rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Calcio

Brindisi subito avanti ma si fa raggiungere: pari lo scontro salvezza contro il Nardo’

Finisce 1-1 il match fra biancazzurri e salentini disputato sul sintentico del Guarini di Mesagne per la quindicesima giornata del campionato di Serie D. Biancazzurri sempre ultimi a pari punti con il Matino

BRINDISI - Prima il gol del Brindisi, poi il pari del Nardo’. Si decide nel primo quarto d’ora la sfida fra i biancazzurri e la squadra salentina disputata oggi (8 dicembre), nel turno infrasettimanale della giornata dell’Immacolata, sul sintetico dello stadio Guarini di Mesagne, a causa dell’ indisponibilità del Fanuzzi di Brindisi, per lavori di rifacimento del manto erboso, per la 15esima giornata del campionato di Serie D. Il pari rispecchia l’equilibrio emerso nel corso dei 90 minuti, iniziati con un avvio sprint del Brindisi, passati in vantaggio con Esposito al 4’.

La squadra di mister Di Costanzo ha altre occasioni per io raddoppio, ma la compagine allenata di Di Candia trova il gol del pari al 16’ con Mariano. Nel proseguo dell’incontro le formazioni si affrontano ad armi pari, con occasioni ambo i lati. Dopo la prima vittoria conquistata domenica scorsa un campo della Casertana, ai biancazzurri non riesce il bis contro un avversario anch’esso invischiato nella lotta per non retrocedere. Ma la buona notizia è che il Brindisi non è più fanalino di coda solitario, avendo agganciato, a quota otto punti, la Virtus Marino, entrambe a sei lunghezze dalla zona play out. Domenica prossima impegnativa trasferta in casa del Lavello. 

Folgorante l’avvio del Brindisi, che al 4’ sblocca la gara con un colpo di testa di Esposito, a segno sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina battuto da Galdean. Immediata la reazione del Nardo’, che al 7’ si divora l’occasione del pari con Mancarella, che di testa, a pochi passi dal portiere Cervellera, colpisce in pieno l’estremo difensore. In uno scoppiettante avvio di gara, al 9’ è Rekik a sfiorare il raddoppio, direttamente dalla bandierina. Al 13’ Cervellera non si fa sorprendere su un tiro dal limite, angolato ma debole. Il Nardo’ continua a spingere e al 16’ agguanta il pari con Mariano, che insacca a porta vuota approfittando di una corta respinta di Cervellera, in risposta a una conclusione di Caputo. Il match non ha un attimo di tregua. Al 22’ Zappacosta calcia al volo al limite dell’area di rigore, ma non inquadra il bersaglio. Al 37’ Masetti, in area del Brindisi, supera un difensore del Brindisi e calcia debolmente verso Cervellera. I biancazzurri sono in difficoltà. Al 40’ De Giorgi, da posizione defilata, centra il palo. Il primo tempo non regala altre emozioni.

In avvio di ripresa, mister Di Costanzo inserisce Favilene al posto di Silvestro. I ritmi calano rispetto alla prima frazione. Il Brindisi si fa rivedere al 15’ con Bubalo, che di testa impegna il portiere Petrarca. Al 24’ altra grossa occasione per il Nardo’ con Mariano, che di testa, servito con un cross dal fondo, non riesce a segnare, a pochi passi dalla porta. Al 30’ Cervellera esce e la vuoto su un calcio d’angolo. Ci pensa Galdean a salvare sulla linea di porta, sul colpo di testa di un avversario. Al 42’ il Brindisi riparte con un contropiede fulmineo, al culmine del quale la sfera arriva a Trove’, che dal limite dell’area stoppa di petto e calcia al volo, costringendo Petrarca a un difficile intervento. Un ultimo brivido per il Brindisi arriva al quarto di quattro minuti di recupero, quando si alza un campanile in area di rigore che costringe a Cervellera a una complicata uscita alta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brindisi subito avanti ma si fa raggiungere: pari lo scontro salvezza contro il Nardo’

BrindisiReport è in caricamento