Sport

Colpo di scena: Morisco cede le quote ai dipendenti della società di calcio

Colpo di scena nelle vicende del calcio brindisino: stamani i dipendenti e collaboratori della Ssd Città di Brindisi, "a seguito di laboriose trattative con la vecchia proprietà", comunicano di aver ottenuto la cessione delle quote di Vito Morisco ad un loro fiduciario, oltre alla cessazione da ogni carica dello stesso Morisco, e la rinuncia da parte di Antonio Flora "ad ogni credito per le anticipazioni da lui effettuate in favore della società, nonché l'impegno alla sistemazione della debitoria con gli istituti di credito senza aver nulla a pretendere a tal riguardo da parte della società"

BRINDISI – Colpo di scena nelle vicende del calcio brindisino: stamani i dipendenti e collaboratori della Ssd Città di Brindisi, “a seguito di laboriose trattative con la vecchia proprietà”, comunicano di aver ottenuto la cessione delle quote di Vito Morisco ad un loro fiduciario, oltre alla cessazione da ogni carica dello stesso Morisco, e la rinuncia da parte di Antonio Flora “ad ogni credito per le anticipazioni da lui effettuate in favore della società, nonché l'impegno alla sistemazione della debitoria con gli istituti di credito senza aver nulla a pretendere a tal riguardo da parte della società”.

Insomma, Morisco lascia il campo gratis, Flora paga pure i debiti senza nulla pretendere in cambio: ciò affermano i dipendenti e collaboratori della società nel comunicato odierno. In più, gli stessi dichiarano di aver avuto a disposizione l'esatta situazione contabile della società “che è attualmente allo studio di professionisti esperti del settore”. Sulla base di questa nuova situazione, “l'obbiettivo immediato, per evitare la perdita del titolo sportivo, è quello di iscrivere la squadra entro il 10 luglio, così come previsto dalla Figc, al prossimo campionato di serie D”.

Ma poi la Figc deciderà la sorte della società brindisina alla luce della vicenda dello scandalo scommesse, e la retrocessione nel campionato di Eccellenza sembra inevitabile per i colori biancoazzurri (Flora e Morisco sono stati coinvolti negli arresti per il giro di scommesse sulle partite truccate). Quindi i dipendenti e i collaboratori della Ssd Città di Brindisi “attenderanno gli esiti del processo sportivo al fine di sapere con certezza a quale campionato verrà consentito di partecipare”.

La richiesta rivolta all’esterno è quella del “sostegno, l'aiuto e l'impegno di tutta la Brindisi sportiva che ha a cuore il calcio cittadino al fine di evitare l'umiliazione di perdere un titolo che è stato a suo tempo glorioso e cancellare per sempre un capitolo fondamentale della storia sportiva della città”. Per i contati con eventuali soggetti interessati ha ricevuto delega il responsabile del settore giovanile Gilberto Niccoli.

Va ricordato che si era già costituita a Brindisi una associazione di tifosi, battezzata “Per Brindisi”, che ha avviato una raccolta di fondi per risollevare il calcio locale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpo di scena: Morisco cede le quote ai dipendenti della società di calcio

BrindisiReport è in caricamento