menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Casarano espugna il Fanuzzi: i biancazzurri perdono la vetta

I salentini si impongono grazie a una rete allo scadere del primo tempo. Il Brindisi, poco incisivo, recrimina per due rigori non concessi

BRINDISI – Il Casarano passa al Fanuzzi, aggiudicandosi il big match fra le due capolista del campionato d’Eccellenza. I salentini portano a casa la vittoria grazie a una sfortunata autorete di Ianniciello allo scadere dal primo tempo. I brindisini, su tutte le furie per alcune discutibili decisioni arbitrali, fra cui un penalty non concesso nel primo tempo, sono stati sterili in fase offensiva.

Grande la delusione fra gli oltre 2mila tifosi biancazzurri assiepati sugli spalti del Fanuzzi, che ha regalato un colpo d’occhio che non si vedeva da anni. Circa 200 i tifosi del Casarano presenti nel settore ospiti. Momenti di tensione si sono registrati prima della gara, quando un pullman che trasportava tifosi ospiti, nel transitare nei pressi del parcheggio situato in via Benedetto Brin, a ridosso dello stadio, è stato bersagliato da un lancio di oggetti. Fortunatamente non si sono registrati feriti. E’ addebitabile ai supporters del Casarano, invece, il danneggiamento dei servizi igienici della Curva Nord.

I fratelli Barretta tornano allo stadio

Non è passata inosservata la presenza in tribuna d'onore, sulla stessa fila dei dirigenti del sodalizio biancazzurro, dei fratelli Francesco e Rino Barretta. La famiglia Barretta ha infatti retto le sordini del calcio brindisino fra il 2004 e l'estate 2011. Da allora, c'è stato un totale distacco dalla maglia con la V. Il ritorno fra gli spalti dopo sette anni di lontananza, non può non suscitare un certo interesse. Sono andati al Fanuzzi solo per il desiderio di assistere al big match, oppure c'è dell'altro? Il tempo lo chiarirà.

Primo tempo

Olivieri, come nelle previsioni, non apporta variazioni alla formazione scesa in campo domenica scorsa, confermando l’ormai collaudato 4-3-3. Altrettanto collaudata la coppia di difensori centrali composta da Fruci e Ianniciello, affiancati a sinistra da Iaia e a destra da Ruscigno. A centrocampo, Marino in cabina di regia, supportato da Cordisco e Giunta. In attacco, punta centrale Pignataro. Sugli esterni, Procida e Quarta.

La prima occasione della partita arriva al 10’, quando il portiere biancazzurro, Lacirignola, si supera su un tiro ravvicinato, pressoché a botta sicura, di Di Rito. Il 14’ Cordisco colpisce il palo con un colpo di testa, ma l’assistente di linea alza la bandierina, segnalando una posizione di fuori gioco. Al 23’ Pignataro si invola verso il portiere, lo salta e cade a terra. Per l’arbitro, ha simulato. Inevitabile quindi il cartellino giallo. Al 32’, una rasoiata di Quarta attraversa l’area di rigore, ma nessun biancazzurro riesce a intercettare la traiettoria. All’ultimo gito di lancette, gli ospiti passano in vantaggio con un calcio piazzato dalla trequarti, che si stampa sul palo e poi finisce sul petto di Ianniciello, incolpevole autore di un autogol. L’arbitro non dà neanche il tempo di riavviare il gioco con la palla a centrocampo, perché manda tutti negli spogliatoi.

Brindisi-Casarano nelle foto di Vito Massagli

Secondo tempo

Il Brindisi approccia il secondo tempo con decisione, ma il Casarano si difende con ordine, senza correre grossi pericolo. Al 17’, anzi, sono i salentini a sfiorare il raddoppio con Di Rito, che solo davanti a Lairignola, dal limite dell’area di rigore, fa partire un pallonetto che si spegne sul fondo. Al 18’, Quarta, quasi dalla linea di fondo, tenta di pescare il secondo palo con un rasoterra, ma anche in questo caso la sfera finisce oltre la linea di fondo. A partire dal 30’, gli uomini di Olivieri si riversano nella metà campo rossoblu. Gli avversari difendono con ordine, chiudendo bene ogni varco. Al 44’, altra monumentale occasione da rete per gli ospiti, che ancora una volta, davanti a Lacirignola, non concretizzano.

Olivieri polemico con l'arbitro: "Ci ha negato due rigori"

Nei minuti di recupero, si protrae la sterilità offensiva dei padroni di casa, che non riescono ad aprire una breccia fra le mura avversarie. Il Casarano dunque resta da solo in testa alla graduatoria, con tre punti di distacco sui biancazzurri, che domenica prossima sono attesi da un altro big match in casa del Barletta, terza forza del campionato, a un punto dal Brindisi

Tabellino

Brindisi – Casarano 0-1

Brindisi: Lacirignola, Ruscigno, Iaia (Boulam dal 43’ st), Fruci, Ianniciello, Giunta, Marino, Cordisco (Acosta dal 31’ st), Procida, Quarta (Girardi dal 23’ st), Pignataro. A disposizione: Pizzolato, Salamina, Boulam, De Iudicibus, De Fazio, Merito, Lanza, Girardi, Acosta. All. Olivieri

Casarano: Grasso, Lobjanidze, Diaoula, Vicedomini, D’Aiello, Bonasia, Palmisano, Rescio (Agoridin dal 23’ st), Di Rito (Dall’Oglio dal 46’ st), Mincica, Caputo Cianci dal 23’ st). A disposizione: Noto, Cantatore, Esposito, Presicce, Palma, Cappilli, Agoridin, Dall’Oglio, Cianci. All. De Candia

Marcatori: Ianniciello (autogol, Br)

Note: Circao 2500 spettatori allo stadio Fanuzzi, fra cui circa 200 tifosi giunti da Casarano

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento