menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sfuma nel finale l'impresa contro la capolista Venezia: terzo ko per Brindisi

La Happy casa perde di tre punti contro l'Umana Reyer, al termine di una partita che ha avuto sempre in mano, fino a costruire un massimo vantaggio di 12 punti

BRINDISI - Brindisi si vede sfuggire nel finale una vittoria che sarebbe stata meritatissima contro i campioni d'Italia in carica dell'Umana Reyer Venezia. Gli uomini di coach Dell'Agnello, reduci da due sconfitte consecutive, sono stati in vantaggio per l'intero arco del match, ritagliandosi anche il massimo gap di 12 punti. Ma la Reyer ha avuto il merito di restare sempre in partita, prendendo in mano l'inerzia della gara proprio all'ultimo giro di lancette, quando Brindisi sembrava a un passo dalla prima vittoria stagionale. La sconfitta (74-77) ad ogni modo non cancella l'ottima prova dei biancazzurri, fra le cui file finalmente ha brillato Milenko Tepic. 

Lalanne-3

Primo quarto

La Happy casa parte con Barber, Tepic, Mesicek, Lalanne e Randle. Venezia risponde con Haynes, Peric, Johnson, Orelik e Watt. Coach Dell’Agnello aveva chiesto ai suoi un approccio deciso alla partita. E così è stato. La Happy scende in campo senza alcun timore reverenziale rispetto ai campioni d’Italia. I biancazzurri sono efficaci in attacco e attenti in difesa. Dopo 5 minuti, il vantaggio di Brindisi sale a nove punti (13-4). Lalanne si fa sentire sotto le plance. Barber dà il là a tutte le azioni. Giuri, come di consueto, resta in panchina per buona parte del primo parziale, che si chiude con uno scarto (22-16) di 6 punti a favore dei padroni di casa. 

Mesicek-3

Secondo quarto

Venezia, reduce dai tre tempi supplementari disputati nel match infrasettimanale di Champions League, nelle battute finali del primo quarto si risolleva. Ma il secondo parziale comincia con una nuova fiammata dell’Happy Casa, che grazie a una tripla di Giuri e a un canestro di Cardillo stabilisce il nuovo massimo vantaggio (27-16). 

Fra i più in palla della New Basket figura Tepic, animato da spirito di rivalsa dopo le opache prestazioni fornite contro Torino e Pistoia. E’ sua la doppia tripla che fra il 14’ e il 16’ mantiene Brindisi sul più 10 (22-32). Ma i tiratori lagunari non sono da meno. Su entrambi i fronti, crescono le percentuali realizzative dalla lunga distanza. Brindisi è incisiva soprattutto nel pitturato. Al 17’, Suggs realizza con un sotto mano il canestro del più 12 (40-28). All’intervallo lungo, Brindisi è avanti di sette (46-39). 

Cat Barber-4

Terzo quarto

Al rientro in campo, gli ospiti danno una prepotente accelerata e nel giro di un paio di minuti si portano a una sola lunghezza (50-49) da Brindisi, che non riesce più a difendere come nel primo tempo. In questa fase di gioco le due compagini si affidano soprattutto alla soluzione dei tiri dalla distanza. La mira dei veneti è pressoché impeccabile. Nel momento di maggior pressione dell’Umana, la New Basket si compatta e resiste con ordine alla pressione esercitata dai campioni d’Italia. Al 27’, Brindisi ha ancora un margine di otto punti dalla sua parte (61-53). Alla fine del periodo, il vantaggio si assottiglia a quattro punti (65-61).

Ultimo quarto

Brindisi è encomiabile per lo spirito di squadra con cui riesce a riorganizzarsi, ogni qualvolta Venezia sembra sul punto di riagguantare il risultato di parità. Accade anche all'inizio dell'ultimo quarto, quando gli avversari si portano ad appena due lunghezze dai biancazzurri, senza però riuscire a coronare l'inseguimento. Al 35' Brindisi ha ancora un discreto margine da difendere (69-63). Agevolati anche da un paio di errori dalla lunetta di lalanne sul più quattro per Enel, i veneti, al 39', agguantano la Happy Casa. A un minuto dalla fine della gara, la contesa è riaperta (71-71). Stavolta l'inerzia è dalla parte di Venezia, che a 26 secondi dalla sirena, con un tripla di Bramos, va sul più tre (71-74). La partita di fatto finisce qui per Brindisi, perché sull'azione successiva i biancazzurri non riescono ad andare a bersaglio, mentre sul ribaltamento di fronte, Venezia mette in cassaforte i due punti. Domenica prossima, altra sfida proibitiva, sul parquet dell'Armani Milano, per l'Happy Casa. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Attualità

    Donne e politica: "Un mondo ancora pieno di pregiudizi"

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

  • Attualità

    Presentato "Take It Slow", il turismo che unisce esperienze e comunità

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento