rotate-mobile
Calcio

Il Brindisi crea ma spreca: anche il Fasano si impone al Fanuzzi

Decisiva una rete realizzata da Capomaggio al 12' della ripresa. Il Brindisi domina nel primo tempo. Gara più equilibrata nel secondo tempo. Biancazzurri ancora ultimi con un solo punto dopo 9 giornate

BRINDISI – L’ennesima ingenuità difensiva condanna il Brindisi all’ottava sconfitta su nove partite nel campionato di Serie D. Il Fasano si è imposto di misura (0-1) nel derby della nona giornata, in una partita in cui la squadra di mister Nello Di Costanzo, al suo esordio casalingo, ha ancora una volta peccato di ingenuità sotto porta, sprecando almeno 4 nitide occasioni da rete costruite fra il primo e il secondo tempo. Dopo una prima metà di gara di chiara marca brindisina, nel secondo tempo la contesa è stata più equilibrata. Decisivo il gol realizzato da Capomaggio al 12’ dalla ripresa, sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina in cui la retroguardia brindisina dà la possibilità all’avversario di stoppare la sfera e superare il portiere Cervellera.  Il Brindisi ha dunque dato segnali di ripresa rispetto alle disastrose prestazioni viste sotto la precedente gestione tecnica, ma ci sono ancora delle lacune da colmare, praticamente in ogni reparto. La difesa e l’attacco, in particolare, necessitano di ulteriori rinforzi. Con questa sconfitta il Brindisi resta dunque inchiodato all’ultimo posto in classifica, a quota 1, a nove punti dalla zona salvezza e a sei lunghezze dalla zona play out. Domenica prossima, durissima trasferta in casa del Casarano per i biancazzurri. 

Primo tempo

Mister Di Costanzo opta per il 3-5-2. In porta fiducia ancora a Cervellera, protetto dalla linea difensiva composta da Favilene, Alfano, Esposito. Le chiavi del centrocampo in mano a Galdean, con Zappacosta e De Luca a fare le mezzali. Sugli esterni, Silvestre e Merito. In attacco Kordic a supporto della punta centrale Gaeta. Le squadra si affrontano a ritmi sostenuti. Il Brindisi cerca di fare la partita. La prima occasione arriva al 18, quando Galdean, servito da Silvestre, dal limite dell’area fasanese sfiora il palo alla sinistra di Suma. Il Fasano si limita a difendere. Al 29’, il Brindisi reclama per un presunto tocco di mani in area di rigore da parte di Gorzelewsky, difensore del Fasano.

La prima conclusione in porta degli ospiti arriva al 35’, ma si tratta in realtà di un blando colpo di testa che non crea grattacapi a Cervellera. Poco dopo il Brindisi costruisce un’altra monumentale occasione darete sull’asse Galdean Gaeta, che quasi solo davanti a Del Col, anziché calciare di prima intenzione, stoppa la palla, dando il tempo alla difesa di recuperare. L’azione risolve con un tiro dalla bandierina. Al 46’ Silvestre addomestica la sfera all’altezza del vertice dell’area fasanese, si accentra e fa partire una conclusione che finisce sul fondo di parecchio. 

Secondo tempo

Il Fasano si rende per la prima volta pericoloso al 7’ della ripresa, quando De Col, dal fondo, fa partire un cross per la testa di Forbes, che non riesce a inquadrare la porta. Sempre di testa è De Luca a sfiorare il gol al 9’, su traversone di Silvestre. La partita è frizzante. La svolta arriva al 12’, quando gli ospiti sbloccano il punteggio con Capomaggio, che su tiro dalla bandierina, lasciato solo nel cuore dell’area, ha il tempo di stoppare la palla di petto e battere l’incolpevole Cervellera di interno destro. Il primo segnale di reazione del Brindisi arriva al 23’, con un tiro al volo dalla lunga distanza di Esposito, di poco altro sopra l’incrocio dei pali. Al 37’ Camarà, già ammonito, commette un fallo su Favilene al limite della propria area. L’arbitro, però sventola il cartellino giallo a un altro giocatore. I biancazzurri protestano per quello che è stato interpretato come uno sbaglio del direttore di gara che avrebbe risparmiato agli ospiti l’inferiorità numerica, a meno che il giocatore ospite non sia stato ammonito per altro. Al 38’ proteste anche per un presunto tocco di mano dello stesso Camara, in area di rigore. Al 46' Bubalo si divora un'altra colossale occasione da rete per i padroni di casa: l'attaccante croato, a due passi dalla porta, sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina, sbaglia incredibilmente mira. 

Tabellino

Brindisi Fc – Fasano 0-1
Brindisi Fc (3-5-2): Cervellera, Favilene (Laneve dal 41' st), Alfano, Esposito, De Luca (Falzetta dal 42' st), Zappacosta (Vignes dal 18' st), Galdean, Merito, Silvestre (Rekik dal 25' st), Kordic, Gaeta (Bubalo dal 18' st) . A disp: Manca, Nallo, Rekik, Romito, Bubalo, Spinelli, Vignes, Laneve, Falzetta. All. Di Costanzao
Fasano: Suma, Del Col, Bianco (Assoumani dal 32' st), Capomaggio, Gorzelewsky, Camarà, Battista (Richella dal 30' st), Bernardini, Prado Fusero (Sosa dal 37' st), Forbes, Calabria (Mucedero dal 35' st). A disp. Leone, Assoumani, Colabello, Calemme, Mucedero, Losavio, Richella, D’Addabbo, Sosa. All. Beppe Mosca
Arbitro: Cosseddu di Nuoro coadiuvato dagli assistenti di linea Abbinate di Bari e Andreano di Foggia
Marcatori: Capomaggio (Fa) dal 12' st
Note: Circa 1200 spettatorio sugli spalti dello stadio Fanuzzi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Brindisi crea ma spreca: anche il Fasano si impone al Fanuzzi

BrindisiReport è in caricamento