rotate-mobile
Sport

Europei giovanili karate: due podi per Stea

BRINDISI – Doppio trionfo per il brindisino Samuel Stea: l’atleta della Metropolitan Karate Brindisi ha conquistato una medaglia d’oro nella competizione a squadre e una d’argento in quella individuale, in occasione dei campionati europei Cadetti e Juniores svoltisi lo scorso weekend a Lisbona.

BRINDISI - Doppio trionfo per il brindisino Samuel Stea: l'atleta della Metropolitan Karate Brindisi ha conquistato una medaglia d'oro nella competizione a squadre e una d'argento in quella individuale, in occasione dei campionati europei Cadetti e Juniores svoltisi lo scorso weekend a Lisbona (Portogallo).

Stea non ha quindi deluso le aspettative riposte nei suoi confronti dal tecnico della nazionale italiana Fijlkam (Federazione italiana lotta Judo e Karate), Lucio Maurino. Reduce da un settimo posto ai campionati del mondo di Guadalajara (Spagna), il brindisino aveva gli occhi degli addetti ai lavori puntati addosso.

La partenza alla volta di Lisbona è stata preceduta da una settimana di raduno presso il centro Olimpico di Ostia Lido. Una volta in Portogallo, Stea ha preso confidenza con la "Meo Arena", immenso palasport che per tre giorni ha ospitato 831 atleti provenienti da 46 Paesi europei. E il brindisino era considerato l'elemento di punta della spedizione azzurra.

I primi a esibirsi, venerdì, sono stati i Cadetti. Sabato, è iniziata l'avventura di Stea nella categoria Juniores. Oltre a lui, altri 29 ragazzi in gara. Samuel esordisce con una vittoria per 4-1 su un danese. Poi supera uno sloveno (5-0) e un forte serbo (5-0). In semifinale, l'atleta della Metropolitan affronta il francese Ngoan Kevin, reduce da una successo ai quarti di finale contro il turco Inis Lopez Sergio, giunto terzo in occasione dei campionati mondiali.

Ma anche in questo caso, non c'è storia: Stea vince per 4-1. Nell'altra semifinale, si impone invece lo spagnolo Galan Lopez Sergio. L'italiano e l'iberico danno vita ad una finale equilibratissima. Stea, purtroppo, si vede sfuggire il titolo continentale per una sola bandierina (3-2) portando a casa la medaglia d'argento.

Ma non finisce qui. Domenica, infatti, animato da spirito di rivalsa, Stea torna in gara per la competizione a squadre, insieme ai connazionali Gianluca Gallo e Federico Ciafrei. Al primo turno, gli azzurri battono i padroni di casa del Portogallo, sostenuti da un tifo assordante, per 5-0. Ai quarti, l'Italia manda a casa la Spagna (4-1).

In semifinale, i ragazzi di Maurino si impongono agevolmente (5-0) sulla Russia. Nel pomeriggio, sul tatami centrale, va in scena la finale contro la Turchia. La splendida esecuzione del kata (forma) "Sochin" e l'impeccabile applicazione di quest'ultimo regalano all'Italia il gradino più alto del podio. Alla Meo Arena suonano le note dell'inno di Mameli. Ed è grande la soddisfazione dei maestri della Metropolitan, Francesco Zonno e Danilo Spagnolo.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Europei giovanili karate: due podi per Stea

BrindisiReport è in caricamento