menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Brindisi-Corfù 2010, Forte a Mare e la Diga di Punta Riso (Andrea Carloni)

La Brindisi-Corfù 2010, Forte a Mare e la Diga di Punta Riso (Andrea Carloni)

I Leoni di Messapia alla regata

BRINDISI - Le imbarcazioni salentine che parteciperanno il 12 giugno alla Regata Internazionale Brindisi-Corfù porteranno sul paterazzo o sulle sartie il vessillo dei "Leoni di Messapia".

BRINDISI - Le imbarcazioni salentine che parteciperanno il 12 giugno alla Regata Internazionale Brindisi-Corfù porteranno sul paterazzo o sulle sartie il vessillo dei "Leoni di Messapia", come simbolo identificativo etnico e culturale delle popolazioni di quest'area geografica sempre più nota a livello turistico, nonché come richiamo al ruolo svolto nella libera e pacifica circolazione delle me rci in Mediterraneo dal re messapico Arthas. Inoltre, all'imbarcazione vincitrice dell'edizione 2013 della regata, andrà anche la coppa del Premio Re Arthas, la riproduzione di una trozzella messapica finemente decorata.

L'iniziativa è stata presentata oggi alla Camera di Commercio di Brindisi alla presenza di Livio Georgevich, presidente del Circolo della Vela Brindisi, organizzatore della Brindisi-Corfù, del presidente dell'ente camerale, Alfredo Malcarne, e del professore Fernando Sammarco, presideinte dell'associazione Hetairia - I Leoni di Messapia, che assieme ad Assonautica Puglia ed alla Camera di Commercio di Brindisi promuove il progetto. La trozzella che andrà in premio all'armatore della barca vincitrice raffigura un naviglio con il volto del dinasta messapico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento