rotate-mobile
Sport

Il Football Brindisi affronta il Milazzo dei giovani e saluta Mortelliti

BRINDISI – Il Football Brindisi è partito nel primo pomeriggio per la trasferta di Milazzo. Si ferma a Reggio Calabria, dove domattina svolgerà un allenamento nella struttura della Reggina per poi trasferirsi a Milazzo, Comune a una quarantina di chilometri da Messina, la cui squadra sarà il prossimo avversario del Football Brindisi 1912. Per questa gara l’allenatore Massimo Rastelli ha convocato venti giocatori: Marconato, Prisco, Lispi, La Rosa, Montella, Radi, Taurino, Mottola, Cejas, Battisti, Minopoli, Pollidori, Cerbone, Pisa, Matarazzo, Piro, Alessandrì, Maiorino, Ceccarelli e Moscelli.

BRINDISI - Il Football Brindisi è partito nel primo pomeriggio per la trasferta di Milazzo. Si ferma a Reggio Calabria, dove domattina svolgerà un allenamento nella struttura della Reggina per poi trasferirsi a Milazzo, Comune a una quarantina di chilometri da Messina, la cui squadra sarà il prossimo avversario del Football Brindisi 1912. Per questa gara l'allenatore Massimo Rastelli ha convocato venti giocatori: Marconato, Prisco, Lispi, La Rosa, Montella, Radi, Taurino, Mottola, Cejas, Battisti, Minopoli, Pollidori, Cerbone, Pisa, Matarazzo, Piro, Alessandrì, Maiorino, Ceccarelli e Moscelli.

Sono rimasti a casa Gelfusa, Cunsolo e Pupino, ancora alle prese con piccoli acciacchi. E' invece andato via Mortelliti. Una rottura improvvisa, probabilmente dovuta al fatto che il giocatore non trovava spazio nella rosa affollatissima di questa squadra. Mortelliti se ne è tornato a casa e cercherà di trovarsi una nuova sistemazione. Cosa che dovrebbe essere accaduto anche a Vicentini, il difensore ex Igea Virtus, passato come una chimera in questa società. Definitivamente fuori è anche Manoni, così come abbiamo anticipato da diverso tempo, vittima di un grave infortunio ad un ginocchio.

Il numero dei giocatori biancazzurri continua a ridursi anche se ancora sono proprio tanti i tesserati. Un numero esorbitante (si è toccato la punta di 42 unità) che ha impedito un lavoro mirato con i componenti la rosa, sino a quando Rastelli non ha deciso di dividerli in modo da poter lavorare con criterio. Questa trasferta, dodicesima giornata, arriva dopo la sosta di domenica scorsa. ""Sicuramente - ha sottolineato il tecnico - la sosta è stata salutare sotto un duplice aspetto. Intanto perché ha consentito alla squadra di potersi allenare ininterrottamente, sebbene un altro paio di settimane di pausa ci avrebbe senza dubbio consentito di raggiungere una condizione più che accettabile. E poi ha consentito ai ragazzi di assimilare certi schemi che, sino ad oggi, avevano difficoltà a memorizzare. Questo mi fa ben sperare. Ora bisogna solo pensare a vincere. Dobbiamo scendere in campo e vincere. Ce la possiamo fare".

Del Milazzo dice: "E' una squadra molto giovane, la più giovane di tutta la Lega Pro, composta per la stragrande maggioranza da ragazzi molto interessanti provenienti dal vivaio del Catania. Una formazione che, dopo una partenza difficoltosa e stentata, ha ingranato ed ora ha un ruolino di marcia di tutto rispetto. Ma, al di là del valore dei nostri avversari, quelli di domenica e tutti quelli a venire, noi sappiamo qual è il nostro obiettivo e siamo proiettati verso il raggiungimento di posizioni migliori rispetto a quella che attualmente occupiamo". La gara sarà diretta da Giuseppe Cifelli di Campobasso; primo assistente Amedeo Fascetti di Reggio Calabria, secondo assistente Nicola Ruggiarello di Trapani. Due siciliani su tre a dirigere una gara di una squadra siciliana. Una scelta non proprio opportuna. La speranza è che non siano di parte.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Football Brindisi affronta il Milazzo dei giovani e saluta Mortelliti

BrindisiReport è in caricamento