Fenomeno Happy Casa Brindisi: squadra in trionfo anche a Bologna

Con la vittoria di Bologna, in casa Virtus, la squadra di coach Vitucci ha eguagliato il record di 6 partite vinte consecutive in serie A che apparteneva alla formazione allenata da coach Piero Bucchi, primato che resisteva dal campionato 2013-14, in cui l’allora Enel Brindisi girò il girone d’andata in vetta alla classifica conquistando il titolo di “campione d’inverno”. In serie A2 il record era stato di 7 vittorie consecutive nel campionato 1980/81. La squadra è ora al secondo posto in classifica a soli due punti da Olimpia Milano.

A distanza di un anno dall’impresa di Milano, quando il 10 0ttobre 2019, ad Happy Casa Brindisi riuscì per la prima volta il colpo storico di vincere 92-89 al Mediolanum Forum di Assago, contro l’Olimpia, la squadra di coach Vitucci ha ripetuto un’altra impresa clamorosa, autentico capolavoro tattico, cogliendo la prestigiosa vittoria sulla Virtus Bologna, al Segafredo Arena di Bologna (98-88). 

Brindisi si propone per un posto fra i “giganti” del basket

Passando da dominatore sui due campi delle più titolate squadre nazionali, con un palmares ricco di scudetti, Coppe e di trionfi in Europa, con l’autorevole presenza di nove stagioni agonistiche consecutive nel massimo campionato nazionale di basket, la New Basket di Nando Marino e soci, sponsorizzata Happy Casa esce definitivamente dal limbo delle squadre minori per ritagliarsi giustamente un posto da protagonista fra i “giganti” della pallacanestro nazionale. 

Happy Casa, time out Vitucci-2

Il segreto della “family Group”

Lavorano in palestra sotto la diligente guida di coach Vitucci ed il suo staff, giocano, si divertono ed improvvisano balletti di gruppo inneggianti alla vittoria, dando l’immagine di una allegra famiglia in cerca di gloria. La Happy Casa Brindisi di questo campionato 2020/21 ha dimostrato finora di essere una super squadra costruita in estate con grande fiuto, straordinaria capacità professionale e con sacrifici finanziari da parte della società, composta da autentici talenti che hanno impiegato ben poco tempo per integrarsi e diventare un gruppo unito per la vittoria.

Simone Giofrè-2

C’è molto del lavoro  di squadra fuori campo da parte di Simone Giofrè e Frank Vitucci e del general manager Tullio Marino, in questa squadra, chiamati a sostituire in maniera indolore le partenze di Adrian Banks e John Brown, ma anche Kelvin Martin e Tyler Stone, non si sono di certo persi d’animo ed in poco tempo hanno ricostituito una formazione che fa punti e spettacolo su tutti i campi, proponendo giocatori che nulla hanno da invidiare a quelli, pur bravi, che hanno divertito e vinto lo scorso campionato.

I “nuovi mostri”

L’asse portante fuori campo è costituito dal tandem “Giofrè-Vitucci”. Lo “Scouting” di Happy Casa che non sbaglia più un colpo da tempo, ha iniziato ad operare con l’ingaggio di Harrison D’Angelo e Derek Willis, quando ancora non si era spento l’eco dell’addio dei due idoli Banks e Brown. Si scoprirà subito che si trattava di due autentici fuoriclasse che hanno nobilitato e qualificato la squadra consentendole un salto di qualità eccellente in campionato.

Willis, Happy Casa Brindisi-3

La scelta non è stata di certo casuale ma frutto di una accurata ricerca professionale che costituisce la vera garanzia per le fortune di Happy Casa Brindisi. I due giocatori ora si integrano e fanno squadra con i nuovi americani James Bell, Nick Perkins e Ousman Krubally, si adattano con estrema facilità ai giochi predisposti da coach Vitucci e consentono l’ulteriore crescita di tecnica di Raphael Gaspardo, ora in odore di Nazionale, di Alessandro Zanelli e Riccardo Visconti. A questa squadra manca solo la continuità del pivot Nick Perkins, ma il giocatore ha già dimostrato di avere doti fisiche, atletiche e tecniche di buona qualità, e di avere bisogno di acquisire la giusta esperienza in campionato per offrire un ottimo rendimento.

Ritrovato in casa il “gioiello” più prezioso

Si tratta di Darius Thompson, l’unico americano riconfermato e brindisino di adozione, per aver sposato una giovane donna della città che ha stabilito a Brindisi la sua “casa” (che non è quella di Banks…!) ed accettato per primo, senza alcun indugio, il contratto proposto in estate dalla società. Darius Thompson sta eccellendo di partita in partita con punti, assist e canestri spettacolari, imprendibile nell’attacco al canestro ed ora anche in possesso di grandi doti di guida intelligente nel ruolo di play.

Thompson-8

Per Darius Thompson questo inizio di campionato è stato un continuo crescendo fino ad incantare e conquistare la Segafredo Arena di Bologna con giocate di grande spessore che hanno suscitato applausi e consensi per la spettacolarità e la puntualità nel trascinare la squadra nei momenti più difficili. Fa impressione con quanto personalità e carattere Darius Thompson ha preso la responsabilità di un tiro in sospensione realizzando 3 punti che, a 3 minuti dal termine, con Bologna in rimonta ed ormai a soli 2 punti da Happy Casa(80-82), ha dato la svolta definitiva alla partita finita poi in crescendo con 87-98. 

Dal +19 all’attacco di panico del +2

Nel basket, notoriamente, le partite non finiscono mai. E così dal +19 (51-70) e dopo aver messo ripetutamente in soggezione la super squadra di coach Djordievic, nell’ultimo quarto Happy Casa Brindisi ha smesso di giocare il suo basket spettacolare ed ha bruciato il vantaggio che aveva conservato di ben 11 punti(65-76).  Happy Casa ha perso la via del canestro, in 6 minuti ha realizzato solo 4 punti consentendo a Bologna un incredibile rimonta fino a portarsi a soli 2 punti (80-82) a 3 minuti dal termine (ma perché, coach Vitucci, non fermare il gioco per chiedere un doveroso time out?). Il solito Darius Thompson con la lucidità e la personalità del campione ha rimediato con un tiro in sospensione realizzando 3 punti che hanno riaperto la vena positiva della squadra, finendo in crescendo con il punteggio conclusivo di 88-98, vale a dire un parziale finale con il botto da 7 a 16 per Happy Casa realizzato in poco più di 3 minuti.

E mercoledì ritorna la Champions League

La New Basket Brindisi, intanto, mercoledì prossimo (11 novembre), palla a due alle ore 20:30, giocherà al PalaPentassuglia contro il Darussafaka Tefken, formazione turca di grande prestigio, in un match valevole per la prima giornata della fase a gironi della competizione europea. La partita sarà trasmessa in diretta Tv su Dazn Italia ed Eurosport. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Furti in casa mentre i proprietari dormono, paura nelle campagne

  • Sulla superstrada senza assicurazione e con targhe rubate: inseguimento

Torna su
BrindisiReport è in caricamento