizio gialloblu, dopo aver vinto i playoff del torneo di Promozione, venga relegato anche per la prossima stagione nel campionato regionale di Promozione.

Questa situazione sta creando forte disappunto fra i tifosi mesagnesi, che temono di perdere il diritto al salto di categoria maturato sul campo. Se così fosse, per il sindaco di Mesagne, Pompeo Molfetta, si configurerebbe una “palese violazione delle norme regolamentari e della disciplina sportiva, poiché il Brindisi, escluso dal campionato di competenza per la ben nota implicazione nella vicenda del calcio scommesse, dovrebbe essere retrocesso di almeno due categorie”.

Nella giornata di ieri, era stato il sindaco di Brindisi, Mimmo Consales, a prendere l’iniziativa, con una telefonata al presidente della Figc, Carlo Tavecchio, dalla quale era emersa la disponibilità del massimo dirigente federale a sostenere l’iscrizione del sodalizio di via Benedetto Brin in Pompeo-Molfetta1-2Eccellenza. Il nodo Eccellenza, quindi, sta diventando anche motivo di attrito anche fra le due amministrazioni comunali, visto che i rispettivi sindaci sono scesi in campo in prima persona per perorare le cause delle rispettive compagini. E dopo la nota stampa diramata da Consales, anche Pompeo Molfetta interviene con un comunicato che riportiamo integralmente di seguito. 

Lunedì 31 agosto il Consiglio Federale FIGC deciderà quale, fra Mesagne calcio e SSD Brindisi, sarà la diciottesima squadra che disputerà il prossimo campionato d'Eccellenza. Se si rispettano i valori del campo e la giustizia sportiva  il posto spetta al Mesagne calcio, che ha vinto regolarmente i play-off dello scorso campionato di Promozione. Il sindaco di Brindisi Consales invece avrebbe avuto assicurazioni dal presidente nazionale della federcalcio Carlo Tavecchio che quel posto potrebbe essere assegnato al  Brindisi.

Nel caso sciagurato in cui questa ipotesi dovesse confermarsi, saremmo di fronte ad una palese violazione delle norme regolamentari e della disciplina sportiva, poichè il Brindisi, escluso dal campionato di competenza per la ben nota implicazione nella vicenda del calcio scommesse, dovrebbe essere retrocesso di almeno due categorie. Peraltro, la sentenza di condanna espressa dal tribunale federale non è stata neanche impugnata dalla società, che ha ritenuto di non ricorrere in appello, implicitamente ammettendo le responsabilità.

Noi abbiamo rappresentato queste ragioni al presidente Regionale della Federcalcio Vito Tisci, il quale ha piena contezza della situazione e sosterrà in consiglio federale la piena applicazione delle norme. Auspichiamo che la giustizia sportiva faccia pienamente il suo corso e che il Mesagne calcio abbia il titolo che merita. Le istituzioni pubbliche e l'intera città sono in questo momento al fianco della squadra pronti ad intraprendere qualsiasi iniziativa per affermare la legittimità di un diritto che non può essere violato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio, il sindaco di Mesagne contro Consales: "Meritiamo noi l'Eccellenza"

BrindisiReport è in caricamento