Sport

Vittoria show (90-108) a Treviso: riecco la vera Happy Casa Brindisi

La squadra di Vitucci interrompe il digiuno di vittorie esterne che durava dal 13 dicembre. Thompson sfodera 15 assist: terza prestazione all time della Lba

Riecco la vera Happy Casa Brindisi. A Treviso si è rivista la squadra spettacolare e a tratti devastante che nel girone d’andata aveva inanellato 10 vittorie consecutive. La squadra di Vitucci, ancora priva di due elementi del calibro di Harrison e Willis, ha dominato sul parquet della Pinguino Dé Longhi (90-108 il punteggio finale), restando agganciata al secondo posto, in coabitazione con Sassari e Venezia, in attesa della partita della Virtus, a sei punti dalla capolista Milano.

Il digiuno di vittorie esterne durava dal trionfo al Forum di Assago dello scorso 13 dicembre. La New Basket è tornata a imporsi lontano dal PalaPentassuglia, cancellando la sconfitta infrasettimanale rimediata a Varese, grazie alle superlative prove di Thompson, Gaspardo e Perkins. Il primo (15 punti) ha servito la bellezza di 15 assist: terza prestazione nella storia della Lba. Il secondo ha toccato il record personale di 25 punti. Il terzo, incontenibile sotto le plance, ha realizzato 17 punti e conquistato 10 rimbalzi. Doverosa anche una menzione per Krubally (13 punti), Udom (18 punti) e Visconti (7), talento del basket italiano che anche oggi ha dimostrato di avere la stoffa. Va detto che nel primo tempo Treviso non ha sfigurato, giocandosela alla pari. Dopo l’intervallo lungo, però, la Stella del Sud ha cambiato passo, travolgendo gli avversari

Primo quarto

Vitucci schiera Gaspardo nel quintetto base, insieme a Perkins, Bell, Thompson e Udom. La Happy Casa apre i giochi con una tripla dello stesso Gaspardo, ma Treviso replica con un break di 7-0. Perkins comincia a carburare, propiziando un contro break di 6-0 che riporta Brindisi in vantaggio (9-13 al 6’). In un avvio a ritmi elevati, entrambe le difese fanno fatica a contenere le offensive avversarie. Happy Casa, in particolare, soffre i tiratori della Dé Longhi, chirurgici dalla lunga distanza. Altro problema di non poco conto sono le palle perse: ben 6 nel giro di pochi minuti. Questo spiega il margine di vantaggio di due punti (27-25) con cui Treviso chiude un vivace primo quarto. 

Secondo quarto

Nel secondo periodo calano i ritmi, ma non si schioda la situazione d’equilibrio (34-33) al l14’. Nelle rotazioni trovano spazio Visconti e Krubally. Thompson sforna assist a ripetizione. Spettacolare quello con cui, al 18’, lancia Visconti verso una schiacciata a due mani, che vale il canestro del 40-40. Alla fine di un primo tempo, Brindisi conduce di un punto (47-48). 

Terzo quarto

La Happy Casa dopo l’intervallo lungo rientra in campo con grande determinazione. Perkins e Bell sono gli autori di un nuovo mini break che regala a Brindisi un margine di 6 punti (50-56). Gli ospiti prendono le redini dell’incontro e allungano ulteriormente sul + 14 (60-74 al 29’). Zanelli firma i suoi primi tre punti con una splendida tripla. Thompson continua a sfoderare assist da manuale.

Ultimo quarto

Nel momento di maggiore difficoltà, Treviso, con un parziale di 6-0, riduce il distacco da 14 a 8 punti (68-76 al 32’). A questo punto sale in cattedra Udom, con due triple consecutive, intervallate da un tiro da tre di Logan, che ripristinano il + 14 (70-84 al 34’). Poi è Thompson, con una incursione individuale da show, a piazzare il canestro del + 16. La partita si chiude di fatto a poco più di un minuto dalla fine, quando Krubally, con una schiacciata, tocca quota 100. Da domani gli uomini di Vitucci potranno pensare all’esordio nelle Final Eight di Coppa Italia, in programma venerdì prossimo (12 febbraio), alle ore 18.30, contro Trieste, al Forum di Assago. Il campionato, invece, si prende una pausa fino al prossimo 28 febbraio, quando la Happy Casa, al PalaPentassuglia, affronterà nuovamente Trieste. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vittoria show (90-108) a Treviso: riecco la vera Happy Casa Brindisi

BrindisiReport è in caricamento