Sport

Enel, Al PalaPentassuglia è il giorno di Cantù: inizia il rush finale verso i playoff

La primavera porta in dote otto partite che decideranno se l'Enel Basket merita i play-off e in che posizione. Si comincia questa sera, con la Vitasnella Cantù di coach Stefano Sacripanti che al PalaPentassuglia festeggia la sua 500sima partita in serie A. Da qui alla fine della regular season, ogni march vale doppio

BRINDISI - La primavera porta in dote otto partite che decideranno se l’Enel Basket merita i play-off e in che posizione. Si comincia questa sera, con la Vitasnella Cantù di coach Stefano Sacripanti che al PalaPentassuglia festeggia la sua 500sima partita in serie A. Da qui alla fine della regular season, ogni march vale doppio, e Pullen e compagni devono fare cassa per restare aggrappati al gruppetto di testa (Milano, Venezia, Sassari, Reggio Emilia) e respingere gli attacchi delle inseguitrici: Bologna (ieri battuta a Reggio 66-56), Cremona, Pistoia e, appunto, Cantù.

Sulla carta, Brindisi avrebbe le carte in regola per tenersi stretto il quinto (o il sesto) posto, ma gli infortuni e i continui cali di rendimento, dovuti probabilmente agli impegni di coppa, hanno portato gli uomini di Bucchi lontano dalla vetta e ad un passo dall’ottavo posto, che poi è l’unica piazza da evitare nella griglia play-off, perché significherebbe eliminazione certa al primo turno contro la corazzata Milano.
 

Cantù arriva a Brindisi per fare il colpaccio e regalare al suo coach una vittoria preziosissima. "Abbiamo recuperato tutti a livello fisico – ha detto Sacripanti nella conferenza stampa pre-partita - e abbiamo fatto una settimana di allenamenti con buona intensità e dedizione. Abbiamo cercato di sistemare i nostri giochi di attacco e abbiamo lavorato in difesa su qualche automatismo importante per le nostre regole. Quello di Brindisi è un campo molto tosto e difficile dove affronteremo una squadra di grandissimo talento sia perimetrale sia interno".

"Dovremo disputare - prosegue Sacripanti - una partita attenta e solida cercando di far correre il meno possibile l’Enel e di non subire la forza e l’entusiasmo della formazione pugliese. Inoltre sarà importante limitare il numero di palle perse per non lasciare spazio alla vivacità fisica e all’atletismo degli avversari. Sappiamo che è una gara importante. Non ci interessa tanto ribaltare la differenza canestri, ma conquistare due punti vorrebbe dire compiere un grande passo in avanti".

Damian Hollis non è stato aggregato alla squadra per la trasferta di Brindisi. Non si segnalano invece problemi di infortuni nel resto del roster. In casa Enel, dopo l’ennesima settimana complicata (acciacchi per Zerini ed Eric, lieve infortunio in allenamento per Cournooh), dovrebbero essere tutti regolarmente a disposizione di Piero Bucchi.

All’andata finì 63-73 per i brindisini. Le precedenti quattro gare disputate tra le due squadre al PalaPentassuglia si sono concluse tutte con scarti inferiori ai 4 punti. C’è da cancellare un dato statistico poco incoraggiante: Brindisi ha sempre perso alla 23° giornata nelle 4 stagioni giocate in A/A1, metre da 5 anni Cantù vince alla 23° giornata.

Palla a due alle 18.15, con diretta radiofonica sulle frequenze di CiccioRiccio, che grazie alle voci di Lilly Mazzone, Tonino Bray e Piero Dell’Olio permetterà di seguire pre-partita, match e conferenza stampa dei due coach.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Enel, Al PalaPentassuglia è il giorno di Cantù: inizia il rush finale verso i playoff

BrindisiReport è in caricamento