rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Calcio

Al Fanuzzi arriva il Catania: corazzata macina punti che ha sbaragliato il girone I

E' durato solo un anno il "Purgatorio" dei rossoblù fra i dilettanti. Nella squadra allenata da mister Giovanni Ferraro spicca il regista Francesco Lodi, protagonista anche in Serie A

Quello del Catania nel girone I della Serie D è stato un autentico dominio. Dopo il fallimento concretizzatosi ad aprile 2022, quando terminò l'esercizio provvisorio, i rossazzurri sono ripartiti dal massimo campionato dilettantistico grazie al Gruppo Pelligra, trascorrendo solo un anno in purgatorio. Il Catania ha sbaragliato la concorrenza e fatto ritorno immediato tra i professionisti, e mercoledì 17 maggio sarà diretto avversario del Brindisi nel match della Poule Scudetto che si terrà allo stadio Fanuzzi (calcio d'inizio alle ore 16:00).

La formazione siciliana ha terminato la stagione regolare con ben 88 punti: 28 le vittorie inanellate, assieme a 4 pareggi e 2 sconfitte. Impressionante il ruolino di marcia maturato tra le mura amiche dello stadio Massimino: il Catania infatti ha vinto 16 partite e ne ha pareggiata solo una; in trasferta invece sono arrivati 12 successi, 3 pari e 2 ko. Tra l'ultima giornata del girone di andata e il 6 aprile scorso il Catania ha raccolto una striscia di 14 vittorie consecutive. 74 sono i gol fatti, 20 invece quelli subiti: conquistato il primato sia del miglior attacco che quello della miglior difesa.

Il Catania, nel corso della stagione regolare, è sceso in campo utilizzando sempre il modulo 4-3-3. Grande attenzione viene dedicata alla fase di non possesso, dove i rossazzurri tengono serrate le fila in modo da proteggere la porta, con la fase difensiva che inizia dagli attaccanti pronti ad aggredire il portatore di palla avversario. A volte, i ritmi di gioco vengono tenuti bassi. Tra i giocatori chiave spunta il regista Francesco Lodi, che per gli etnei ha giocato sia in Serie A che in Serie C, tornato in estate per contribuire alla causa. Poi c'è il jolly offensivo Andrea Russotto, a Catania già dal 2015 al 2018 ed ex tra le altre di Napoli e Crotone. Tra le fila degli etnei militano altri giocatori di categoria superiore come il difensore ex Palermo Michele Somma, il centrocampista Marco Palermo e gli attaccanti Jefferson (ex Monopoli, Catanzaro, Padova e Latina) e Manuel Sarao, che in passato ha militato nel Monopoli, lnella Virtus Francavilla, nella Reggina e nel Cesena.

L'allenatore del Catania è Giovanni Ferraro, classe 1969. Da calciatore ha rivestito il ruolo di difensore centrale. Ha mosso i primi passi nella Juve Stabia, per poi passare all'Albanova e successivamente all'Avellino, in Serie B. Nel 1996/1997 si è trasferito al Siena con cui ha giocato due stagioni, prima di passare in Serie C2 e gioare per Turris, Real Sant'Anastasia e Sorrento, ultima sua squadra da calciatore. La sua carriera da allenatore è iniziata nel 2009, quando ha preso la guida della Vico Equense nella Seconda Divisione: a fine stagione arriva però la retrocessione ai playout contro l'Isola Liri. Successivamente Ferraro ha allenato il Pomigliano e l'Arzanese in Lega Pro, prima di avventurarsi in Serie D e sedere sulla panchina di Gragnano, Savoia e soprattutto Giugliano: nel 2021/2022 ha trascinato la formazione campana alla promozione in Serie C

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Fanuzzi arriva il Catania: corazzata macina punti che ha sbaragliato il girone I

BrindisiReport è in caricamento