Sport

Champions: Happy Casa si spegne nel finale, Holon passa a Brindisi

Negli ultimi minuti la New Basket sciupa un vantaggio di 5 punti. Zanelli fuori al secondo quarto per infortunio alle caviglie

BRINDISI – La Happy Casa Brindisi soccombe al PalaPentassuglia contro gli israeliani dell’Hapoel Colon (85-87) nella gara d’esordio dei playoff di Champions League. Già penalizzata dall’assenza di Harrison, la New Basket nel secondo quarto ha perso per infortunio (distorsione a entrambe le caviglie) anche Zanelli. Come se non bastasse, Krubally è stato espulso all’inizio dell’ultimo quarto. La gara è stata tanto nervosa quanto equilibrata. La Happy Casa è stata per ampi tratti del match in vantaggio, fino a un massimo vantaggio di otto lunghezze nel secondo quarto, ma non è mai riuscita a piazzare l’allungo decisivo. Altra gravissima pecca, l’aver dissipato un vantaggio di cinque punti guadagnato a tre minuti dalle fine. Sulla sconfitta ha inciso la brutta prova di Thompson, autore di appena 5 punti. Gaspardo (15) e Visconti (11) sono stati i più vivaci. Perkins (10) e Bell (9) avrebbero potuto dare di più. 

Primo quarto

Happy Casa Brindisi parte con Willis, Thompson, Perkins, Bostic, Bell. Holon ha un ottimo approccio alla gara. Brindisi invece, lenta e prevedibile, subisce 14 punti in tre minuti, andando sotto di 8 (6-14). Dopo aver accumulato un divario in doppia cifra, Brindisi cerca di riassestarsi, mentre Holon si inceppa. Al 9, grazie a un gran mini break di 13-0, Brindisi effettua il sorpasso (25-23). Alla fine del quarto, gli israeliani sono avanti di 1 (25-26). 

Secondo quarto

Il secondo periodo è all’insegna dell’equilibrio. Gli ospiti tentano nuovamente di prendere un margine, ma la Happy Casa riesce a tenerli a freno. Al 17’ regna la parità (40-40). Al 19’, Zanelli, a seguito di uno scontro con un avversario, rimedia una distorsione a entrambe le caviglie. Al 19’ un ottimo Visconti sale in cattedra con due triple consecutive che regalano alla Happy Casa un vantaggio di 4 lunghezze (50-46), con cui chiude il primo tempo.

Terzo quarto

Dopo l’intervallo lungo, la Happy Casa torna in campo con un piglio ancora più deciso. Con un Thompson che finalmente entra in partita, Brindisi, al 23’, è avanti di 8 (54-46). L’allungo della New Basket si ferma lì. Al 27’, Holon dimezza il distacco (60-56). La gara scorre a ritmi lenti. Brindisi non trova varchi in attacco. Al 30’ il vantaggio scende a un solo punto (64-63). Grazie a una tripla di Gaspardo Brindisi riguadagna un margine di 4, ma a 37 secondi dalla fine del periodo Bostic commette un antisportivo. Holon non ne approfitta, ma riesce a chiudere il quarto sotto di due soli punti (67-65). 

Ultimo quarto

Al 31’, Holon riagguanta la Happy Casa (68-68), frenata da un Bostic che commette troppi errori, tanto da costringere Vitucci a richiamarlo in panchina. Al 33’ succede di tutto. Tyrus Mc Gee si becca un tecnico, mentre Krubally viene espulso. L’inerzia nel frattempo pende con decisione a favore dell’Holon, che va avanti di 6 (68-73 al 33’). In un momento particolarmente critico per la Happy Casa, Visconti toglie le castagne dal fuoco con una splendida giocata da 4 che riporta Brindisi avanti di 1 (74-73). 

Priva di Zanelli e Krubally (per non dimenticare il lungodegente Harrison) la Happy Casa stringe i denti. Al 37’, la New Basket è avanti di 4 (82-78). A 2,20 dalla fine, gli israeliani si complicano la vita con un tecnico, ma Brindisi racimola appena un punto (83-78). Il vantaggio sale a 2 a 1,20 dalla fine, ma Thompson, con uno zero su due dalla lunetta, inguaia Brindisi, perché sull’azione successiva Holon pareggia (83-83). Il finale è avvincente. A 19 secondi dal termine Pnini piazza la tripla del sorpasso: quello decisivo. Nell’altra partita del girone, disputata alle 18.30, il PInar Karsiyaka ha battuto (78-70) il Tofas Bursa. Happy Casa tornerà in campo domenica prossima, in casa della Fortitudo Bologna (palla a due a mezzogiorno). 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Champions: Happy Casa si spegne nel finale, Holon passa a Brindisi

BrindisiReport è in caricamento