menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Jonathan Gibson, l'enigma del suo ruolo in campo (ph V.Massagli)

Jonathan Gibson, l'enigma del suo ruolo in campo (ph V.Massagli)

Enel sconfitta anche a Pesaro

PESARO - L'Enel Basket Brindisi esce sconfitta (94-90) anche dall'Adriatic Arena di Pesaro: resta in gara fino alla fine ma non dà mai l'impressione di poter portare il risultato a casa. Troppo opache le prove di Viggiano, Reynolds e Gibson per poter sperare nella vittoria.

PESARO - L'Enel Basket Brindisi esce sconfitta (94-90) anche dall'Adriatic Arena di Pesaro: resta in gara fino alla fine ma non dà mai l'impressione di poter portare il risultato a casa. Troppo opache le prove di Viggiano, Reynolds e Gibson per poter sperare nella vittoria.

Il primo quarto offre un buon numero di giocate spettacolari. L'Enel parte bene in attacco e va a canestro con buone azioni di squadra. Reynolds e Gibson cercano spesso Simmons sotto canestro, ma i loro passaggi non sempre arrivano a destinazione: Scottie in particolare getta al vento sei palloni nei primi dieci minuti, che si concludono con i padroni di casa avanti 28-21.

L'inizio della seconda frazione non è dei migliori, Pesaro raggiunge il 33-21, poi Formenti infila la tripla, Ndoja capitalizza un rimbalzo in attacco e Fultz va a canestro da sotto in attacco rimettendo in pista i brindisini (33-28). Barbour risponde con due bombe consecutive, ma Formenti e Ndoja non sono da meno e le due squadre restano incollate (41-38). L'Enel arriva al -2, ma poi le maglie della sua difesa di allargano e Pesaro, con Stipcevic, Kinsey e Barbour, ne approfitta per riportarsi avanti: 51-45 all'intervallo.

Il rientro in campo è positivo per Brindisi (51-49), ma quando Reynolds non rimette piede sul parquet le cose cambiano: l'americano è in serata negativa e perde altri due palloni, consentendo ai pesaresi di andare sul 59-51. Gibson oggi non è da meno, mentre Stipcevic mette dentro la tripla del 64-53. Gli uomini di Bucchi trovano la forze di reagire nel finale di tempo, e grazie a Grant, Gibson e alla tripla di Ndoja chiudono il terzo quarto 67-64.

Il trend non cambia all'inizio dell'ultima frazione: Reynolds ritrova finalmente la strada del canestro, prima con una bomba e poi con una schiacciata. È proprio lui, finora il peggiore in campo, a firmare il sorpasso Enel (71-70). Stipcevic lo annulla con una tripla, ma l'americano non molla e riesce a segnare 11 punti consecutivi. Un paio di errori di Gibson frenano l'Enel, Pesaro invece accelera e riprende il largo: 85-78 a 4.35 dalla sirena. I padroni di casa potrebbero gestire la vittoria, che hanno ormai in tasca, ma si complicano la vita nel finale, consentendo ai brindisini di riportarsi a -3 a un minuto dalla fine. Robinson infligge uno stoppatone a Stipcevic e l'Enel ha in mano per due volte la palla del pareggio. Ma Gibson oggi non fa il miracolo. Non è giornata nemmeno per lui.

Per l'Enel è la terza sconfitta consecutiva.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Torna ad aumentare il numero dei positivi e dei decessi in Puglia

  • Cronaca

    Sprangate contro l'ex della fidanzata: condannato a dieci anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento