rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Calcio

Stipendi non pagati: accolti altri due ricorsi, nuova stangata per il Brindisi

La Commissione accordi economici della Lega accoglie le istanze di Baldan e Favetta, militanti fra le fila del Brindisi nella stagione 2022/23

BRINDISI – Nuove grane economiche per il Brindisi Fc. La Commissione accordi economici della Lega nazionale dilettanti ha condannato il sodalizio biancazzurro nell’ambito di due vertenze intraprese da due giocatori della stagione 2022/2023. Si tratta di Ciro Favetta e Malco Baldan. Il club dovrà corrispondere, a entrambi, la quota di stipendi non pagata.

I due si sono rivolti alla Lega lo scorso marzo, per far valere i propri diritti. Per quanto riguarda Favetta, la società non gli ha versato una somma pari a 10.980 euro. La Commissione ha accolto il ricorso, imponendo alla società di saldare le spettanze, nel rispetto della legislazione fiscale vigente.

Accolta anche l’istanza di Baldan, che deve ricevere una somma pari a 3mila euro. In entrambi i casi, il Brindisi Fc non si è costituito in giudizio.

La società era stata già condannata a seguito di un’analoga vertenza che era stata intrapresa da Di Modugno. Le pendenze della stagione 2022/23, insomma, si sommano a quelle della stagione in corso, in una tempesta perfetta che ha travolto il sodalizio, gravato da un debito di oltre 500mila euro con la Lega, da onorare entro il prossimo 10 luglio.

Intanto è stata già accumulata una sanzione di 6 punti in classifica (e non è finita qui) da scontare nel prossimo campionato di Serie D. Ammesso che la società riesca a iscriversi. A tal proposito, si continua a parlare di una trattativa avviata con un imprenditore non del posto. Al momento, però, nulla di ufficiale. E i tifosi fremono.

Rimani aggiornato sulle notizie dalla tua provincia iscrivendoti al nostro canale whatsapp: clicca qui

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stipendi non pagati: accolti altri due ricorsi, nuova stangata per il Brindisi

BrindisiReport è in caricamento