Daspo e restrizioni: gli ultras del Brindisi fanno sciopero del tifo

Da domenica prossima, in occasione della partita contro il Cerignola, niente cori e niente striscioni in Curva Sud

BRINDISI – Dopo le notifiche di una serie di Daspo e le restrizioni sulle trasferte, gli ultras del Brindisi annunciano lo sciopero del tifo. A partire da domenica prossima (22 settembre), in occasione della partita contro l’Audace Cerignola valevole per la quarta giornata del campionato di Serie D, in Curva Sud non verrà esposto alcuno striscione.

Proprio in questi giorni il questore di Brindisi ha emesso il divieto di assistere ad eventi sportivi a carico di noti esponenti della tifoseria biancazzurra, al culmine di una procedura avviata nei mesi scorsi.  Gli ultras “daspati” sarebbero sette, in parte per delle intemperanze verificatesi lo scorso 2 giugno, poco prima del calcio di inizio della gara di andata della finale playoff per la promozione in Serie D contro l’Agropoli, quando vennero forzati i cancelli di ingresso della Curva Sud del Fanuzzi.

Altre procedure di Daspo potrebbero essere avviate nei prossimi giorni nei confronti di alcuni fra i tifosi del Brindisi e del Foggia che lo scorso 21 agosto presero parte a violenti tafferugli avvenuti nei pressi del parcheggio del comunale di via Benedetto Brin, poco dopo la fine del derby valevole per il turno preliminare di Coppa Italia dilettanti.  La Digos di Brindisi, a tal proposito, dopo aver analizzato numerosi fotogrammi, è prossima all’identificazione dei facinorosi. Oltre al Daspo, i responsabili degli scontri dovranno rispondere anche in sede penale delle loro azioni.

Proprio a seguito di quei fatti l’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive dispose il divieto di trasferta allo stadio Jacovone di Taranto, dove i biancazzurri lo scorso 1 settembre hanno debuttato nel campionato di Serie D, e successivamente la limitazione a soli 60 tifosi della trasferta in casa del Casarano, disertata dagli ultras del Brindisi in segno di protesta.

In questo contesto, dunque, i gruppi TK88 e 1920 della Curva Sud “M. Stasi”, attraverso una nota diramata stamattina, “comunicano che a partire dalla prossima gara interna tra Brindisi e Cerignola del 22 Settembre 2019 non presenzieranno ed esporranno più i propri striscioni, sospendendo temporaneamente tutte le attivita’ del tifo organizzato nelle gare casalinghe”.

“Prendiamo questa amara decisione perché non vogliamo pagare – si legge nella nota - per colpe non nostre. L’ultras è consapevole delle proprie azioni, ma non si può essere il capro espiatorio dell’incompetenza altrui”. Nella nota si parla di diffide “rivolte agli esponenti fondamentali dei gruppi portanti, dovuta esclusivamente alla male gestione e alla disorganizzazione tra società e forze dell’ordine”. Con questa protesta gli ultras intendono “smuovere la coscenza di tutti e a far capire che non esiste calcio senza ultras”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel cinema: si è spenta la regista brindisina Valentina Pedicini

  • Al mercato senza mascherina, "Il Dpcm non è legge": multata

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Banda delle spaccate scatenata: doppio raid in centro

Torna su
BrindisiReport è in caricamento