Sport

Fed Cup: cresce l'attesa. Le Williams e le azzurre a Brindisi dal 13 aprile

Mancano esattamente due settimane allo spareggio di Fed Cup che si giocherà sui campi del Circolo Tennis Brindisi il 18 e 19 aprile prossimi. Fervono i preparativi e si respira già aria di festa nel sodalizio di via Ciciriello che si appresta ad essere sede di uno dei più grandi eventi sportivi dell'anno. A confrontarsi saranno le squadre di Italia e Stati Uniti

BRINDISI - Mancano esattamente due settimane allo spareggio di Fed Cup che si giocherà sui campi del Circolo Tennis Brindisi il 18 e 19 aprile prossimi.  Fervono i preparativi e si respira già aria di festa nel sodalizio di via Ciciriello che si appresta ad essere sede di uno dei più grandi eventi sportivi dell’anno. 

A confrontarsi saranno le squadre di Italia e Stati Uniti che si contenderanno la permanenza nel World Gruop, schierando in campo giocatrici, posizionate nella top 20 del ranking mondiale. Proprio a proposito di questo, tra una indiscrezione ed un’altra, tra un pronostico ed un altro, sono ancora sconosciuti i nomi delle tenniste che lasceranno le impronte delle loro scarpe sui campi in terra rossa del Circolo brindisino: a parte, infatti, le dichiarazioni di Flavia Pennetta prima e delle sorelle Williams dopo, l’ufficialità sulla loro presenza e su quella delle altre ragazze arriverà la prossima settimana, quando – come prevede il regolamento -  dieci giorni prima della manifestazione verranno diramate le convocazioni. 

Intanto al Circolo Tennis la macchina organizzativa prosegue il suo lavoro speditamente in attesa di accogliere le due formazioni che sbarcheranno in città lunedì 13 aprile con cinque giorni di anticipo rispetto all’incontro, dal momento che nel corso dell’intera settimana sono previsti importanti appuntamenti tra cui la presentazione delle squadre, la cena ci gala, vari allenamenti a porte aperte, oltre ad una serie di eventi organizzati con i ragazzi delle scuola tennis dei Circoli della Puglia. 

Insomma, è tutto pronto una grande sfida sportiva. Sarà un spettacolo di tennis bellissimo di cui parleranno in tutto il mondo. Un pensiero, questo, che emoziona grandi e piccoli, appassionati e non, oltre coloro che nel Circolo di via Ciciriello vivono  quotidianamente e con occhi ormai esperti, tengono in mano racchetta e pallina gialla. E’ il caso del Maestro Nazionale Vito Tarlo che, contattato da BrindisiRepor.it a 15 giorni dall’evento, ha fatto il punto della situazione. 

Maestro Tarlo, mancano due settimane a questo spareggio di Fed Cup Italia Stati Uniti. Sarà una sfida difficile ed impegnativa. 
Si, sarà molto complicato. Quella della Nazionale Americana è una squadra molto forte, ma noi non siamo da meno, questo indipendentemente da coloro che verranno convocate e che quindi scenderanno in campo. Sono sicuro che sarà uno spettacolo di tennis senza precedenti. 
 

Lei per molti anni è stato lo sparring partner (Palleggiatore) della Nazionale Italiana in Fed Cup. Ha mantenuto quel ruolo anche quando la squadra si scontrò con la Russia nella sfida che si giocò a Brindisi nel 2005. Come ricorda quell’esperienza?
Il ruolo di palleggiatore della Nazionale l’ho ricoperto per quattro volte in Fed Cup: ho accompagnato le ragazze due volte a Castellaneta Marina, una Vito Tarlo-3a Maglie e poi a Brindisi. L’esperienza nella mia città fu una bellissima, vivevo a stretto contatto con la squadra e con le ragazze: ci allenavamo molte ore al giorno prima di scendere in campo. Il confronto con loro in quell’occasione fu per me motivo di crescita professionale. All’epoca, tra l’altro, la formazione era diversa rispetto ad oggi: a Flavia Pennetta e a Roberta Vinci si aggiungevano Francesca Schiavone, Tathiana Garbin, Maria Elena Camerin e Mara Santangelo. Insomma, ricordo tutto con molto immenso piacere. 

In questi giorni tra indiscrezioni e pronostici ognuno dice la sua: si vocifera la presenza a Brindisi di Venus e Serena Williams. Cosa pensa lei a riguardo?
Non conosciamo ancora le convocazioni che saranno note a tutti la settimana prossima in quanto, come prevede il regolamento,  verranno diramate dieci giorni prima dell’evento. Ma indipendentemente da questo, credo prima di tutto che le Williams se dovessero venire probabilmente lo faranno insieme, scenderanno in campo o entrambe o nessuna e poi, sono sicuro che contro di loro la sfida sarà molto dura con poche possibilità di vittoria. Certo, mettendo per un attimo da parte l’aspetto sportivo, non si può non considerare il fatto che vederle da vicino sarebbe per tutti noi un’emozione indescrivibile. Vedremo cosa accadrà”

Come lei stesso ha detto ancora sono sconosciute le convocazioni. Tornando alle Williams crede sia alta la percentuale di probabilità di vederle giocare sui campi del Circolo? Se si, come sarebbe secondo lei un eventuale scontro con Flavia?
Si, penso sia alta la percentuale di probabilità di averle ospiti nel nostro Circolo. Questo per due motivi: il primo è che entrambe hanno giocato due match di Fed Cup nel quadriennio e ne serve un altro per poter partecipare alle Olimpiadi 2016 che può essere questo oppure uno dei primi due turni del prossimo anno; il secondo è che subito dopo Vito Tarlo 2-2-2comincerà in Europa la stagione dei tornei in terra quindi giocare a Brindisi potrebbe essere anche un’occasione per iniziare ad allenarsi.  In quanto ad un eventuale scontro con la Pennetta posso dire, infine, che con Venus giocherebbe alla pari, mentre con Serena la sfida sarebbe un po’ più difficile. Ma alla fine, nel tennis, tutto può accadere e Flavia lo sa bene. 

Intanto stasera (sabato 4 aprile), nell’ambito di un accordo tra la società New Basket e la Mca Events, agenzia organizzatrice dell’evento, durante l’intervallo della partita tra Enel Brindisi e Pistoia, i ragazzi della scuola tennis del Circolo, accompagnati dai loro Maestri saranno protagonisti di una esibizione in campo della durata di 10 minuti circa. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fed Cup: cresce l'attesa. Le Williams e le azzurre a Brindisi dal 13 aprile

BrindisiReport è in caricamento