rotate-mobile
Sport

Calcio: memorie del Brindisi che fu

BRINDISI – E’ stata una serata all’insegna della nostalgia e delle emozioni forti. Il mito di Dino Cremaschi, “l’invincibile Blek” della Brindisi Sport del commendator Franco Fanuzzi, ha riecheggiato ieri nella sede dell’associazione Pro Brindisi di via Osanna.

BRINDISI - E' stata una serata all'insegna della nostalgia e delle emozioni forti. Il mito di Dino Cremaschi, "l'invincibile Blek" della Brindisi Sport del commendator Franco Fanuzzi, ha riecheggiato ieri nella sede dell'associazione Pro Brindisi di via Osanna. Gli iscritti al club hanno chiamato a raccolta vecchie glorie e personaggi storici del calcio brindisino per ricordare le gesta del grande centravanti, protagonista della promozione in Serie B conseguita al termine della stagione 1971 - 72.

Anche Antonio Flora, presidente della Ssd Calcio Città di Brindisi, ha voluto rendere il suo omaggio all'invincibile Blek.Cremaschi indossò la maglia biancazzurra dal 1969 al 1973, disputando tre campionati di Serie C e un campionato di B. Il legame instaurato con il capoluogo messapico è andato al di là della parentesi calcistica.

Lo testimoniano i bei ricordi narrati ieri dalle persone che hanno continuato a frequentare Blek fino a pochi mesi prima della sua morte.

La serata si è aperta con una breve rappresentazione inscenata da tre ragazzini (due dei quali indossavano le maschere di Blek, eroe dei fumetti americani, e Cremaschi), è proseguita con la consegna ai famigliari di un omaggio floreale e di un quadro raffigurante l'ex centravanti e si è conclusa con la consegna di alcune medaglie commemorative ai vecchi amici di Dino.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio: memorie del Brindisi che fu

BrindisiReport è in caricamento