menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giovanni Malagò con Carlo Molfetta e il maestro Roberto Baglivo

Giovanni Malagò con Carlo Molfetta e il maestro Roberto Baglivo

Malagò a Mesagne: "Stanziati 100 milioni per lo sport nel Mezzogiorno"

Il presidente nazionale del Coni ha visitato la palestra Asd Marzial e l'istituto Ferdinando EPifanio di Mesagne, insieme al campione olimpico Molfetta. Sul commissariamento della Figc: "Dipende dalla Lega"

BRINDISI – Giornata da ricordare per la palestra Asd Marzial e per l’istituto Epifanio Ferdinando di Mesagne, che stamattina (27 novembre) hanno accolto il presidente del Coni, Giovanni Malagò. Il massimo rappresentante dello sport italiano ha incontrato il giovane atleta Vito Dell’Aquila, neo campione europeo junior di taekwondo nella categoria -55 kg, l’ultimo di una lunga serie di talenti sfornati dalla palestra diretta dal maestro Baglivo, fra cui il campione Carlo Molfetta, oro olimpico ai Giochi di Londra 2012. Lo stesso Molfetta, insieme al presidente nazionale della Fita (Federazione italiana taekwondo), Angelo Cito, al presidente federale regionale, Martino Montanaro, e al consigliere federale Francesco Campanella, ha accompagnato Malagò nel corso della visita.

GUARDA IL VIDEOSERVIZIO

Giovanni Malagò a Mesagne-5

Questi ha dispensato battute e sorrisi, mostrando grande disponibilità sia nei confronti dei giornalisti che delle tante persone che hanno seguito l’evento. Numerose le tematiche di cui ha parlato il dirigente del Coni, che ha spaziato dalla questione riguardante il commissariamento della Figc ai fondi stanziati per il rilancio dell’impiantistica sportiva nel Sud Italia.

Bando per lo sport nel Mezzogiorno

Questo fronte interessa anche la provincia di Brindisi e il Comune capoluogo, visto che l’amministrazione comunale ha candidato il progetto di ampliamento del PalaPentassuglia a un bando nazionale del Coni, denominato Sport e Periferie, per il quale sono stati stanziati 100 milioni di euro, da quanto dichiarato da Malagò. Si tratta della seconda trance di un finanziamento che per il 75 per cento è confluito verso strutture e impianti che si trovano nel Mezzogiorno. 

Giovanni Malagò a Mesagne 2-2

L’attenzione di Malagò per il Meridione è testimoniata dal fatto che martedì (28 novembre) la riunione della giunta nazionale del Coni si svolgerà a Bari. “Domani – dichiara Malagò -  faremo la prima giunta della storia del Coni qui in Puglia, per cui oggi siamo felici, con tutta la mia squadra, di dare una testimonianza. In Italia ci sono queste eccellenze nello sport insospettabili. “Mi viene da pensare a Jesi, a quello che hanno fatto con la scherma, col fioretto – ha proseguito – e ad altre realtà”.

La crisi del calcio

Uno dei temi caldi di questi giorni è quello riguardante il futuro della Figc, dopo le dimissioni rassegnate dal presidente Carlo Tavecchio, a seguito della mancata qualificazione dell'Italia ai mondiali di calcio.  “Non c’è un problema solo nel calcio – afferma Malagò - anche in qualche altro sport”. “Il calcio – ha proseguito – è quello che coinvolge tutti, soprattutto a livello mediatico. Motivo per cui la ferita è più importante”. 

DSC04317-2

Il futuro della Figc è adesso in buona parte nelle mani della Lega di Serie A, che oggi si riunisce per l’elezione del nuovo presidente. “Non lo so, non lo posso sapere, stanno in riunione in Lega”. E’ così che ha risposto Malagò a domanda sul possibile commissariamento della federazione. “Le cose che dovevamo dire le abbiamo dette. Sta a loro – afferma ancora il presidente - affrontare questo problema. Noi abbiamo fatto una valutazione onesta, coraggiosa, penso anche sacrosanta. E’ giusto che all’interno delle componenti, in questo caso della Lega di A, facciano le loro valutazioni. E’ giusto rispettare le questioni democratiche”.

  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento