menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Happy Casa Brindisi schiacciasassi: a Pesaro l'ottava vittoria di fila

Finisce 62-86. Brindisi resta in vetta, a tre giornate dalla fine della regular season. Ottimo rientro in campo di Harrison. Willis e Krubally sontuosi

BRINDISI - La Happy Casa Brindisi passeggia sul parquet della Vitrifrigo Arena, dove conquista l’ottava vittoria di fila (62-86), la nona su dieci nel girone di ritorno. Evidente il divario fra la capolista della Serie A e la Prosciutto Carpegna Pesaro, all’inseguimento fin dalle prime battute. La notizia più bella arriva da Harrison, protagonista di una splendida prova che conferma il suo pieno recupero dall’infortunio al ginocchio che per mesi lo ha costretto in infermeria. Per la seconda partita consecutiva, dopo il trionfo di domenica scorsa contro l’Olimpia Milano, il Covid ha bloccato coach Vitucci, Perkins e Thompson, oltre al direttore sportivo Giofré. Ma le assenze, ormai, non fanno né caldo né freddo a una New Basket che macina vittorie nonostante da tempo immemore non possa fare affidamento su tutta la sua potenza da fuoco. Anche oggi promosso a pieni voti l’allenatore in seconda, Alberto Morea, per la gestione delle rotazioni e la personalità con cui ha sostituito Vitucci.

La Happy Casa è ormai una macchina perfetta: un autentico schiacciasassi che oggi si è abbattuto sulla squadra di coach Repesa, orientando la partita già nel primo quarto, chiuso su + 12, dopo un massimo vantaggio di 16 lunghezze. Pesaro, disastrosa dalla lunga distanza, di tanto in tanto è riuscita a ricucire parzialmente lo strappo, ma le micidiali accelerazioni impresse dalla Stella del Sud non le hanno lasciato scampo. 

Dopo la grande prova fornita contro Milano, Willis si è ripetuto su livelli altissimi, toccando quota 24 punti. Krubally (20 punti) ha fatto il Perkins sotto le plance. Harrison ha bagnato il suo ritorno in campo con un bottino di 14 punti e una serie di giocate strepitose. Bene anche Zanelli (9). Udom (4 punti) preziosissimo in fase difensiva. Gaspardo (6) non ha fatto mancare il suo apporto. Un po’ in ombra, rispetto ai loro abituali standard di rendimento, Bell (2 punti) e Bostic (5).  In serata l'Olimpia Milano si è imposta a Sassari (73-85) agganciando Brindisi, che però, forte del vantaggio negli scontri diretti (non solo contro l'Armani, ma anche contro la Virtus Bologna, il cui impegno contro Treviso è slittato al 21 aprile) mantiene il primato, con una gara in meno rispetto alla squadra di Messina. E domenica prossima ci sarà da difendere la vetta contro Cremona (palla a due alle 20:45). 

classifica(1)-2-7

 Primo quarto

Brindisi parte con Zanelli, Bostic, Gaspardo, Willis, Krubally. Pesaro risponde con Robinson, Tambone, Drell, Cain, Filipovity. La Happy Casa è subito a pieni giri. Willis mette a segno 9 punti in 5 minuti. Dominanti sotto le plance, gli ospiti al 5’ sono avanti di 8 (4-12). Brindisi difende con la consueta aggressività e punge con ripartenze micidiali. Al 10’, con due di triple di fila di Zanelli ed Harrison, appena entrato in campo, Pesaro si ritrova sotto di 16 (9-25). Alla fine del parziale, la Prosciutto Carpegna, con i canestri di Zanotti, riduce il distacco (13-25). (In basso lo striscione dei tifosi della Cuva Sud esposto al PalaPentassuglia dopo la vittoria contro Milano)

striscione happy casa new basket-2

Secondo quarto

Trascinata da Zanotti, Pesaro cerca di restare aggrappata al match, ma la Happy Casa resta sul pezzo. Sotto di 14, al 15’ Pesaro riduce lo strappo con una tripla di Filloy (20-31). Al 17 la Happy Casa è di nuovo avanti di 15. Pesaro, però, non si dà per vinta e con due triple di fila blocca la fuga brindisina, tornando a – 11. Poi riduce a – 8 (32-40). Alla fine del primo tempo, il vantaggio della Stella del Sud torna in doppia cifra (32-43).

Terzo quarto

Brindisi in avvio di secondo tempo regala rimbalzi e perde palloni banali. Il distacco sale e scende. Al 23’ Pesaro è sotto di Otto. Poi la Happy Casa, con un parziale di 9—0, torna avanti di 17 (37-54). Al 29’ Pesaro ricuce nuovamente (43-56). Krubally si sacrifica nel pitturato, sgomitando con i lunghi avversari. Alla fine del periodo Brindisi piazza un nuovo allungo che culmina con una tripla di Harrison: un canestro che vale il + 19 (45-64). 

Ultimo quarto

Nell’ultimo periodo Brindisi si limita a gestire l’ampio margine di vantaggio. Pesaro non ha le forze per una rimonta che avrebbe del miracoloso. La Happy Casa, in scioltezza, mantiene il pallino del gioco. Al 38’ Brindisi vola sul + 27. 

Articolo aggiornato alle ore 23:05 (vittoria dell'Olimpia Milano a Sassari)
 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le nuove aperture in pandemia, simbolo di coraggio e speranza

Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento