Sport

Happy Casa: batosta in Turchia, sfuma il sogno delle Final Eight

La squadra di Vitucci perde nettamente (107-88) contro il Pinar Karsiyaka. Gara a senso unico. Adesso testa al big match contro Milano

BRINDISI - Si spegne in Turchia il sogno europeo della Happy Casa Brindisi. La squadra di coach Vitucci ha perso nettamente (107-88) lo spareggio per le Final Eight di Champions League, sul parquet del Pinar Karsiyaka. La New Basket, in virtù della vittoria con un margine di 4 punti conquistata all'andata, avrebbe potuto anche perdere con un gap di tre lunghezze, ma la gara è stata a senso unico. Ad eccezione di una breve parentesi all'inizio del secondo periodo, Brindisi, ancora priva di Harrison, ha sempre inseguito. Fra il 17' e il 20' la squadra allenata da Ufuk Sarica ha piazzato la fuga vincente. Dopo aver chiuso il primo tempo sul + 10, nel terzo periodo un Pinar in grande ha dilagato, fino a toccare il massimo vantaggio di 18 punti. Nelle prime battute dell'ultima frazione gi ospiti, con uno scatto d'oroglio, hanno dato l'impressione di poter riaprire i giochi, tornando a -6, ma i turchi hanno stoppato il tentativo di rimonda, condannando Brindisi all'eliminazione.

Primo quarto

La Happy Casa Brindisi parte con Bostic, Gaspardo, Perkins, Thompson, Willis. Pinar risponde con Henry, Kennedy, M'Baye (ex New Basket), Morgan, Taylor. La Happy Casa ha un approccio incerto. Alcune incertezze offensive rallentano gli ospiti in fase realizzativa, mentre il Pinar, con 2 triple di fila, a avanti di 7 (14-7 al 4'). Willis e Thompson entrano in partita e con un mini break di 5-0 la New Basket torna a un possesso di distanza (14-12 al 5'). La New Basket sta sempre a rincorrere gli avversari, che al 9 sono di nuovo avanti di 7 (25-18). Brindisi resiste e chiude il parziale con un gap di 4 lunghezze (28-24).

Secondo quarto

Con una giocata da 3, Thompson all'inizio del secondo periodo riduce il distacco a una lunghezza (28-27). Brindisi cerca di riacciuffare i turchi, che però sono sempre pronti a riallungare. Con due triple di Zanelli e Bell, la Happy Casa tiene gli avversari sotto tiro (36-35 al 14'). Il lungo inseguimento si concretizza al 15', quando Bostic, con un tiro in sospensione, realizza il canestro del sorpasso (36-37). Brindisi migliora la tenuta difensiva, grazie all'aggressività di Udom e Krubally. Ma trascinato da Taylor, il Pinar si apre un varco. Al 17' regna di nuovo la parità (39-39). Complici due pessimi 0 su due dalla lunetta, la Happy Casa si blocca in attacco. Devastante invece Taylor, che al 30' trascina Pinar sul + 10 (49-39). Alla fine del primo tempo, dopo essere andata sotto di 11, Brindisi ha un gap di 10 (53-43).

Terzo quarto

Pinar mantiene l'inerzia dalla sua anche al rientro in campo dopo l'intervallo lungo. Al 23', Brindisi vede allontanarsi i padroni di casa (61-48). In balia degli avversari, la Happy Casa accumula un gap di 18 punti (71-53 al 25'). Alla fine del periodo, il distacco cala a -12.

Ultimo quarto

Nonostante l'ampio divario, Brindisi non si dà per vinta. Al 33', grazie a una tripla di Zanelli, il distacco torna a una cifra (83-74). Le speranze di qualificazione si riaprono al 34', quando Brindisi, con un mini break di 5-0 propiziato da Bostic e Gaspardo, torna a -6 (85-79). Ma si tratta solo di un lampo. Il tentativo di rimonta viene infatti respinto dal Pinar, che riprende in mano le redini del match, spegnendo le velleità della New Basket. Dopo tre trasferte consecutive e trasferimenti vari fra Israele, Cantù e Karsiyaka, la squadra di Vitucci si appresta a rientrare a Brindisi, dove domenica prossima (palla a due alle ore 20:45) è attesa dalla grande sfida contro la capolista Olimpia Milano. Una vittoria sulla corazzata di Messina potrebbe addirittura aprire concrete prospettive di primato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Happy Casa: batosta in Turchia, sfuma il sogno delle Final Eight

BrindisiReport è in caricamento