Martedì, 18 Maggio 2021
Sport

Enel Basket, parte il toto allenatore: "El diablo" Esposito il favorito

Una partita ancora alla conclusione del campionato(la prossima in programma a Cremona, mercoledì 4 maggio), poi il via ai play off scudetto che però Brindisi vedrà in Tv, e dopo tutti in attesa di conoscere chi sarà alla guida della società New Basket

BRINDISI - Una partita ancora alla conclusione del campionato(la prossima in programma a Cremona, mercoledì 4 maggio), poi il via ai play off scudetto che però Brindisi vedrà in Tv, e dopo tutti in attesa di conoscere chi sarà alla guida della società New Basket Brindisi se Nando Marino dovesse lasciare il PalaPentassuglia per il “PalaNervegna” e passare la mano della  presidenza. 

Si resta tutti in “stand-by”, perciò,  anche se a pochi giorni dal caloroso e festoso saluto a coach Bucchi si apre con immediatezza anche il nuovo capitolo della successione alla panchina dell’Enel Basket Brindisi e si percepisce la necessità di dar vita alla rifondazione bianco-blu, partendo dalla nuova guida tecnica della squadra. 

Si parla già, e  con insistenza, di Vincenzo Esposito, attuale coach del Pistoia in corsa con la sua squadra per disputare i play off scudetto, come erede di Piero Bucchi e si dice anche che avrebbe da tempo incontrato personalmente il presidente Nando Marino per un accordo di massima, da definire a campionato concluso. Sono voci che la società si  è affretta a smentire anche perché il coach casertano è vincolato con Pistoia da un contratto biennale in scadenza l’anno prossimo e che difficilmente sarà rescisso, soprattutto se Vincenzo Esposito dovesse concludere la stagione agonistica regolare con la conseguente partecipazione ai play off. 

Vincenzo Esposito, detto “El Diablo”, è stato uno dei più prestigiosi giocatori italiani, il quarto marcatore di tutti i tempi del campionato italiano, ed il primo ad aver giocato in Nba, parla correttamente la lingua americana, ed ha un buon passato come allenatore avendo allenato Aquila Trento, Agrigento, Imola, Juve Caserta ed  attualmente  guida con pieno merito il Pistoia. 

E fra i molti candidati alla successione di Piero Bucchi si affaccia anche il nome di Walter De Raffaele, attualmente alla guida della Umana Venezia, subentrato al suo “head coach” Carlo Recalcati nel campionato in corso. De Raffaele (classe 1968) ha il vantaggio di non avere vincoli con la società di appartenenza, essendo in scadenza di contrattato a fine campionato. Anche il coach livornese ha una buona esperienza avendo  allenato Viola Reggio Calabria, Casalpusterlengo, Pavia, Verona e finanche la Nazionale under 23 LNP. 

Il presidente Nando Marino ha una lista che comprende altri tre nomi di allenatori di buona esperienza ed altri anche di LegaDue che si sono proposti per progettare la rifondazione tecnica della squadra brindisina. Il collante sarà ancora il general manager Alessandro Giuliani, contrattualmente legato  alla New Basket Brindisi anche per la prossima stagione agonistica. Toccherà ancora a Giuliani scegliere i giocatori per la prossima stagione agonistica, di intesa con il nuovo coach. 

Se dovesse essere Vincenzo Esposito potrebbe essere un buon sostegno a Giuliani, in quanto notoriamente il coach casertano è un profondo conoscitore del mercato giocatori americani. Ma alla società, a Giuliani ed al futuro allenatore  i tifosi brindisini chiedono di non rivoluzionare ancora una volta la squadra, ma di confermare i giocatori più meritevoli, quelli degni di vestire la maglia dell'Enel Brindisi, a partire da Adrian Banks, la cui quotazione, però, dopo il superlativo campionato disputato potrebbe non rientrare più nel budget della società. 

Con Adrian Banks le preferenze della tifoseria e le indicazioni più ragionevoli sono rivolte a Durand Scott, Andrea Zerini, David Cournooh, O.D. Anosike e Marco Cardillo che merita sicuramente una conferma, guadagnata sul campo con pieno merito, dopo aver ottenuto la fiducia di coach Bucchi e conquistato anche l’apporto incondizionato della tifoseria. 

Non è poi troppo pretendere una squadra fatta di certezze, di giVincenzo Esposito-2ocatori collaudati e conosciuti che meritino di essere riconfermati, ed esigere una formazione di “no-vagabonds” in cerca di ingaggi e senz’anima come i Pullen, i Reynolds, i Kadji. 

Si consolidi, finalmente, un gruppo come quello che sta completando il campionato in corso, per avere le giuste garanzie per la prossima stagione agonistica, limitando le sorprese negative (i Gagic ed i Milosevic) e si  risparmi alla “piazza” di Brindisi  i “saldi” di fine stagione ed i rimedi in corsa, da Aminu, a Chiotti, a Umeh, a Jackson fino a Trotter ed a Soko e tanti altri che non hanno portato alcun beneficio alle sorti del campionato, per costruire un progetto più stabile a media scadenza.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Enel Basket, parte il toto allenatore: "El diablo" Esposito il favorito

BrindisiReport è in caricamento