menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Happy Casa: la trasferta più lunga della storia per stupire ancora di più

Mercoledì primo fondamentale impegno per la qualificazione alle Final Eight di Champions, in Israele. Harrison non è partito

BRINDISI - Nella stagione dei miracoli e dei record ci mancava anche quello della trasferta più lunga della storia del basket brindisino. Happy Casa Brindisi, infatti, per le partite di Champions League e di campionato resterà fuori sede 9 giorni complessivi durante i quali sarà impegnata a seguire, prima in Israele, contro Hapoel Holon, poi in campionato a Cantù, ed infine ancora in Champions League in Turchia, contro Pinar Karsiyaka. La società New Basket, sottoponendosi nuovi sacrifici finanziari, ha ritenuto di limitare per quanto possibile il disagio della squadra dovuto alle lunghe trasferte ed agli impegni troppo ravvicinati di Champions e campionato, scegliendo di fare base logistica a Milano, con hotel vicino all’aeroporto di Malpensa.

Operazione Champions League

Happy Casa parte in volo per l’operazione Champions League, pertanto, questo pomeriggio di lunedì 29 marzo alla volta di Milano Malpensa, dove arriverà nella tarda serata e pernotterà in hotel vicino allo stesso aeroporto. Nella mattina di martedì 30 marzo la squadra partirà da Milano Malpensa alla volta di Kiev (Ucraina) e prenderà poi il secondo volo diretto per l’aeroporto di Tel Aviv dove atterrerà dopo le ore 21. La squadra si trasferirà subito dopo l’atterraggio ad Holon, che dista circa 30 chilometri dall’aeroporto di Tel Aviv, per prendere posto in hotel. La mattina di mercoledì 31 marzo è prevista una seduta di allenamento agli ordini di coach Vitucci e del suo staff e nel pomeriggio si disputerà la partita contro Hapoel Unet-Credit Holon, con inizio alle ore 20, nella Toto Arena Holon. 

Il ritorno a Cantù per il campionato

Il girono successivo, giovedì 1 aprile, la squadra farà ritorno a Milano, con volo in partenza da Tel Aviv via Kiev, dove si fermerà in località Sena Comasco(Como) e si allenerà nel palasport “Vitale Broggi”, in attesa della partita di campionato in programma per sabato 3 aprile alle ore 17 che si disputerà al “Pala Banco Desio” contro Acqua S. Bernardo Cantù di coach Piero Bucchi. La squadra brindisina resterà ancora fuori sede per riprendere ancora il volo da Malpensa, lunedì 5 aprile, per trasferirsi in Turchia dove il successivo martedì 6 aprile dovrà affrontare nello Spor Salonu Arena la formazione di Pinar Karsiyaka, per l’ultimo impegno di questa fase Top 16 della Champions League. Il ritorno della comitiva brindisina a Brindisi è previsto per mercoledì 7 aprile.

Tutti in trasferta. D’Angelo Harrison non parte

Per la trasferta più lunga coach Vitucci ha convocato tutti i giocatori disponibili per le tre partite in programma fra Champions League e campionato. A differenza di quanto appreso in un primo momento, D'Harrison non è partita per Israele. Il giocatore americano continuerà a svolgere il suo programma di lavoro differenziato a Brindisi. Le condizioni fisiche e lo stato di forma di D’Angelo Harrison saranno di volta in volta valutate dallo staff tecnico e dall’impegno che sarà considerato in partite che richiederanno il massimo sforzo fisico ed atletico e tenuto conto che il giocatore americano manca da un impegno agonistico dal 27 gennaio, data dell’infortunio subito contro Burgos.

Martedì, intanto, alle ore 18, derby fra le squadre turche del Tofas Bursa e del Pinar Karsiyaka, con diretta su EurosportPlayer. 

Articolo aggiornato alle ore 22.18 (Harrison non è partito)


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento