Città dello Sport, avvio con la pesistica

BRINDISI – Con la VII Coppa del Mediterraneo di sollevamento pesi, in programma sabato 26 gennaio, assegnata dalla Mediterranean Weightlifting Confederation alla Federazione Italiana Pesistica, Brindisi comincia a svolgere un ruolo da Città europea dello Sport. L’evento - annuncia un comunicato del Coni - porterà al Palazzetto Leonardo Da Vinci, al rione Cappuccini, i più forti atleti del Mediterraneo, provenienti da ben 20 nazioni.

Il logo della Coppa del Mediterraneo di sollevamento pesi

BRINDISI – Con la VII Coppa del Mediterraneo di sollevamento pesi, in programma sabato 26 gennaio, assegnata dalla Mediterranean Weightlifting Confederation alla Federazione Italiana Pesistica, Brindisi comincia a svolgere un ruolo da Città europea dello Sport. L’evento - annuncia un comunicato del Coni - porterà al Palazzetto Leonardo Da Vinci, al rione Cappuccini, i più forti  atleti del Mediterraneo, provenienti da ben 20 nazioni.

Tra queste anche Israele, Palestina e Libano, "a riprova dello spirito di pace e collaborazione tra popoli insito nella manifestazione". Con loro, anche Albania, Algeria, Bosnia Herzegovina, Croazia, Egitto, Francia, Italia, Libia, Malta, Marocco, San Marino, Serbia, Slovenia, Spagna, Tunisia, Turchia, tutti rappresentati dai Presidenti nazionali federali, da 4 atleti e un allenatore, oltre agli ufficiali di gara e agli addetti alla organizzazione.

Gli atleti in gara saranno i migliori quattro in assoluto, tra uomini e donne, selezionati in ogni nazione durante l’anno secondo una specifica tabella di comparazione denominata Sinclair: il tutto darà dunque luogo a una manifestazione spettacolo - non a caso il tutto sarà trasmesso in diretta da Sky Sport - che partirà alle ore 9,30 per chiudersi alle 20. Per l’Italia - vincitrice dell’ultima edizione – convocati dal direttore tecnico Giorgia Bordignon (Bari), Antonio Belloi (Sassari), Antonino Pizzolato (Palermo) Mauro Gasparotto (Pordenone). In gara  anche una rappresentativa di atleti pugliesi:  Gianmarco Sederino (Copertino), Antonio Nardella (Bari), Gianluca Cordella (Copertino), Maria Grazia Alemanno (Copertino).

La manifestazione nata da una iniziativa dell’assessore regionale allo sport Maria Campese anche nell’intento di lanciare la candidatura di Brindisi come Città europea dello sport per il 2014, è stata poi  promossa e sostenuta dal consigliere nazionale Fipe e presidente della Confederazione degli Stati del Mediterraneo, il barese Maurizio Lo Buono, in collaborazione con il Coni regionale ed il Comune di Brindisi.

Giunta ormai alla sua settima edizione, la manifestazione nacque nel 2005 proprio in Puglia: ad ospitare la prima edizione fu infatti Bari; sono poi seguite Palermo nel 2006, nel 2007 Limassol a Cipro, nel 2008 Antalya in Turchia, nel 2009 la città di Pescara, nel 2010 La Valletta a Malta e nel 2011 Tel Aviv in Israele.

Previsti anche eventi collaterali il giorno prima della gara, venerdì 25: si comincia al mattino, nell’aula magna dell’Istituto “Da Vinci  Alighieri”, col seminario pubblico sul tema “L’allenamento della forza nei giovani ”, in cui rinomati relatori internazionali del settore parleranno a una platea di tesserati Fipe, allenatori e atleti dell’area del Mediterraneo e insegnanti di Scienze motorie. Nel pomeriggio si terrà poi l’Assemblea elettiva e il congresso della Mediterranean Weightlifting Confederation, che vedrà l’elezione dei nuovi membri dell’Esecutivo del Mediterraneo per il quadriennio olimpico 2013-2016.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La manifestazione - sottolinea Maurizio Lo Buono, candidato unico alla presidenza - sarà anche occasione d’incontro tra le varie nazioni che si affacciano sul Mar Mediterraneo, ed avrà vari obiettivi: la promozione, l’organizzazione, lo sviluppo e la diffusione delle attività della Pesistica nel bacino; la promozione dello spirito di amicizia e di collaborazione fra gli sportivi dei Paesi dell’area (penso in particolare a Palestina, Israele, Libano e Libia); la diffusione del concetto di legalità e di lotta al doping”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • Notte movimentata: rissa tra giovani e spari contro un'auto

  • Brindisi: i carabinieri scoprono undici furbetti del reddito di cittadinanza

Torna su
BrindisiReport è in caricamento