menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tempo inclemente

Tempo inclemente

Condizioni meteo dure per lo zonale Laser

MONOPOLI – E’ ripartito domenica a Monopoli anche il circuito del campionato VIII Zona Fiv Classe Laser, la specialità più affollata e combattuta della vela pugliese, ma per il sopraggiungere di un groppo di pioggia e raffiche di vento superiori ai 20 nodi è stato possibile disputare solo una delle due prove.

MONOPOLI - E' ripartito domenica a Monopoli anche il circuito del campionato VIII Zona Fiv Classe Laser, la specialità più affollata e combattuta della vela pugliese, ma delle due prove in programma è stato possibile disputare solo la prima, per il sopraggiungere di un groppo di pioggia e raffiche di vento superiori ai 20 nodi che hanno reso ancora più difficili le condizioni meteomarine, inducendo i giudici di regata a fermare tutto (video).

In acqua c'erano 61 barche, 22 delle quali della classe 4.7 e timonieri per la grande maggior parte poco più che bambini e alla loro prima regata. Quindi saggia decisione e rientro alla base, la sede locale della Lega Navale Italiana, circolo organizzatore della prima tappa dello zonale, con i gommoni delle varie squadra a fare da "scopa" in coda alla flottiglia per garantire interventi in caso di necessità, ma tutti se la sono cavata abbastanza bene.

Il Laser è tra le specialità della vela quella che richiede particolari sacrifici. Se un ragazzo gioca a tennis, a basket, a calcio, non deve fare altro che preparare il suo borsone e andare sul campo da gioco. Il laserista invece deve raggiungere il proprio circolo, preparare la barca, caricarla o sui carrelli in dotazione alla squadra o sulla propria auto, poi fare (nel caso dello zonale pugliese) in media cento chilometri per raggiungere la sede della regata, scaricare la barca, montarla, indossare la muta, partecipare al briefing con il comitato di regata, portare la barca in acqua dagli scivoli, e farsi - come nel caso di Monopoli - un miglio e mezzo (2,7 chilometri) per raggiungere il campo di regata e la linea di partenza. Poi c'è la regata, due prove di alcune miglia ciascuna. Alla fine, tutta la stessa trafila al contrario.

A questo va aggiunto che si "gioca" sul mare, con venti e onde e correnti spesso forti, e che bisogna mettere in campo muscoli e cervello, e quando fa freddo tutto diventa molto più difficile. Ma questo nel Laser lo fanno anche ragazzi e ragazze di 14 anni. Il fatto che in acqua domenica a Monopoli ci fossero 22 barche della classe 4.7 è segno di vitalità: l'anno scorso erano solo otto, nello zonale Fiv della Puglia, i timonieri più giovani. Dietro di loro, quelli che ancora non sono pronti per fare a botte con il mare che c'era a Monopoli alla prima regata della stagione, ma che si presentano due o tre volte alla settimana agli allenamenti presso le varie scuole vela della regione, e che l'anno prossimo saranno in acqua.

Il gruppo Laser del Circolo della Vela Brindisi ha portato a Monopoli otto timonieri, causa varie assenze per altri impegni lavorativi o sportivi (o per infortunio) di altri atleti. Nella Classe Standard, la più affollata domenica con 24 barche, nella classifica dell'unica prova disputata ci sono due brindisini tra i primi dieci: Paolo Mitrotta quarto e Mirko Gallone decimo. Nella Radial due timonieri all'esordio nella classe, Alessandro Pronat che lo scorso anno ha vinto lo zonale nella 4.7, e domenica quarto all'arrivo, e Gabriele Orlandini, sesto su 15 concorrenti. Sfortunata Caterina Miglietta nella 4.7, alla sua prima regata: era in nona posizione su 22 timonieri, ma in un gruppo il cui capofila ha commesso un errore di percorso alla penultima boa, trascinandosi dietro altri tre concorrenti. Per tutti e quattro perciò è arrivata la squalifica. Ma si fa esperienza anche così.

L'ordine di mettere le barche in acqua è arrivata con un paio d'ore di ritardo sull'orario stabilito, proprio a causa dei groppi di vento e pioggia. La finestra di condizioni meno avverse però non è durata a lungo, e come già detto ha imposto al giudici di regata di dichiarare chiusa la partita dopo la prima prova. Prossimo appuntamento a Bisceglie tra un paio di settimane: altro campo di regata difficile dove il principale avversario spesso è il moto ondoso.

Monopoli - Classe Laser 4.7 Monopoli - Classe Radial Monopoli - Classe Standard

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pareti "scorticate" a causa dell’umidità: "Ecco come viviamo e nessuno interviene"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento