menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giuri salta anche Reggio Emilia. Vitucci: "Ognuno dovrà dare qualcosa di più"

Il tecnico dell'Happy Casa presenta la trasferta in programma domenica prossima (18.15) al PalaBigi: "“Dovremo essere bravi nel controllare il ritmo di gioco, capendo all’interno del match i momenti in cui accelerare o rallentare"

BRINDISI – “Niente disattenzioni a Reggio Emilia”. Questo il messaggio, chiaro e inequivocabile, lanciato da coach Frank Vitucci nel corso della conferenza stampa di presentazione della gara in programmaal PalaBigi di Reggio Emilia che domenica prossima (7 gennaio), palla a due alle 18,15, vedrà impegnata la Happy Casa Brindisi, per la penultima giornata del girone di andata del campionato di Serie A. 

I biancazzurri cercheranno di bissare il successo all’over time conquistato martedì scorso contro Varese. Il tecnico veneziano è partito proprio con una disamina del folle match infrasettimanale.  “Fondamentalmente siamo contenti della vittoria ottenuta con Varese – dichiara Vitucci - era di vitale importanza tornare a prendere i 2 punti e muovere la classifica. Certo, ci siamo complicati la vita con delle disattenzioni evidenti per superficialità o crollo improvviso di concentrazione ma la reazione di squadra all’overtime è da sottolineare e non dare per scontata. Dovevamo vincere e l’abbiamo fatto”.

Le prime tre partite sulla panchina biancoazzurra hanno denotato segnali positivi da diversi giocatori prima sottotono: “Sappiamo – prosegue Vitucci - che dobbiamo lavorare e migliorare ancora. Qualche giocatore ha una forma mentis un po' sbagliata, qualcuno è reduce da problemi fisici e altri ancora stanno crescendo di condizione fisica.” 

“Smith – afferma ancora il tecnico - da questo punto di vista si sta rivelando sempre più importante, crescendo di giorno in giorno come condizione fisica, così come Tepic sta mostrando le proprie qualità. Recuperarlo a pieno regime era uno dei primi obiettivi che mi ero prefissando al mio arrivo”. 

Riguardo al prossimo avversario, Vitucci descrive Reggio Emilia come “una squadra che ama correre e giocare a campo aperto, sprigionando energia con i suoi giovani”. “Dovremo essere bravi – conclude il coach - nel controllare il ritmo di gioco, capendo all’interno del match i momenti in cui accelerare o rallentare. Sappiamo che la panchina può e deve darci di più, così com’è nelle loro corde. Complice l’assenza importante di Giuri, le condizioni precarie di Cardillo e il rientro di Donzelli ognuno deve sacrificarsi e dare quel quid in più. Avremo bisogno di un grande dispendio di energie fisiche e mentali nell’arco di tutti i 40 minuti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento