rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Sport

Dino Furioso torna al calcio

BRINDISI – Il dottor Dino Furioso torna nel mondo del calcio. Sarà lui, infatti, a rilevare dal collega Franco Sterpini le redini dell’area medica della Ssd Calcio Città di Brindisi.

BRINDISI - Il dottor Dino Furioso torna nel mondo del calcio. Sarà lui, infatti, a rilevare dal collega Franco Sterpini le redini dell'area medica della Ssd Calcio Città di Brindisi. Furioso, già a partire da giovedì, ha iniziato a seguire gli allenamenti dei biancazzurri, facendosi un quadro generale dello stato di salute degli uomini di Ciullo.

"Ho trovato una società molto organizzata - dichiara Furioso - con un allenatore e uno staff tecnico estremamente preparati e professionali. Con il presidente Antonio Flora e mister Ciullo ho subito trovato un'ottima intesa". A due giorni dall'importante match casalingo contro la Gelbison, valevole per la 19esima giornata del campionato di Serie D, Furioso assicura che lo stato di salute dei giocatori è ottimo.

"Cacace - spiega Furioso - è alle prese con un ematoma sull'osso dell'anca scaturito da uno scontro di gioco, che stiamo cercando di ridurre con un bendaggio e cure fisioterapiche (presso il suo Centro medico di riabilitazione 'Laboratorio Terapie Riabilitative', messo gratuitamente a disposizione del sodalizio di via Benedetto Brin, ndr). Discorso analogo vale per il portiere Novembre, che dovrebbe essere a disposizione del mister. Troiano - prosegue Furioso - ha accusato un affaticamento al bicipite femorale, ma sta bene. La situazione, insomma, è buona".

Furioso seguirà tutte le partite casalinghe e cercherà di accompagnare il Brindisi anche in trasferta. "Se si vuole fare bene questo lavoro - spiega Furioso - bisogna essere presenti quotidianamente sul campo d'allenamento". Furioso ha intrapreso la sua avventura nel mondo della medicina sportiva a Pisa, nello staff medico della locale squadra di calcio allenata da mister Ventura, in Serie B. Dal 1991 al 2008 ha collaborato con il principale sodalizio cestistico brindisino, vivendo in prima persona la promozione in B1 della Mercatone Uno, la discesa negli inferi della B2 e la prepotente ascesa verso la Legadue della New Basket.

Nel 1999-2000, oltre al basket, Furioso si occupò anche di calcio, curando lo stato di salute dei giocatori del Fasano di mister Papagni, che all'epoca militava in C2. Chiusa nell'estate del 2008 la lunga parentesi cestistica, Furioso, nel 2010-11, fu medico sociale del Football Brindisi di Galigani, in C2. L'anno successivo passò all'Assi Ostuni Basket, in Legadue, dove è rimasto fino allo scorso anno, in B2.

"Avevo deciso - spiega Furioso - di prendermi un anno di pausa. Ma non riesco proprio a stare lontano dal mondo dello sport. Ho intrapreso questa avventura con il Brindisi con grande entusiasmo. Ci sono tutti i presupposti per vincere il campionato. Ce la giocheremo fino in fondo. Per il futuro, poi, mi auguro che il calcio possa ricevere le stesse attenzioni che negli ultimi anni ha ricevuto il basket e che i tifosi possano tornare a gremire gli spalti del Fanuzzi, così come avviene al Palapentassuglia".

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dino Furioso torna al calcio

BrindisiReport è in caricamento