Sport

Caos biglietti alla Fed Cup: spettatori infuriati minacciano azioni legali

La convulsa e frenetica corsa ai biglietti di ingresso nell'arena da 4 mila posti realizzata dalla società organizzatrice Mca Group nel circolo tennis di Brindisi per le due giornate di Fed Cup fra Italia e America, ha avuto il suo epilogo quasi scontato nel pre-partita. Molti spettatori in possesso del biglietto numerato giunti sulle gradinate hanno trovato i posti già occupati

BRINDISI - La convulsa e frenetica corsa ai biglietti di ingresso nell’arena da 4 mila posti realizzata dalla società organizzatrice Mca Group nel circolo tennis di Brindisi per le due giornate di Fed Cup fra Italia e America, ha avuto il suo  epilogo quasi scontato nel pre-partita.  Molti spettatori in possesso del biglietto numerato giunti sulle gradinate hanno trovato i posti già occupati da altri titolari dello stesso posto, con identica fila e numero, provocando spiacevoli ed animate discussioni e causando imbarazzi e disagi. Biglietti alla mano alcuni spettatori hanno potuto dimostrare che mancava il numero del posto assegnato o addirittura il numero della fila attribuita. 

Alcuni di questi spettatori si sono riservati di adire le vie legali per far valere le proprie ragioni.  Il caos-biglietti è stato fin dall’inizio il fattore critico prevalente che ha segnato in maniera negativa tutta la fase organizzativa dell’evento e che si è maggiormente sviluppato quando si è avuta certezza della presenza delle sorelle Williams nella formazione americana. 

Non c’è stata mai certezza ne indicazioni chiare e definitive sulla disponibilità di biglietti e sulla modalità di acquisto. Il disservizio è stato completo ed evidente fin dall’inizio dell’organizzazione quando, appena qualche giorno dopo l’apertura della vendita, si è diffusa la notizia del “tutto esaurito” che ,sia pure smentita in un primo momento, ha trovato poi  conferma nella difficoltà di acquistare i biglietti sul sito on line espressamente segnalato o presso il Circolo Tennis. 

Fin dai primi giorni, infatti, è stato un continuo rincorrersi fra di biglietti numerati  esistenti e chiusura totale, che hanno creato sovrapposizione di richieste e di vendite di stessi posti a spettatori diversi, con un balletto fra disponibilità ed esaurimento che ha fatto ammattire gli appassionati di tennis che avrebbero “semplicemente” preteso di acquistare un biglietto per assistere alle partite di Fed Cup. 

Un brutto colpo di immagine di una giornata di straordinaria festa di sport (di cui il Circolo Tennis non ha alcuna responsabilità) ma che non sminuisce il gradimento e l’entusiasmo vissuto dai 4 mila spettatori dell’arena, con protagonisti eccezionali quali l’applauditissima Camila Giorgi, splendida nuova star del tennis italiano contro Serena Williams, e di Sara Errani che ha portato a casa il punto per l’Italia battendo nettamente la Davis.

In basso, nella foto inviata in redazione da un lettore si vede un biglietto corrispondente alla fila 14, posto 68. La foto successiva, però, dimostra che la fila 14 si ferma al posto 59

Uno dei biglietti al quale non corrisponde un posto-3La fila 14 si interrompe al posto 59, nonostante sia stato stampato un biglietto con il posto 68-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos biglietti alla Fed Cup: spettatori infuriati minacciano azioni legali

BrindisiReport è in caricamento