Martedì, 27 Luglio 2021

Il nuovo Brindisi di Arigliano: "Giovani di valore per una squadra che farà divertire"

L'imprenditore brindisino ha presentato dirigenza e staff tecnico. In caso di ripescaggio in D, obiettivo playoff. Incontro con sindaco e assessore allo Sport. Da risolvere la grana terreno di gioco. "Porte aperte a nuovi soci"

Incognita ripescaggio in Serie D. Possibili scenari societari, con l’uscita di scena di Francesco Bassi e l’ipotesi di ingresso di altri soci. La costruzione della squadra, a partire dai giovani. L’incontro con l’amministrazione comunale, con cui si è iniziato a parlare delle disastrose condizioni in cui versa il terreno di gioco. Questi gli argomenti della conferenza stampa di presentazione della nuova dirigenza e del nuovo staff tecnico del Brindisi Fc che si è svolta oggi pomeriggio (martedì 20 luglio) nella sala stampa dello stadio Franco Fanuzzi.

Daniele Arigliano-3

L’incontro con i giornalisti è stato presieduto dal neo presidente, l’imprenditore brindisino Daniele Arigliano (foto in alto), che nelle scorse settimane, con l’acquisto del 50 percento delle quote detenute dai campani Vangone e Vertolomo, ha acquisito il 75 percento di quote del sodalizio di via Benedetto Brindisi. Al vertice della dirigenza si è insediato il direttore generale Vincenzo Visone (foto in basso), che sta operando per l’allestimento della rosa in sinergia con il direttore sportivo Antonio Gravinese ed il consulente di mercato Ciro Montella. La squadra sarà affidata a mister Mauro Chianese, supportato dal vice Alessandro De Luca. Confermato nel ruolo di preparatore atletico il professore Mino Martinelli, da anni a Brindisi. Confermato anche lo storico magazziniere Tonino Pinto, da decenni volto fisso del calcio biancazzurro.

Vincenzo Visone-2

Il mercato

Le mosse di mercato dipenderanno ovviamente dalla categoria. In caso di ripescaggio in Serie D, il direttore generale Visone ha spiegato che si allestirà una squadra in grado di centrare l’obiettivo dei playoff, con la prospettiva di alzare l'asticella entro un paio d’anni. Se invece sarà confermata la retrocessione in Eccellenza, si punterà alla vittoria del campionato. In entrambi i casi l’organico sarà infarcito di “giovani di valore”, così li ha definiti Visone. Il dirigente ha più volte sottolineato che la scelta di puntare sulle nuove leve non è sintomo di un progetto al ribasso. 

Mauro Chianese-2

“Spero – afferma Visone - che i tifosi si rendano conto dello sforzo fatto dalla società. La promessa è quella che gli faremo divertire. Squadra giovane non significa non di valore. Avremo giovani di valore”. Il mister (foto in alto) ha espresso il suo orgoglio per l’approdo in una “piazza storica che ha fame”. “Assicuro ai tifosi – dichiara –che ci sarà sempre e solo attaccamento per la maglia”. “Rabbia e voglia di dimostrare” le parole chiave del credo calcistico del nuovo tecnico, che lavora a stretto contatto con la dirigenza nella costruzione della rosa.

Le vicende societarie

Oltre agli aspetti tecnici, naturalmente, non possono non tenere banco le vicende societaria. La novità del giorno è il comunicato tramite il quale il socio Francesco Bassi, rappresentante del gruppo degli ex soci del Real paradiso Brindisi, ha annunciato la decisione di mettere a disposizione della società il suo 20 percento di quote. E adesso? Chi acquisirà questo pacchetto? “Angelo Filomeno (interlocutore di un gruppo di soci interessati a entrare nel progetto calcistico, ndr) – dichiara Arigliano – ha mostrato la sua intenzione di prendere le quote. Se trovassi una brava persone cui dare un ulteriore 20 percento, ben venga”. Da parte del presidente, insomma, totale apertura all’allargamento della compagine societaria”.

Dirigenza Brindisi Fc-2

Incontro con l'amministrazione comunale

L’imprenditore stamani ha avuto il suo primo incontro con il sindaco Riccardo Rossi e l’assessore allo Sport, Oreste Pinto. Si è parlato principalmente dello stato del terreno di gioco, costellato di sconnessioni e avvallamenti, e della possibilità di istituire nuovamente una foresteria per dare alloggio agli under. Sul primo fronte, la società ha già chiesto una consulenza alla “Francese Agricoltura”, azienda specializzata nella manutenzione di impianti sportivi. Da un primo sopralluogo effettuato dal tecnico, sono emerse delle problematiche riguardanti l’impianto di irrigazione. L’impressione è che ci sarà parecchio lavoro da fare per restituire al Fanuzzi un manto erboso dignitoso. Ma da questo davvero non si può prescindere, per il rilancio del calcio brindisino. 

Si parla di

Video popolari

Il nuovo Brindisi di Arigliano: "Giovani di valore per una squadra che farà divertire"

BrindisiReport è in caricamento