rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Sport

Da Udine all'Assi il pivot Rinaldi

OSTUNI – Assi Ostuni lanciatissima per assemblare il roster concordato con il nuovo coach Franco Marcelletti. La società comunica infatti, dopo l’annuncio dell’acquisto dei due play, anche l’arrivo del pivot Tommaso Rinaldi dalle fila della Snaidero Udine. Rinaldi è un centro di 204 cm, nato a Rimini il 15 febbraio 1985. E’ cresciuto nelle giovanili della sua città natia, squadra con la quale debutta anche nel campionato di LegaDue 2001/2002.

OSTUNI - Assi Ostuni lanciatissima per assemblare il roster concordato con il nuovo coach Franco Marcelletti. La società comunica infatti, dopo l'annuncio dell'acquisto dei due play, anche l'arrivo del pivot Tommaso Rinaldi dalle fila della Snaidero Udine. Rinaldi è un centro di 204 cm, nato a Rimini il 15 febbraio 1985. E' cresciuto nelle giovanili della sua città natia, squadra con la quale debutta anche nel campionato di LegaDue 2001/2002.

Poi Rinaldi gioca un'altra stagione a Rimini, quindi viene mandato in prestito al Gira Ozzano in B1. Nel 2004 torna a vestire la casacca riminese fino al febbraio 2006, quando viene prestato nuovamente a Ozzano. Nella stagione 2006/2007 torna nuovamente a Rimini dove entra stabilmente a far parte del quintetto base.

Rinaldi fornisce un contributo importante alla squadra romagnola con 5.2 punti e 2.7 rimbalzi di media in 16 minuti giocati. Nel corso delle stagioni giocate in Romagna la sua importanza nell'economia della propria squadra cresce sempre di più. Crescono ben presto anche le sue statistiche che registrano 11.1 punti e 5.7 rimbalzi di media in 28.2 minuti giocati. Nella stagione 2009/2010 firma per la Reyer Venezia e nella passata stagione ha disputato un buon campionato ad Udine.

Giocatore capace di giocare anche in due ruoli, fa della caparbietà e della generosità i suoi marchi di fabbrica, in piena coerenza con il credo di coach Marcelletti. Ha esordito con la maglia della Nazionale nel 2008 ed è stato convocato da coach Recalcati per i XVI Giochi del Mediterraneo nel 2009. "Tommaso ha voluto fortemente l'Assi Basket Ostuni dopo essere stato a lungo inseguito da altre società che militeranno nello stesso campionato", fanno sapere dalla società della Città Bianca..

E a proposito dell'arruolamento dei due play, il direttore sportivo gialloblù Enrico Marseglia così interviene sull'assetto di questo settore cruciale della squadra: "Riteniamo di aver operato nella direzione voluta da coach Marcelletti perché abbiamo preso due giocatori giovani, caparbi e che hanno senso di squadra. Aaron Johnson è alla sua prima esperienza assoluta in Europa, ma ha la maturità necessaria per tuffarsi nel nostro campionato. Per conoscerlo meglio, è sufficiente ascoltare le sue dichiarazioni sul senso della famiglia e i valori basilari della vita. Non vediamo l'ora di vederlo esibire con tutto il suo immenso potenziale tecnico. Difende, passa magnificamente palla dopo fulminee penetrazioni e sa essere pericoloso in attacco con svariate soluzioni".

"Tommaso Marino - prosegue Marseglia - è una nostra vecchia conoscenza. Lo abbiamo incontrato ben 5 volte nel corso dei play-off della scorsa stagione quando ha portato in alto il Treviglio. Tra l'altro in gara 5 ci siamo anche mandati a quel paese! Ma come gli ho detto ultimamente, spesso è proprio dallo scontro che nasce l'incontro. Ovvio che per le sue caratteristiche il suo contributo sarà prezioso: la sua esperienza e la sua verve positiva contribuiranno sia a far cambiare ritmo alla squadra in qualsiasi momento, che a trascinarla quando potrà essere in difficoltà. Lui stesso ci ha tenuto a dire che è molto carico e che viene ad Ostuni con tanto entusiasmo".

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Udine all'Assi il pivot Rinaldi

BrindisiReport è in caricamento